Cerca nel blog

"Giornalismo è diffondere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è propaganda"

giovedì 30 ottobre 2008

Intervista esclusiva a Gregg Braden

L’anno 2012 è considerato da molti come l’anno di svolta della coscienza collettiva umana. Questa data è stata desunta dal Calendario Sacro Maya che sviluppava una serie di calcoli e previsioni che si fermavano appunto all’anno 2012 secondo il computo occidentale.
Per gli antichi Maya questa era la data d’inizio del Sesto Mondo, un nuovo ciclo per la Terra e l’Umanità nel suo insieme, oltre la quale non riuscivano a “vedere”. Studiosi di tutto il mondo hanno cercato di comprendere cosa ci aspetta in questo nuovo ciclo e, sia su Internet che in libreria, ci sono numerosi testi che affrontano questo tema.
Una cosa su cui molti concordano è che a partire dal 2012 ci sarà un “salto di consapevolezza” o un nuovo modo di percepire la realtà, sia personale che collettivo.






fonte - www.lamentemente.com

Triplo gioco quantistico - Qutrit

Creati bit di informazione quantica che possono assumere tre valori diversi: "zero", "uno" e anche "due"

I normali computer elaborano i dati sottoforma di "zero" e "uno". Ma nello strano mondo della meccanica quantistica, un bit quantico, o "qubit", può avere contemporaneamente il valore zero e il valore uno. Ora, un team di scienziati dell'Università di Ginevra, in Svizzera, ha alzato la posta con un nuovo metodo per creare "qutrit", unità elementari in grado di presentare i valori "zero", "uno" e "due", e inviandoli a distanze molto maggiori di quanto fosse possibile in precedenza. I ricercatori sperano che questa nuova tecnica possa contribuire allo sviluppo di migliori sistemi di comunicazione e risolvere quei problemi troppo complessi per i computer oggi disponibili. I qubit possono essere "entangled", o correlati. In questo caso, ogni qubit rispecchia il comportamento dell'altro anche se sono separati da lunghe distanze. Gli scienziati sperano di poter usare l'entanglement per inviare dati in modo sicuro da un luogo all'altro. "La teoria - spiega il fisico Nicolas Gisin - suggerisce che i qutrit possono essere correlati in modo molto più solido del qubit. Questo significa che i segnali inviati mediante i qutrit sono più resistenti ai disturbi che di solito rovinano l'entanglement, consentendo di comunicare a distanze maggiori". Lo studente di dottorato Rob Thew, del gruppo di Gisin, ha sviluppato un nuovo metodo per generare, controllare e analizzare i qutrit correlati. Con la nuova tecnica, coppie di fotoni potrebbero essere separate anche da dieci o più chilometri. Quando i qutrit sono stati creati per la prima volta, l'anno scorso, usando cristalli di quarzo anziché fibre ottiche, potevano essere separati solo di un metro o due, il che limitava il loro possibile utilizzo nel campo delle comunicazioni. I risultati del gruppo di Gisin sono stati inseriti nell'archivio on line di preprint Arxiv.org della Cornell University.

(04 agosto 2003)

Gli U.S.A. preparano la bomba ad impulsi elettromagnetici

Pubblichiamo un articolo i cui contenuti si possono considerare una conferma di quanto scrivevamo tempo fa, ad esempio, in Segni dei tempi. L'eventualità di sferrare un attacco elettromagnetico contro sistemi non protetti non pare così remota, anche perché i governi potrebbero usare tali dispositivi per accusare il solito "nemico esterno" dell'aggressione perpetrata, invece, dai servizi. Essi cercano sempre pretesti per le loro escalation belliche. Come sempre avviene, i militari attribuiscono ai "cattivi" i misfatti che essi concepiscono e compiono, sicuri dell'impunità, anche qualora venissero scoperti. Infine dubitiamo che l'arma descritta nell'articolo debba ancora essere creata: probabilmente appartiene all'arsenale delle maggiori potenze mondiali e forse è stata già sperimentata.

La bomba che non uccide le persone, ma distrugge irrimediabilmente i componenti elettronici sarà pronta nel 2010.

L'idea di una bomba che emetta impulsi elettromagnetici in grado di distruggere le apparecchiature elettroniche senza danneggiare gli esseri umani, è piuttosto vecchia, ma, finora, non sembrava che sarebbe arrivata in tempi breve: solo l'anno scorso gli Stati Uniti non pensavano che, prima del 2012 (!), sarebbe stato realizzato qualcosa di concreto.

Invece il generale che comanda il Centro di Armamento Aereo degli Stati Uniti ha rivelato che una bomba E.M.P. è già nella fase di "valutazione della tecnologia industriale": già l'anno prossimo potrebbe comparire un prototipo.

Per ora, il metodo più efficace di generare un impulso elettromagnetico distruttivo è un'esplosione nucleare; qualcuno ha suggerito che fare detonare una bomba atomica ad una certa altezza dal suolo potrebbe ottenere l'effetto desiderato senza che il calore colpisca la superficie.

Tuttavia nessuno ha mai preso seriamente in considerazione l'idea di dare il via ad una guerra nucleare in questo modo.

Se ancora, comunque, non si sa quando la bomba E.M.P. diverrà realtà, nello stato del Maryland stanno già correndo ai ripari perché ormai - sostiene Charles Manto, presidente della Instant Access Networks - "Uno stato canaglia o un'organizzazione terroristica possono acquisire facilmente materiale nucleare per costruire un'arma in scala ridotta per soli 20 milioni di dollari".

Ecco perché Manto sta preparando un sistema di schermatura per una rete elettrica di emergenza che la metta al riparo dalle conseguenze elettromagnetiche di un ipotetico attacco nucleare, costruendo anche delle gabbie trasportabili a prova di impulso in alluminio e acciaio.

