Cerca nel blog

Caricamento in corso...
"Giornalismo è diffondere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è propaganda"

giovedì 21 agosto 2014

mea maxima culpa film completo in italiano - parte 1



documentario completo anche su emule - PARTE 2: http://youtu.be/4DevsbrzkC8



Mea Maxima Culpa, il film sul lato più oscuro della Chiesa

Il nuovo lavoro di Alex Gibney esplora un tema delicato: la pedofilia nella Chiesa. E lo fa in modo nuovo e delicato, privo di qualsiasi morbosità

 di Gabriele Niola

Probabilmente ci voleva proprio un americano cresciuto secondo un’ educazione cattolica, per andare a guardare da vicino con occhi non velati da odio o pregiudizi, il problema della pedofilia nella Chiesa. E’ solo una coincidenza poi che quest’americano sia anche il più grande regista di documentari in attività, Alex Gibney (premio Oscar per Taxi to the dark side). 

Andando a scavare nel rapporto tra Chiesa e i casi di pedofilia Mea Maxima Culpa dunque non solo affronta un argomento molto trattato e abusato, riguardo il quale non c’è discussione in merito a chi sia in torto e chi in ragione ma anche uno sul quale la principale parte in causa è impossibile da intervistare o anche solo avvicinare, eppure riesce a gettare nuova luce, iniettare nuove idee e raccontare nuove storie, evitando ogni forma di morbosità o complottismo. 

Yogananda Paramahansa Divina coscienza



Yogananda Paramahansa Divina coscienza

Splendida narrazione sulla vita e gli insegnamenti di questo grande maestro spirituale, validi e applicabili da ogni serio ricercatore della Verità.

mercoledì 20 agosto 2014

AVE MARIA, NANA MOUSKOURI



Ave Maria, gratia plena,
Dominus tecum,
benedicta tu in mulieribus,
et benedictus fructus ventris tui, Iesus.
Sancta Maria, mater Dei,
ora pro nobis peccatoribus, nunc et in hora mortis nostrae.
Amen.

http://suoni-vibrazioni.blogspot.com

martedì 19 agosto 2014

The Challenge of Change - Jiddu Krishnamurti Biography - parte 1 (di 9) - Sub ITA




The Challenge of Change è la storia avvincente di un grande maestro religioso del XX secolo, dalla sua infanzia, ai suoi dialoghi con persone di tutto il mondo fino alla sua morte nel 1986.
Attraverso la Società Teosofica di cui era presidente, Annie Besant, che aveva adottato lui e suo fratello, proclamò Krishnamurti come il Maestro del Mondo, che storicamente era stato preannunciato e atteso dalla Società stessa.
Krishnamurti, respingendo qualsiasi statuto speciale, sciolse l'Ordine della Stella che era stato istituito attorno a lui, dichiarando che "la verità è una terra senza sentieri", negando che vi possa essere alcuna autorità in materia religiosa. 
Questa storia straordinaria, raccontata attraverso film documentaristico è una preziosa introduzione alla vita e all'insegnamento di Krishnamurti.
Ci sono brani tratti dai suoi numerosi colloqui, così come un'intervista fatta per il film. Egli non ha parlato come un guru, salvatore o maestro, ma come uno che ha chiesto il risveglio dell'intelligenza a tutti gli esseri umani.

Regia: Michael Mendizza
Durata: 100 minuti
Lingua: inglese
Sottotitoli: italiano

parte due: http://youtu.be/-wGrlJfGFsA

lunedì 18 agosto 2014

La consapevolezza di essere schiavo

Secoli di libri, e secoli di sangue. Nella storia molti individui si sono definiti liberi o "realizzati". Partiamo dal fatto che la libertà è qualcosa di soggettivo, e ognuno la esprime a modo suo. Ma ne filosofia, o altre scuole di pensiero che illustrano chissà quali concetti di vario tipo sulla libertà mi convincono. Io resto dell'idea che la libertà comincia dal momento che si comprende pienamente di essere schiavi, come disse Morpheus nel Film Matrix per intenderci. Siamo schiavi sempre di qualcuno o di qualcosa, così come i pensatori contemporanei che dicono tante belle teorie sul web per esempio, ma poi dipendono dai computer. Alla fine dei conti, nessuno, ma proprio mai nessuno è riuscito a fare la differenza, a dare quella svolta epocale che molti vorrebbero.
Io so di essere uno schiavo, c'è chi è più schiavo di me, ma fin tanto che abbiamo un corpo, con delle mani, con delle braccia, con delle gambe, siamo sempre sottomessi alla fisicità della materia.
Basti pensare, alle proprie scarpe per esempio, indossiamo cose che sono prodotte dallo sfruttamento di uomini e donne, e poi questi coglioni santoni ci parlano di libertà, e loro indossano queste cose!!!
Quindi non prendiamoci tanto in giro...probabilmente anche i preti Francescani, che si ispirano a S. Francesco d'Assisi portano Birchenstock made in Indonesia molto probabilmente...si dipende quindi sempre da qualcuno, e siamo tutti me compreso schiavi.

Ma schiavitù e libertà vano pari passo, io per esempio più mi sento schiavo e più mi sento libero. E più mi schiavizzano, mi sfruttano, mi fanno sentire una merda...so che vige una legge universale, che li farà sentire loro un giorno alla stessa maniera.

Per me questa è libertà.

Cit. Andrea

http://youtu.be/IhrAbQIMjNE


Translate