Leggi qui l'articolo pubblicato da Reikinet.it

martedì 28 ottobre 2008

Il Senso e la Responsabilità del Risveglio e dell'Unione



http://aquilasenzanido.splinder.com/

La pratica del ricordo di sé

ESERCIZIO:
Si tratta di ricordarsi di sé più a lungo che si può durante lo svolgimento di un'azione prolungata nel tempo.
Un esercizio classico è il ricordo di sé mentre
-- laviamo i piatti;
ma le varianti possono essere molte:
-- spazziamo il pavimento,
-- scendiamo le scale,
-- ci laviamo i denti,
-- ci facciamo la barba,
-- ci depiliamo,
-- mangiamo un panino,
-- facciamo la doccia,
oppure nel tragitto fra l’automobile parcheggiata e il posto di lavoro, o fra casa nostra e la fermata dell’autobus... Ogni attività che abbia una durata non eccessiva può essere utilizzata come esercizio.
Si tratta di fermare il lavorìo della mente, il "dialogo interno" della mente, tutte le volte che ci ricordiamo, e sforzarci poi di rimanere presenti più a lungo possibile prima di ricadere nell'identificazione con i pensieri e le immagini mentali. Dobbiamo concentrarci su quello che stiamo facendo rimanendo coscienti di noi, senza vagare con il pensiero. Non dobbiamo lasciare che il corpo fisico esegua il lavoro da solo meccanicamente, dobbiamo accompagnare la sua attività con la nostra presenza qui-e-ora. Il corpo fisico sa lavare benissimo i piatti anche se intanto la mente pensa all'ultimo film che ha visto, ma lo scopo dell'esercizio è che TUTTO L'ESSERE lavi i piatti, non solo un corpo; dobbiamo rimanere pienamente coscienti di ciò che facciamo come se il corpo senza il nostro aiuto cosciente non potesse farlo. Mentre il corpo lava i piatti la mente deve essere lì con lui, e non vagare per associazioni di pensiero come è abituata a fare.
Per esempio, ricordiamoci di noi mentre ci spogliamo e ci svegliamo. Che sia la mattina prima di andare al lavoro, la sera quando torniamo, poco prima di andare a letto nell'indossare il piagiama, quando ci troviamo nello spogliatoio della palestra o della piscina... dobbiamo restare "presenti a noi stessi" metnre ci infiliamo o ci togliamo i vestiti, cioè completamente presenti a quello che stiamo facendo, senza farci distrarre da altri pensieri o da persone che richiamano la nostra attenzione. All'inzio può essere utile ripetersi: "Mi sto infilando i pantaloni... e sono presente... mi sto ricordando di me... non sono distratto da altro...".
Negli istanti in cui riusciamo a essere presenti sappiamo già che a breve ripiomberemo nel sonno. Ogni momento di presenza è una conquista. Mentre laviamo i piatti o ci spogliamo a tratti siamo presenti e a tratti ci identifichiamo con il contenuto della mente sognando a occhi aperti, immaginando situazioni e dialoghi assortiti... ma per ora siamo schiavi e non possiamo evitarlo, non abbiamo sufficiente Volontà per evitarlo, possiamo solo sforzarci di "tornare in noi" appena ce ne ricordiamo e prolungare questo stato di presenza finché ci è possibile. Noteremo presto che questi esercizi sono quindi un continuo andare e venire da uno stato di presenza a uno di assenza. Una continua lotta per rimanere desti. E la lotta contro la meccanicità è ciò che ci serve per provocare la « cottura alchemica » delle sostanze che vanno a formare i nostri "corpi sottili".
Nei primi tempi sarebbe bene non mischiare i differenti esercizi: è meglio concentrarsi per un’intera settimana su un unico esercizio e poi cambiare. Sette giorni è il periodo ideale. Dopo sette settimane si conclude un ciclo e se ne può cominciare uno successivo, mantenendo gli stessi esercizi oppure sostituendone qualcuno.
L'attenzione divisa. Praticando gli esercizi ci si accorge che il ricordo di sé implica il verificarsi di un particolare fenomeno detto « attenzione divisa », cioè la capacità di prestare attenzione a ciò che si sta facendo e contemporaneamente a se stessi. L'attenzione prende così due direzioni: una verso l'esterno e una verso l'interno. Nel corso della vita normale invece l'attenzione è monodirezionale, cioè la coscienza è interamente persa nell'evento esterno. Se una persona ci sta parlando noi siamo concentrati su di lei, la nostra coscienza è interamente PERSA in lei, annullata nell'avvenimento esterno. Quando ci si sforza di rimanere presenti ci si accorge che è possibile parlare con una persona prestando attenzione a quanto dice, e contemporaneamente ricordarsi di sé, cioè essere presenti a se stessi. Si può cioè tenere una parte dell'attenzione sempre rivolta verso l'interno.
Questo sforzo fa sì che dentro di noi si strutturi il corpo dell'anima - e che la nostra coscienza divenga perciò immortale - e che il nostro centro di consapevolezza si sposti in esso. Accade che noi diveniamo progressivamente l'entità che osserva l’apparato psicofisico al lavoro, e non si identifica più interamente con esso, non si annulla più in esso. Questa entità è la coscienza extracerebrale, ciò che in oriente viene definito « il testimone », l'osservatore imparziale. Il nostro disidentificarci dalla macchina biologica, il rimanere presenti come osservatori mentre il corpo e la mente fanno qualcosa, fa sì che creiamo nuovi "corpi sottili" da abitare e simultaneamente ci identifichiamo con essi, cioè spostiamo la nostra coscienza in essi. I due processi vanno di pari passo.

Se mentre camminiamo per strada ci proponiamo fermamente di rimanere « svegli » fino all’incrocio successivo, ma dopo qualche minuto sorprendiamo la nostra mente a fantasticare sopra gli argomenti più svariati, allora ancora una volta ci siamo ‘dimenticati di noi’... ci siamo ‘addormentati’.
Non abbiamo il controllo della nostra mente! Non abbiamo il controllo delle nostre emozioni! Non viviamo la vita che scegliamo noi, ma solo quella della nostra macchina biologica.
A questo punto l’assenza di libero arbitrio diviene per noi un fatto indubitabile. Non dobbiamo affidarci alle teorie di qualche filosofo per decidere se l’uomo possiede oppure no una libera Volontà. Lo possiamo sperimentare sulla nostra pelle!
Ma fino a quando non vengono attuate nella pratica, queste rimangono solo parole prive di utilità!
Questo sito non è un ricettacolo di teorie esoteriche, ma un costante richiamo a lavorare su di sé!

Questa seconda categoria di esercizi è molto differente dalla precedente: non si tratta infatti di ricordarsi di sé per un periodo prolungato (mentre laviamo i piatti o mentre camminiamo per strada), bensì di ricordarsi di sé in corrispondenza di azioni distribuite lungo la giornata, e che possono anche giungere all'improvviso (non possiamo infatti sapere quando squillerà il telefono o quando qualcuno ci rivolgerà la parola).
Una mattina ci alziamo e prendiamo una decisione risoluta: "Oggi, mentre sono in ufficio, voglio ricordarmi di me tutte le volte che giro la maniglia di una porta per aprirla". Questo significa che ogni volta in cui stiamo aprendo una porta dobbiamo essere presenti e pensare: "Ecco, sono presente, sono cosciente di stare aprendo questa porta".
Tornati a casa, oppure alla sera prima di andare a dormire, analizziamo la giornata e verifichiamo quante volte siamo riusciti a ricordarci di noi aprendo una porta. Se aprendo una porta non ci siamo mai fermati a pensare: "Ecco, ora ci sono, sono presente, sto aprendo la porta", allora non ci siamo mai ricordati di noi. Abbiamo aperto le porte nell'inconsapevolezza più totale, cioè nello stesso stato di sonno in cui abbiamo compiuto tutte le altre azioni nel corso della giornata.
Aprire le porte con consapevolezza rappresenta un esercizio efficace perché ci si costringe a restare presenti in un momento in cui è difficile esserlo, in quanto stiamo passando da un ambiente a un altro. Questo è solo un esempio e le varianti adottabili sono molteplici. Possiamo fare sforzi per ricordarci di noi tutte le volte che:

-- apriamo la portiera di un'auto per salire o scendere,
-- saliamo o scendiamo da un autobus,
-- ci alziamo da una sedia o ci sediamo,
-- squilla un telefono (sia nostro che di altri),
-- portiamo il bicchiere alla bocca per bere qualcosa,
-- azioniamo la freccia alla guida dell'auto,
...e così via.
Anche per questa pratica vale la regola dei sette giorni e delle sette settimane. I due diversi generi di esercizi possono essere alternati di settimana in settimana, in modo che dopo quattordici settimane abbiamo completato un ciclo di sette esercizi diversi per ognuno dei due tipi. Le varianti possiamo anche inventarle noi: scegliamo una qualunque azione e ci imponiamo di ricordarci di noi tutte le volte che la svolgiamo, tenendo conto del fatto che l'esercizio serve solo fino a quando ci costringe a compiere uno sforzo; quando ci abituiamo perde la sua efficacia e si deve passare a un altro.

All'inizio probabilmente non ci ricorderemo mai, o addirittura non ci ricorderemo nemmeno di analizzare la giornata alla sera per verificare se qualche volta siamo stati presenti durante il giorno. Ma se tutte le mattine per giorni e giorni ci riproponiamo di farlo, la situazione presto migliorerà. E' importante ribadire che un uomo risvegliato vive permanentemente in quello stato di ricordo di sé che noi fatichiamo a riprodurre solo per qualche istante nella nostra giornata, mentre stiamo mangiando o nel momento in cui squilla un telefono. Essere svegli significa, tra le altre cose, anche questo: ricordarsi continuamente di essere presenti.
Non facciamo esercizi per ottenere risultati, i risultati non contano nulla, il risveglio non è altro che un costante TENDERE VERSO il risveglio, pertanto il nostro obiettivo è restare sempre in uno stato di sforzo verso il risveglio, e non raggiungere il traguardo di ricordarci di noi, né un qualunque altro traguardo. La trasmutazione alchemica si produce a causa dello sforzo, non del risultato. Il lavoro alchemico è un salto nel vuoto, è l'accettazione della propria eternità. Ma a questo stadio è difficile comprendere tale affermazione.

Fonte:Officina Alkemica

sabato 25 ottobre 2008

La visione di Sri Aurobindo

La visione di Sri Aurobindo
C’è un’evoluzione ascendente nella natura che va dalla pietra alle piante, dalle piante all’animale, dall’animale all’uomo. Poiché l’uomo è, per il momento, l’ultimo stadio alla sommità dell’evoluzione ascendente; egli considera se stesso come lo stadio finale in questa ascensione, e crede che non ci possa essere niente sulla terra di superiore a lui. In ciò è l’errore. Nella sua natura fisica è ancora quasi completamente un animale, un animale pensante e parlante, ma ancora un animale nelle sue abitudini e nei suoi istinti materiali. Indubbiamente la natura non può essere soddisfatta con un tale imperfetto risultato; ella lavora per far emergere un essere che sarà per l’uomo ciò che l’uomo è per l’animale, un essere che rimarrà un uomo nella sua forma esterna e tuttavia la sua coscienza sarà molto superiore alla mente e alla sua schiavitù all’ignoranza. Sri Aurobindo è venuto sulla terra per insegnare questa verità agli uomini. Egli disse loro che l’uomo è solo un essere vivente di transizione in una coscienza mentale, ma con la possibilità di acquisire una nuova coscienza, la coscienza di verità e capace di vivere una vita perfettamente armoniosa, buona, bella, felice e pienamente cosciente. Durante tutta la sua vita sulla terra Sri Aurobindo donò tutto il suo tempo per stabilire in sé stessa questa coscienza, che Egli chiamò supermentale e per aiutare quelli riuniti attorno a lui: La Madre

La strada della sadhana
Questo yoga segue un proposito differente dagli altri, perché il suo scopo non è solo uscire fuori dalla ordinaria coscienza mondana ignorante per entrare nella divina coscienza, ma far discendere il potere supermentale di quella divina coscienza nell’ignoranza della mente, della vita e del corpo, per trasformarli, per manifestare il Divino e creare una vita divina nella Materia […] La sadhana di questo yoga non procede attraverso una serie di insegnamenti mentali o di forme prescritte di meditazione, Mantra o altro, ma attraverso l’aspirazione, una concentrazione rivolta verso l’interno di sé e verso l’alto, attraverso un’apertura di sé all’Influenza del Potere Divino sopra di noi e alla sua azione, alla Divina Presenza nel cuore e respingere tutto quello che è estraneo a queste cose. E’ solo attraverso la fede, l’aspirazione e il surrender che quest’apertura di sé può avvenire.

Sri Aurobindo


Tra le opere di Sri Aurobindo “I saggi sulla Gita”, insieme alla “Sintesi dello Yoga” e al “La Madre” (libretto edito da “Domani”) mostrano la strada della sadhana, cioè della pratica dello yoga nella vita.

Lo scudo protettivo del sole sta diminuendo

La bolla protettiva chiamata Eliosfera si sta indebolendo ed è calata del 25 % negli ultimi 10 anni di osservazione ed è al punto più basso da quando abbiamo cominciato a studiarla. Se l'eliosfera continuerà ad indebolirsi le radiazioni cosmiche provenienti dallo spazio esterno colpiranno sempre più massicciamente la Terra provocando problemi ai sistemi di telecomunicazione e generando danni all'ecosistema terreste..e non solo.



VENTO SOLARE

Il vento solare ha perso potenza ed ha raggiunto il livello più basso degli ultimi cinquant’anni. Il flusso di particelle cariche che arriva dalla nostra stella esercita una pressione viaggiando nello spazio e questa è calata del 20 per cento dalla metà degli anni Novanta, una calo veramente importante.

A questa conclusione è arrivato dopo l’analisi dei dati raccolti con lo strumento Swoops imbarcato sulla sonda Ulisse dell’Esa europea. Questa veniva lanciata nel 1990 e dopo essere uscita dal piano dell’eclittica sul quale ruotano tutti i pianeti, ha sorvolato per la prima volta le zone polari del Sole offrendo una visione globale come mai era stato possibile in precedenza.

Il cambio della pressione è dovuto soprattutto alla riduzione della temperatura e densità del vento che sono calate rispettivamente del 13 per cento e del 20 per cento. Stranamente la velocità del flusso solare in questo periodo è rimasta praticamente inalterata con un abbassamento relativo di appena il 3 per cento. Cosa significhino questi dati è arduo da spiegare, ha commentato Arik Poster della Nasa , ma conseguenze ci saranno certamente . Il vento solare infatti alimenta la eliosfera nella quale è immerso il sistema solare ed i cui confini si cercano di misurare con le sonde Voyager della Nasa uscite dal perimetro planetario.

Alcuni scienziati hanno pertanto ipotizzato un’influenza indiretta del ciclo di attività solare sull’ambiente terrestre. Il campo magnetico medio del Sole aumenta durante i periodi di massima attività magnetica. Tale campo, espandendosi nel mezzo interplanetario per effetto del vento solare, è in grado di modulare il flusso di raggi cosmici galattici (onda galattica proveniente appunto dal centro galattico) che raggiunge l’atmosfera terrestre. Un campo magnetico più intenso scherma maggiormente l’intera eliosfera dai raggi cosmici proveniente dall’ambiente galattico. Poiché un maggiore flusso di raggi cosmici che penetrano negli strati più interni dell’atmosfera favorisce la formazione delle nubi atmosferiche, che riflettono la radiazione solare, la riduzione della quantità di nubi potrebbe spiegare perché la temperatura delle superficie della Terra aumenta quando il Sole è più attivo. Infatti si è trovato che durante l’ultimo ciclo di attività undecennale la nuvolosità su scala globale è diminuita all’aumentare dell’attività solare e al diminuire del flusso di raggi cosmici penetranti nell’atmosfera.

ENERGIA DAL CENTRO GALATTICO

"Raggi cosmici e galattici portano con loro radiazione dalle altre parti della nostra galassia", disse Ed Smith,scienziato del progetto Ulisse della Nasa al Laboratorio JPL in Pasadena, Calif. "Con il vento solare ad un minimo mai visto, l'heliosphera diminuirà in dimensioni e forza. Se accade questo, i raggi cosmici e galattici lo faranno nella parte interna del nostro sistema solare."

Il Dott Nathan Schwadron , un co-investigatore della missione Ibex (Boston University) ha dichiarato: "C'è molta alta energia galattica, molte radiazioni provenienti dal Centro Galattico e sono molto pericolose per tutti i sistemi viventi che si trovano sul nostro pianeta."

"Circa il 90 per cento di queste radiazioni è deviato dalla nostra Eliosfera, in modo che il confine ci protegge da questo aspro ambiente galattico".

L'Eliosfera è creata dal vento solare in unione con il gas intergalattico che colma le lacune nello spazio tra i sistemi solari. Quando si incontrano, si creano delle sacche energetiche che deviano le radiazioni interstellari mantenendole a distanza dal sistema solare. Queste radiazioni vengono espulse dal centro della galassia e viaggiano attraverso di essa. Gli scienziati nutrono speranze dalla missione Ibex che permetterà loro di capire meglio che cosa succede a questo limite del sistema solare.

Se l'Eliosfera continua a indebolirsi, si teme che le radiazioni cosmiche intergalattiche potranno raggiungere la Terra aumentando i rischi per il danneggiamento delle apparecchiature elettriche, i satelliti e potenzialmente lesive per la vita umana.

fonti:

corriere.it - nibiru2012 - altrogiornale.org

http://www.smh.com.au/




giovedì 23 ottobre 2008

Chemtrails - Scie Chimiche

Due velivoli apparentemente dello stesso modello transitano alla stessa quota cinque minuti l'uno dall'altro, il primo rilascia una lunga scia densa e persistente il secondo no. Inutile dire che le condizioni atmosferiche non possono cambiare in modo così repentino e in tempi così brevi:
Si tratta solo e semplicemente di SCIE CHIMICHE !

Gli UFO non sono apparsi - La Medium: non so...

Grazie a Moira di Chicago che, in risposta alla nostra newsletter del 17 ottobre 2008, ci ha inviato la segnalazione del video con il quale la signora Blossom Goodchild, alla quale offro il mio rispetto ed invio il mio sostegno morale, afferma di essere delusa per il fatto che gli "alieni" non siano apparsi sulla Terra il 14 ottobre come da anni annunciava.


A mio avviso questa dichiarazione rende merito alla signora Blossom Goodchild, perché ha dimostrato onestà e forza interiore per mostrarsi al pubblico mondiale ammettendo di essere lei stessa delusa e di non avere risposte, senza accampare alcuna scusa o inventarsi una qualunque giustificazione che certamente i molti avrebbero in ogni caso ciecamente creduto.

Non è la prima volta nel corso di molti anni che annunci di questo genere si dimostrano infondati, e non si realizzano. Certamente questo accade ma non invalida la realtà extraterrestre ed il contattismo, che sono invece autentici poiché ampiamente documentati, nonostante i tentativi di occultamento da parte di governi e poteri militari di tutto il mondo. Piuttosto questo ulteriore disinganno sia Maestro, apra gli occhi a coloro che credono ciecamente e attendono passivamente dall'esterno la soluzione dei problemi dell'uomo e addirittura la sua "salvezza".

E' purtroppo vero che ho ricevuto molti email che mi suggerivano collegamenti a video o a messaggi canalizzati con i quali si giustifica il mancato contatto del 14 ottobre con palesi tentativi di "arrampicate sui vetri" da fare invidia a spiderman. Questa per me rappresenta la vera delusione, non il fatto che l'evento non si sia verificato.

E' indubbio che questa storia ci porta comunque un grande insegnamento, che mi sento di sintetizzare in questo modo: "Il mondo sta andando verso la catastrofe e le responsabilità sono tutte nostre. E' arrivato il momento che ogni singolo individuo prenda coscienza e si assuma la piena responsabilità di tutti i problemi, si rimbocchi le maniche ed inizi a rimettere ordine nella propria vita, indirizzando pensieri, parole e, soprattutto, opere verso l'amore, la fratellanza, la giustizia, l'etica, l'ambiente. E' arrivata l'ora di contribuire attivamente ad abbattere un sistema predatore e senz'anima per costruirne uno nuovo, basato sulle leggi Divine autentiche, riconoscendo che l'uomo non è creatura terrena ma Spirituale, risvegliando la nostra anima alla sua autentica natura. Crediamo prima di tutto in noi stessi, in quanto figli di Dio smarriti nel mondo della materia... e solo allora, i nostri Fratelli di Luce provenienti da altri "Mondi" si manifesteranno apertamente per guidarci ed aiutarci... non di certo per salvarci, perché sono Essi i primi a riconoscere e rispettare la Legge Divina del libero arbitrio concesso ad ogni anima".

Articolo del 6 ottobre 2008, su LMS:

Network - "There is no democracy" [english subtitles]

mercoledì 22 ottobre 2008

Precari INGV

Precari INGV


http://precariatingv.wordpress.com



I Guardiani

Ammesso che esistano dei Guardiani della prigione, bisognerebbe tentare di comprendere chi sono. A mio avviso, è veramente difficile pensare che il Male dipenda solo dall'umanità (Vedi Se l'anonimo secentesco avesse ragione?). E' vero: distinguere tra male esterno e male che alberga nell'uomo è una semplificazione non in grado di rendere l'inestricabile intreccio di agenti esogeni ed endogeni, l'intima unitarietà dell'essere umano. Tuttavia per evitare di demonizzare l'homo sapiens, mi pare opportuno tentare di identificare forze, la cui azione nefasta e nefanda può spiegare la supremazia della violenza e dell'ipocrisia nel mondo. Non si tratta di trovare un capro espiatorio, ma di identificare il virus ed il virus NON è l'uomo, checché se ne pensi, poiché semmai l'individuo è, in qualche caso, una porta sugli inferi.

Mi limito a formulare delle ipotesi in modo molto schematico, aggiungendo qualche breve considerazione.

- I Guardiani sono delle forme-pensiero create dagli uomini stessi, con le loro energie negative che si sprigionano da sentimenti come l'odio, la collera, l'invidia, la bramosia...

- I Vigilanti sono dei demoni, creature cadute, definiti Arconti nel Quarto Vangelo e nei testi gnostici. Sono assimilabili ai voladores di Castaneda ed ai vampiri.

- Essi sono extraterrestri malevoli.

- I Guardiani sono macchine, come nella saga di Matrix.

Studiando le antiche tradizioni e senza dimenticare gli indizi disseminati nella letteratura e nel cinema, si può arguire che questi esseri sono avidi delle energie umane. Pare anche che siano interessati ad un quid (il D.N.A.? il ka?) dell'uomo che essi non possiedono o utile per certi loro scopi oscuri.

Pare che le azioni invasive di queste creature non si concentrino solo sul piano fisico, ma investano pure il livello sottile, con interazioni fra i vari ambiti. Ad esempio, di alcuni presunti rapiti è prelevato il cosiddetto corpo astrale, ma essi si ritrovano delle cicatrici sulla pelle. Queste persone ricordano di aver attraversato le pareti, ma talvolta si accorgono, dopo il sequestro, di avere degli impianti. Se ammettiamo che le loro esperienze non siano scenari olografici creati dai militari, l'apparente contraddizione tra fisicità ordinaria e dimensione sottile di certe situazioni è fonte di interrogativi. Pare esistere un trait d'union fra le due sfere con riflessi sull'organismo di un intervento sull'astrale. Sono due ambiti materiali, anche se di differente densità. Come ciò avvenga, è difficile stabilire.

Introdurre il tema dell'invisibile, superando obsoleti schemi che si imperniano solo sul dominio politico ed economico, significa spingersi in una regione border line: d'altronde border line, in una certa misura, diventa l'esistenza, non appena si dischiude anche solo un po' il terzo occhio.
fonte - zret

giovedì 16 ottobre 2008

Malattie autoimmuni dopo somministrazione del vaccino contro il papillomavirus

Martedì 14 Ottobre 2008 - L’emittente televisiva statunitense CBS ha riportato il caso di una ragazza di 13 anni di nome Jenny, che vive nel Nord Carolina, sana fino a 15 mesi prima. Subito dopo aver assunto la terza iniezione del vaccino tetravalente contro il papillomavirus, Gardasil, la ragazza ha iniziato a manifestare i primi segni di una malattia muscolare degenerativa. Ora Jenny è quasi completamente paralizzata.

Gardasil può aver causato la paralisi?

La famiglia di Jenny ritiene che ci sia un legame tra la vaccinazione con Gardasil e la paralisi della figlia. La società produttrice del vaccino, Merck & Co, ha negato l’esistenza di una casualità tra vaccinazione e questo grave evento avverso. Il caso di Jenny non è isolato, tuttavia le autorità sanitarie non hanno finora avvallato la relazione tra paralisi e vaccinazione.

L’F.D.A. (Food and Drug Administration) ha comunicato che dal 2006, anno dell’approvazione del vaccino, quasi otto milioni di ragazze hanno ricevuto almeno una iniezione di Gardasil; in totale sono state somministrate 13 milioni di dosi.

La stampa americana ha riportato anche il caso di Katherine Davison, una ragazza di vent'anni che, dopo aver assunto la terza dose di Gardasil, ha avvertito giramenti di testa, ed ha sviluppato sintomi simil-influenzali. In pochi giorni la ragazza ha perso la sensibilità sul lato sinistro del corpo. I medici hanno accertato che la paziente era stata colpita da un ictus. Merck & Co non ha inserito la trombosi tra gli effetti indesiderati del Gardasil. La parte sinistra del corpo di Katherine è ancora insensibile, con giramenti di testa, stanchezza; la ragazza sta assumendo ben sette farmaci al giorno.

Una ragazza di quattordici anni, Katherine Kimzey, ha manifestato cefalea debilitante, svenimenti e rigidità simil artrite, con frequenti giramenti di testa e difficoltà a stare in piedi. L'adolescente è stata ricoverata in ospedale, ed ha sofferto di crisi convulsive. I sintomi di Katherine iniziarono subito dopo aver ricevuto la seconda iniezione di Gardasil.

Dall’analisi del sistema di sorveglianza post-marketing, VAERS, è emerso che tra le segnalazioni pervenute (9.749 al 30 giugno 2008) i casi gravi sono una minoranza (6%), ma con un’incidenza maggiore di quanto atteso.

Non è da escludere che in alcune persone la somministrazione di un vaccino come il Gardasil, talvolta somministrato contemporaneamente ad altre vaccinazioni, possa scatenare una reazione di tipo autoimmune. A sostenere questa tesi è Diane M. Harper, direttore del Gynecologic Cancer Prevention Research Group al Dartmouth Medical Scholl nel New Hampshire (Stati Uniti), che già nel 2007 aveva avvertito del possibile presentarsi di malattie autoimmuni dopo somministrazione a giovani ragazze del Gardasil. (Xagena Medicina)

Fonti:

CBS News
NHPR News, 2008
VacciniOnline.net
MedicinaNews.it

INCUBO OLOGRAFICO: è imminente il BLUE BEAM PROJECT

martedì 14 ottobre 2008

Elicotteri privi di contrassegni e scie chimiche

Il 27 settembre 2008, dopo numerose tergiversazioni ed al termine di una logorante trattativa, quasi tutte le organizzazioni sindacali in rappresentanza dei lavoratori di Alitalia, hanno deciso di sottoscrivere l'accordo con C.A.I., auspice l'esecutivo. Solo alcune sigle, non molto rappresentative, si sono rifiutate di siglare il contratto.

Durante le settimane in cui, scaduti mille ultimatum, si sono svolti i negoziati Alitalia-C.A.I., i voli chimici si sono diradati in tutta Italia: le segnalazioni di tankers sono diminuite. Inconsueto è stato il numero di elicotteri privi di contrassegni identificativi. Firmata l’intesa, però, si è assistito ad una spaventosa recrudescenza dell'attività, soprattutto nelle ore notturne, con decine di sorvoli di aerei spesso in formazione, per lo più, a bassa quota. E' come se, dopo una sospensione forzata, si sia deciso di recuperare il tempo perduto per diffondere elementi chimici, agenti patogeni e smart dust in quantità industriali. I forsennati non possono tollerare che la biosfera non sia devastata in maniera micidiale e che la popolazione non sia controllata.

E' ben strana la coincidenza tra la crisi di Alitalia e la rarefazione dei voli chimici, come è singolare la concomitanza tra firma del contratto ed immediata ripresa a spron battuto delle irrorazioni.

Infine il personale della compagnia di bandiera ha ottenuto risultati insperati, grazie alla pazienza, alla sollecitudine ed all'infinita benevolenza di privati e governo. Alcuni piloti Alitalia hanno forse un potere contrattuale notevole che deriva loro dal possesso di
informazioni sensibili? Forse, senza il loro fondamentale contributo, le azioni di avvelenamento globale risulterebbero meno costanti e meno diffuse nelle varie regioni italiane ed altrove?


Helicopters and chemtrails from Tanker Enemy on Vimeo.

POLICE STATE 2000 - "Operation Urban Warrior" (1/3)

Alex Jones in Oakland, California
covering "Operation Urban Warrior,"
a military training exercise in which
U.S. Marines and foreign troops practice
putting American citizens under
martial law.



parte 2 - http://www.youtube.com/watch?v=932Zu4e4iVM

parte 3 - http://www.youtube.com/watch?v=G25JiGMLxIA

L'oscurità... dietro

E' nella natura umana vivere, creandosi qualche mito: non importa se sia l'attore o l'attrice, l'uomo politico, l'artista, il giornalista ritenuto libero ed anticonformista, in realtà agente di controllo... Molti affidano le loro esigenze, la loro sete di verità, di giustizia e di senso a queste persone oppure cercano una voce con cui esprimere quello che non possono palesare. E' normale, come è diffusa l'identificazione con certe idee che diventano presto non convinzioni, ma fedi granitiche. In realtà, ci si aggrappa senza discernimento e con imprudenza, a fili di illusioni: non ci si chiede se, dietro apparenze scintillanti e gradevoli, si nasconda un'insidia, un lato oscuro.

Qualcuno ritiene che l'universo sia un mirabile capolavoro, dimenticando che, mentre estasiato, ammira le stelle, una supernova, in qualche angolo remoto del cosmo, sta divorando, in un olocausto gigantesco, le gloriose civiltà di inermi pianeti.

Un altro contempla un magnifico giardino, ma ignora che una pianta soffoca l'altra in cerca di luce e di umidità e che avidi parassiti suggono la linfa delle foglie. La vita si alimenta della morte.

Certuni, stanchi delle religioni ufficiali, si affidano alle canalizzazioni, ai profeti del Terzo millennio, stigmatizzati in contatto con presunti alieni, nunzi di banalità fiorite di metafore: dalla reincarnazione all'ascensione, dal 2012 ad un mondo di pace ed amore universale. Costoro non sembrano sfiorati neppure dal dubbio che questi araldi di verità parziali e confuse, potrebbero essere emissari degli Arconti. Cerchiamo di indagare, di capire e di distinguere: in qualche luogo troveremo pure esseri benevoli e davvero non siamo soli, ma non prendiamo per oro colato le dichiarazioni di questi messaggeri. Ascendere? Forse occorrerà prendere l'ascensore, se non interromperanno l'erogazione della corrente elettrica, se non subentrerà una paurosa crisi economica. Reincarnazione? Così com'è divulgata, è un concetto grossolano e ripugnante.

Diffiderei di quelli che glissano sul problema del Male, riducendolo a mera imperfezione, ad un velo di polvere su un mobile che si può togliere, passando un panno. Il Male: è solo colpa dell'uomo? Sarà vero? In qualche caso sento odore di zolfo, ma, come osserva sconsolato Guido Morselli, "per i teologi il Diavolo è un'inutile anticaglia, le azioni del Diavolo alla borsa cattolica non sono neanche più quotate".

Tralascio il discorso su tutte quelle dimensioni invisibili, tenebrose, popolate di presenze minacciose e non indugio sul pericolo sotteso a tutto ciò che pare innocuo o ininfluente: cartoni animati, pellicole, trasmissioni televisive, iniziative dei governi e quant'altro. E' vero: il Diavolo non è brutto come lo si dipinge, poiché ama presentarsi in sembianze piacevoli ed amabili.

Il Vangelo di Tommaso afferma che "chi cerca si stupirà e resterà turbato", per quanto ha scoperto: ma il verbo "turbato" rende poco l'idea. Meglio sarebbe sostituirlo con "sconvolto".

Chi riuscirà a sopravvivere a questo tragico sconvolgimento, allora regnerà, come è scritto nel Vangelo.

domenica 12 ottobre 2008

Un cilindro "sciante"

4 ottobre 2008, ore 18.30. Sanremo. Durante una "normale" giornata di irrorazione chimico-biologica, viene avvistato e filmato un oggetto di apparente forma cilindrica, privo sia di ali sia di impennaggi e senza luci di segnalazione da cui si diparte una densa e lunga scia che possiamo, per caratteristiche di forma, lunghezza e consistenza, ritenere una chemtrail.

L'ordigno volante è molto strano e pare essere il frutto di retroingegneria, ossia sembra essere un velivolo terrestre progettato e costruito, attraverso lo studio di dischi schiantatisi sulla Terra e di cui sono stati studiati dai militari i sistemi propulsivi ed i vari aspetti tecnici.

Un'analisi del video porta ad escludere che sia stato ripreso un tanker o comunque un aeroplano tra quelli generalmente impegnati nell'operazione di avvelenamento della biosfera.


fonte - www.tankerenemy.com

sabato 11 ottobre 2008

Il fiore della vita

Questo simbolo è conosciuto sin dai tempi più antichi ed è noto come Il Fiore della Vita. In verità, secondo quanto fu rivelato a Drunvalo, il simbolo del Fiore della Vita è ben noto in tutto l'Universo, meno che da noi!

Ogni molecola della vita, ogni cellula nel nostro corpo, conosce questo schema. È lo schema della creazione e della vita in ogni luogo. Invero, secondo Drunvalo, non c'è nulla, assolutamente nulla nell'Universo che non sia connesso con lo schema del Fiore della Vita.

Si dice che grandi maestri concordarono di rivelare questa antica conoscenza, conosciuta e rappresentata dallo schema del Fiore della Vita.

Esso è un codice segreto usato da molte razze avanzate e da navigatori dello spazio.
Il Codice del Fiore della Vita contiene tutta la sapienza ed è simile al codice genetico contenuto nel nostro DNA. Questo codice genetico va al di là delle forme di insegnamento conosciute e lo si ritrova in tutte le strutture della nostra realtà.

Tutte le frequenze della luce, del suono e della musica, si ritrovano in questa struttura geometrica, che esiste come uno schema olografico, definito nelle forme sia degli atomi che delle galassie.
Drunvalo inizialmente ricevè l'informazione che il simbolo del Fiore della Vita si trovava iscritto su uno dei soffitti del Tempio di Osiride, ad Abydos, in Egitto.

Oggi sappiamo che il Simbolo del Fiore della Vita è stato ritrovato a Massada (Israele), sul Monte Sinai, in Giappone, Cina, India, Spagna, Italia e Germania.

Horus e cristo: le due faccie della stessa medaglia

Qualche volta incappo, in qualche "testa d'uovo", che mi accusa di fare del qualunquismo o dell'anticlericalismo da osteria. Qualcuno mi consiglia addirittura di leggermi i vangeli per capire la grandezza del loro buon gesù. Ora io ammetto che possano esistere opinioni contrarie alle mie in tema di fede e di religione, ma da qui ad accusarmi di superficialità e di ignoranza, credo che ce ne passi. Avrei potuto aprire un blog di gossip, magari sperando di rimorchiare qualche sprovveduta pollastra o un blog sulla pesca o di politica, ma ho scelto un sito sulla religione. Perchè? Perchè se Berlusconi e soci, prima o poi toglieranno finalmente il disturbo, questo purtroppo non accadrà così facilmente con la chiesa cattolica e il cristianesimo in generale. Dal 325 d.c. anno del famigerato concilio di Nicea, l'oppressione del cattolicesimo non è mai scemata. Secoli di dogmi, torture, roghi, scandali e pedofilia non hanno minimamente scalfito il potere della "mater ecclesia" che a dispetto della sua storia vergognosa, continua a godere di privilegi inaccettabili e reverenze dei potenti. Il cristianesimo ha un enorme potere: sulla carta i cristiani ne mondo sono oltre un miliardo : un gigantesco impero di credenti. La forza del clero si basa soprattutto sull'innato bisogno dell' uomo di credere in qualcosa di soprannaturale che vigili amorevolmente su di lui e gli propini un meraviglioso rimedio alla più tremenda delle paure: quella della morte. Loro, i vicari, gli stregoni che cambiano il pane e il vino nel VERO corpo di cristo, ti promettono addirittura la vita eterna. Basta servirli e riverirli, basta annullare la propria personalità mandando all'ammasso il proprio cervello e la salvezza è assicurata. Forse quando io avrò terminato la mia avventura terrena, sarò riuscito a "convertire" una manciata di persone, ma sarà già qualcosa. So perfettamente di assomigliare a don Chisciotte che sfida i mulini a vento, eppure non posso restarmene indifferente a guardare senza prendere posizione. Lo faccio soprattutto per i milioni di vittime dei soprusi e delle violenze chiesastiche che alcuni infami revisionisti cattoilici, cercano di nascondere frettolosamente sotto al tappeto della storia. Come potrei dunque essere un superficiale, un mangiapreti da osteria per sostenere una guerra così impari, contro un gigante vecchio di 17 secoli che come nemici ha solamente uno sparuto numero di persone come noi atei anticlericali? L'unica arma utilizzabile contro i gigante vaticano è la VERITA' supportata da prove storiche inoppugnabili. Questa verità è alla portata di tutti coloro che vogliano conoscere cosa ci sia veramente dietro al mito di cristo. Non voglio demolire le certezze dei credenti con disquisizioni filosofiche che non portano mai ad alcuna conclusione fattiva; voglio solo sbattere sotto al naso di questa gente, verità inoppugnabili ricavate da inconfutabili documenti storici. Ho già anticipato in altri post che i primi mesi del 2006 saranno dedicati in gran parte alla storia delle religioni antiche. Saranno queste a dimostrare che il cristianesimo è semplicemete la scopiazzatura pedissequa di miti preesistenti al famigerato anno zero.

Oggi vi parlo del mito di Horus.

Il dio egiziano Horus

Era nato dalla vergine Iside il 25 dicembre in una grotta e la sua nascita fu annunciata da una stella ad Oriente che guidò tre saggi uomini verso la grotta.

Suo padre terreno si chiamava Seb (Giuseppe) anche conosciuto come Geb. "Come Horus il vecchio... era ritenuto essere il figlio di Geb e di Nut ( Lewis Spence, Ancient Egyptian Myths and Legends, 84.)

Egli era di stirpe reale.

All'età di 12 anni insegnò ai dottori del tempio e a 30 fu battezzato essendo di fatto scomparso per 18 anni

Horus fu battezzato nel fiume Eridanus o Iarutana (Giordano) da Anup il battista (Giovanni Battista) che poi fu decapitato

Egli compì miracoli, praticò esorcismi e rescuscitò El-Azarus ("El-Osiris")

Aveva 12 discepoli, due dei quali suoi "testimoni" chiamati "Anup". e "Aan" (I due Giovanni)

Horus camminò sull' acqua

Il suo epiteto personale era "Iusa,", il figlio sempreterno" di "Ptah," il Padre. E cosi' era chiamato "FIglio divino"

Egli pronunciò "il discorso della montagna" e i suoi seguaci raccontarono "I detti di Iusa."

Horus fu trasfigurato sul Monte

Egli du crocefisso tra due ladri, sepolto e dopo tre giorni risorse dal sepolcro.

Egli era anche la "Via", la "Verità", la "Luce", il "Messiah", il Figlio consacrato di dio ", "il figlio dell'Uomo",il "Buon pastore", "l'agnello di dio", "Il verbo incarnato", "La parola di verità" ecc.

Egli era "il Pescatore" e fu associato con il Pescatore ( ("Ichthys"), Agnello e Leone

Egli venne per riempire i cuore con la "Legge"

Horus era chiamato "il KRST, o "il Consacrato"

Come gesù "Il regno di Horus sarebbe durato 1000 anni"


Fonte http://www.truthbeknown.com/christ.htm Traduzione di Hereticus


Rebus - L'enigma delle sfere di luce (orbs)

Molti le hanno viste volare sui tetti delle proprie case. Enti governativi di tutto il mondo le studiano da anni. Alcuni le considerano un fenomeno strettamente legato a quello dei cerchi nel grano. Si tratta delle sfere di luce, oggetti luminosissimi che sempre più spesso vengono viste volare nei nostri cieli. Cosa sono? E da dove vengono? Si tratta di un fenomeno naturale o no?

venerdì 10 ottobre 2008

Cos'è la naturopatia

Risale a più di 2.000 anni fa, anche se quella moderna si è sviluppata in Germania ai primissimi anni del 1800. Cerca di favorire la guarigione spontanea della malattia, che è considerata la conseguenza della rottura del normale equilibrio dell'organismo.

La naturopatia non cura la specifica malattia ma l'individuo, che viene considerato in modo olistico, tenedo conto di tutte le circostanze fisiche, emotive, biochimiche e anche sociali che possono essere la causa della malattia stessa.Pur essendo in continua crescita la domanda di medicina naturale, in nessun vocabolario, anche di ultima edizione, sono citati i termini naturopatia e naturopati.
In Italia per la medicina ufficiale, la Naturopatia, è solo quella metodica terapeutica che non impegna farmaci ma energie naturali quali: luce, calore, aria, acqua,massaggio ecc.

Identificando la naturopatia solo come metodica terapeutica si vuole vietare l'atto diagnostico e la prescrizione di qualsiasi tipo di farmaco.
Ciò implica che un'erba, un rimedio omeopatico, una sostanza minerale ecc, non dovrebbero essere considerati mezzi naturali di cura e non dovrebbero rientrare tra le metodiche della naturopatia. Purtroppo, si dimentica che "farmaco è qualsiasi sostanza che, per le sue proprietà, ha virtù terapeutiche".

Ad una visione così limitata della naturopatia, si contrappone quella "dilatata" di chi la considera tutto ciò che, in qualsiasi modo, è attinente alla natura.
Ciò è altrettanto errato! Infatti, un'erborista non è da considerarsi un naturopata solo perché conosce e propone l'uso delle erbe. Egli, come qualsiasi altra figura similare, potrà ritenersi tale solo quando s'interesserà del complesso delle cose e degli esseri dell'universo, delle leggi che li governano, dell'ordine che è loro proprio, quando ne avrà fatto oggetto di meditazione e di studio approfondito.
L'erborista, in sostanza, se vuole essere un naturopata, non può lasciare il suo interesse confinato allo studio delle erbe, come l'omeopata ai rimedi omeopatici, il massaggiatore ai tocchi e manipolazioni del corpo, ecc, ma dovrà interessarsi della natura nel senso più completo del termine.

Cammino arduo si dirà, non bene identificato o identificabile.

Se poi consideriamo che l'erborista solo oggi, nei confronti della legge italiana, comincia a definire la propria figura, figuriamoci come può riuscire a evolversi in naturopatia in modo...naturale!

Occorre quindi che chi pretenda di essere un vero naturopata, debba migliorare il proprio sapere cercando, in ogni manifestazione della natura, la scintilla divina per poterla donare a chi può essere d'aiuto.

Non è assolutamente sufficiente, infatti, acquisire conoscenze circa il corpo umano e le varie branche della medicina naturale, se ciascuna materia, acquisita in forma specifica e distaccata da un contesto più ampio, senza far riferimento al significato profondo del termine "natura", a quelle leggi e a quell'ordine che regolano il complesso delle cose e degli esseri nell'universo, non produrrà un buon naturopata anche se il processo d'apprendimento dura anni.
Gabriele Bettoschi

La forza del pensiero

La forza del pensiero
di: Edoardo Capuano

Ognuno di noi non è altro che l'immaginazione di se stesso. La vita ci permette di concretizzare la nostra esperienza fisica attraverso i nostri pensieri. Tutti noi siamo lo specchio di quello che pensiamo di essere. L'immaginazione di noi stessi e del mondo che ci circonda suggella la nostra esperienza materiale.

Osservando una persona non si fa altro che osservare il suo modo di pensare. Essa è il risultato del suo modo di pensare, come pure l'ambiente in cui vive e interagisce. Per cui basta un po' di spirito di osservazione per capire con somma facilità a che modello di pensiero corrisponde il nostro interlocutore. Il pensiero umano è un'energia potentissima per cui è vitale pensare in maniera positivamente decisa. Ad esempio, una persona che si pone un quesito mentale del tipo: <<>>, manifesta una energia molto debole. <<>>, un modo di pensare che ha tutta un'altra energia.

Ogni giorno tutte le forme di pensiero interagiscono di continuo con tutte le cose che ci apprestiamo a fare. Infatti, pensi che una cosa ti andrà male? Allora ti andrà male. Pensi di essere una persona sfortunata? Allora sarai sfortunata. Pensi di essere sfortunato in amore? Allora sarai sfortunato in amore. Questo significa che tutto è creato dal pensiero, dai nostri pensieri. In questa densa gamma di frequenza in cui viviamo si tende a percepire una differenza tra il tempo che intercorre tra il pensiero e la sua manifestazione fisica, ma la forza del pensiero rimane sempre all'origine di tutto.

Osserviamo per alcuni istanti il mondo che ci circonda. I palazzi, i monumenti, i mobili e tutti gli accessori, sono stati tutti creato dal pensiero. Le azioni di progettarli e fabbricarli sono avvenute mediante il pensiero. Se nessuno avesse pensato di progettarli non esisterebbero. Quale significato è attribuibile a ciò? Il significato che tutti noi viviamo in un mondo di illusioni, in quando il mondo è un riflesso, uno specchio del pensiero umano. Ciò che pensiamo che il mondo sia, sarà. O almeno quella sarà la nostra percezione del mondo.

http://www.ecplanet.com/

martedì 7 ottobre 2008

Messaggi Subliminali

I Messaggi Subliminali sono ovunque:
... in cartoni animati, pubblicità, brani musicali rock e videogiochi.
Si basano su studi rigorosi che permettono di condizionare il comportamento e le scelte delle persone. Riguardano soprattutto sesso, droga, satana e suicidio..


Cecità

Sempre più spesso capita agli attivisti di accorgersi che molte persone sembrano letteralmente non percepire le scie chimiche, non vedere i tankers che insozzano il cielo. Tralasciamo tutti coloro che si disinteressano del problema, alzando le spalle e che si infastidiscono se qualcuno li esorta a prendere coscienza del pericolo mortale costituito dalle chemtrails. Come nota acutamente Bojs, nell'articolo intitolato Under the matrix-dodicesima parte, ormai è subentrata un'assuefazione all'orrore: "Ci si abitua alla loro presenza tanto da non considerarle più, incosciamente, un vero problema". Le scie appartengono al nostro sfigurato paesaggio e sono parte integrante dell'orizzonte percettivo e mediatico, sicché, come un quadro appeso alla parete da anni, sono sconfinate in una penombra indistinta ed indifferenziata.

Senza dubbio ciò è inquietante in sommo grado: il giorno in cui non provassimo più un moto di sacrosanta indignazione nei confronti dell'avvelenamento globale, saremmo perduti. Si può immaginare un evento più epocale dell'operazione chimico-biologica che, ex abrupto, dimostra in modo inoppugnabile che il sistema è letteralmente diabolico? Il giorno in cui si scriverà una storia veritiera, il 1996, anno in cui "ufficialmente" è cominciata l'infame attività, sarà considerato un anno spartiacque, decisivo, l'inizio di un'era funesta, dominata dalla menzogna e dalla distruzione, un'età orwelliana.

Come sovente accade, solo tra molto tempo (forse) sarà riconosciuta e compresa l'enormità di un'azione scellerata che suggella il folle progetto di asservimento degli uomini affinché siano trasformati in automi telecomandati da un manipolo di psicopatici. Intanto le persone paiono lentamente, ma in modo inesorabile plagiate, condizionate, possedute dal sistema. Cinema, televisione, scuola, messaggi subliminali... hanno inculcato convincimenti distorti nelle menti, come chiodi piantati in un'asse di legno.

Proviamo a chiedere ad un passante qualsiasi che cosa sono quelle lunghe tracce nel cielo: anche persone che ignorano tutto di fisica dell'atmosfera e di aeronautica risponderanno candidamente che sono scie di condensazione. Riceveremo la stessa risposta dalla stragrande maggioranza degli adolescenti in cui è stato inoculato il virus della bugia sincera, ossia la totale e genuina fiducia in colossali menzogne, un credo monolitico nella propaganda più maldestra e volgare, ma efficace e penetrante. Le nuove generazioni, tranne qualche caso, non hanno alcuna speranza di salvarsi: decerebrati dai cellulari, dallo sport, dal consumismo, dalla Gelmini... non vedranno la piovra che li stritolerà con i suoi tentacoli mortali.

In altri casi si ha il sospetto che molti non vedano le scie, come se il cervello, la mente e gli organi percettivi [1] fossero stati deprivati della possibilità di cogliere alcuni segmenti di realtà, così come la materia e l'energia oscura, i raggi X, i raggi ultravioletti etc. sono fenomeni sottratti alla nostra visione per i naturali limiti dei nostri sensi.

E' proprio un problema di percezione, di incapacità di cogliere con i sensi l'oggetto "esterno" o, meglio, di decodificare il messaggio in seguito ad una degenerazione dei processi psichici, mentali, sensoriali di uomini ormai senza testa. Non sappiamo se siano le onde elettromagnetiche o le nanostrutture diffuse nell'ambiente ad aver determinato questo salto all'indietro della specie, tale mutazione antropologica. Le cause potrebbero essere più profonde ed anche più esoteriche. Sappiamo che lo scenario riferito al futuro e prospettato in Mutanti, si addice meglio al presente.

Accanto a questa cecità, dalle molteplici implicazioni fisiologiche, psicologiche, sociali, ma anche ontologiche, un'altra suscita inquietudine: quella dei siti di presunta informazione indipendente che, di fronte ad un genocidio che grida vendetta al cospetto di Dio, di fronte al più subdolo e mostruoso crimine contro l'umanità ed il pianeta, avallato dal silenzio e dalla complicità di TUTTE le principali strutture di potere, tacciono in modo colpevole. Mentre dovrebbero pubblicare almeno uno studio alla settimana sul tema, si limitano a proporre ogni tanto qualche articolo dal dubbio valore o addirittura danno spazio alla disinformazione di militari, meteorologi, scie-menziati e pennivendoli vari o ad articoli patetici sul solito "effetto serra".

Questa cecità consuona con una totale incomprensione dei veri problemi, con un senso civico pressoché inesistente: questa cecità della coscienza è molto più grave della cecità fisica.


[1] Naturalmente il discorso investe pure dimensioni più profonde e non meramente bio-psichiche, ma, per semplicità, qui non affrontiamo tali risvolti.

fonte - www.tankerenemy.com

domenica 5 ottobre 2008

Masaru Emoto - Messaggi dell'Acqua

Il dottor Masaru Emoto, scienziato e ricercatore giapponese, ha messo a punto una tecnica per esaminare al microscopio e fotografare i cristalli che si formano durante il congelamento di diversi tipi d'acqua.

Ha poi fotografato l’acqua esposta a parole scritte, a musica, preghiere, parole pronunciate, acqua di montagna, acqua inquinata, ecc.

Si è visto che i cristalli dell’acqua trattata muta di struttura, inviando messaggi.

Meditazione a scuola

Dalla provincia di Ragusa un esperimento di meditazione a scuola. Non solo anti-bullismo, ma miglioramento della concentrazione nella normale attività scolastica, autoconsapevolezza.

sabato 4 ottobre 2008

Boriska - Il Bambino Venuto da Marte

Project Camelot Interviews Boriska



Moscow, Russia, October, 2007

http://projectcamelot.org/boriska.html

Boris Kipriyanovich is an Indigo Child, probably the most famous in Russia. Boriska, or 'little Boris', was featured in Pravda after Gennady Belimov, a university professor in the Volgograd region of Russia, witnessed Boriska, then aged just seven, astound an adult audience during a camping trip in which he held them spellbound for an hour and a half as he recounted tales of past lives on Mars and Lemuria, and warned of catastrophes due to affect the Earth in 2009 and 2013.

Within a short time, word was spreading within Russia about what this diminutive prophet had to say, especially once the story was picked by Moscow's premier newspaper.

Word filtered to the west, where we first heard about him in our interview with Michael St Clair last year. Meanwhile, there had been a short piece about him in Nexus Magazine which had stirred up a huge amount of interest.

So Project Camelot decided to travel to Russia to find him. It seems we were the first westerners to have made the journey. On 8 October, we were privileged to interview him with his mother, Nadya, near Moscow where Nadya had brought him to attend a special school for gifted children. They live in a small one-roomed apartment. The father is absent. We will do all we can to help.

Boriska was twelve on 11 January 2008. Nearly a teenager, he is charming, delightful, shy, alert, perceptive, sensitive, and clearly highly intelligent. His most memorable comment to us was when Kerry asked him what he thought of the people of planet Earth. "I don't like saying bad things about people", he replied...

To contact Bill Ryan or Kerry Cassidy, please e-mail us at support@projectcamelot.org

Life is NOW - 666 - Nuovo Ordine Mondiale

The Simpsons - Homer Evolution

L'affondamento del Titanic

Propongo una breve intervista all'economista Marco Saba che consente di precisare alcuni temi finanziari e monetari, a complemento di quanto scrivevo nell'articolo Il sistema economico obbedisce a modelli di complessità?

Gli aspetti da puntualizzare mi paiono i seguenti.

- La crisi finanziaria attuale non è la conseguenza di scelte dissennate e di processi distorti inerenti al modello capitalista, non solo: è soprattutto un tracollo deciso negli anni passati per determinare una situazione di caos, premessa indispensabile per la militarizzazione della società e l'instaurazione di regimi liberticidi. In tale ottica, si comprende che l'economia è pilotata dalle élites per scopi che non sono quasi mai economici, ma di controllo della popolazione e di distruzione dei fondamenti su cui si basa la convivenza civile. Si vedano i vari articoli di Capitano Nemo, in particolare La creazione di una crisi finanziaria.



- La caduta verticale degli indici borsistici e la scarsezza di liquidità sono fenomeni molto preoccupanti, ma ancora legati all'economia speculativa: i problemi seri subentreranno se e quando la recessione riguarderà la produzione di beni e servizi, con penuria di generi di prima necessità. Il circolante potrà essere utile, in questo scenario, per un periodo limitato, poiché le banconote sono soltanto fogli di carta privi del tutto di reale valore, per di più stampati ricorrendo al perverso sistema del signoraggio bancario che crea gravami debitori a danno dei cittadini. In seguito, accaparrati carburanti, prodotti alimentari, acqua..., gli scambi si baseranno o sui metalli preziosi o su merci.

- La Banca centrale europea non stamperà banconote per arginare le strettezze (l'ultima emissione risale al 2002!) semplicemente perché il progetto è quello di ridurre la massa monetaria in modo da portare i cittadini in condizioni di enormi difficoltà, schiacciati dall'inflazione e dalla paurosa riduzione dell'offerta. Nel 1929, la Federal reserve, per indurre un crollo economico, ritirò in breve tempo dal mercato gran parte del circolante, gettando sul lastrico piccoli risparmiatori ed imprenditori e determinando il fallimento di moltissime banche.

- Mentre parecchi istituti bancari sono già falliti, le banche cattoliche stanno, invece, tesaurizzando lingotti d'oro e valute forti. Ciò dimostrebbe, come asserito da Svali e da vari ricercatori, che potrebbe essere il Vaticano (Babilonia la grande, sede dell'Anticristo) il vero artefice della crisi negli Stati Uniti ed altrove.

fonte - http://zret.blogspot.com/

venerdì 3 ottobre 2008

IL PIANO DIVINO PER LA TERRA - the new call

Questo libro, non solo rivela nozioni circa il "Dramma della Passione Aquariana" da tempo profetizzato ed ora in atto, ma è anche una guida pratica ed istruttiva per milioni di individui che oggi si stanno risvegliando nel mondo intero, in accordo con le trasformazioni globali ora in atto.

Un Nuovo Mondo sta' per nascere alla chiusura di un importante ciclo di 75.000 anni. L'umanità e la Terra sono di fronte ad un bivio critico nel loro viaggio evolutivo, conseguentemente, il pianeta è divenuto un animato nucleo di attività intercosmiche. Il nostro mondo è ora nello stadio finale di preparazione per l'imminente Grande Transizione, un evento monumentale ampliamente discusso nel nuovo libro "Il Piano Divino per la Terra": I Servitori dell'Umanità.

GRAZIE ALL'ATTIVITÀ SPIRITUALE SENZA PRECEDENTI ora in atto sul nostro pianeta, il nostro globo è divenuto un animato nucleo di attività per parti interessate provenienti da altri pianeti, galassie e dimensioni. Membri di varie confederazioni interstellari si sono avvicinati alla Terra per apportare assistenza con la ormai prossima Grande Transizione che influenzerà positivamente tutta la vita sul nostro pianeta.

Alcuni individui stanno oggi recuperando le memorie di facoltà superiori che un tempo possedevano, e iniziano a ricordare lo scopo della loro reincarnazione e il loro dovere verso l'umanità e verso il pianeta Terra. Essi stanno divenendo consapevoli dell' intervento di legioni di Emissari divini immateriali, ai cui ranghi eminenti essi appartengono di diritto. Ricordano di essere parte essenziale di un vasto sforzo collettivo e di un compito straordinariamente importante, il cui scopo si perde nella notte dei tempi, attraverso milioni di anni e una miriade di vite passate sulla terra e altrove, tutte miranti alla prossima a conclusiva gloria. Nel loro ricordare, essi si accorgono di essere prossimi a realizzare il grande coronamento di una fase vitale del Piano Divino per la Terra, del sistema solare ed oltre.

I Servitori si stanno risvegliando e insediando come agenti del Nuovo Spirito per poter svolgere un ruolo attivo nell'espansione della coscienza mondiale sul pianeta.

"Il Piano Divino Per La Terra"
si può scaricare gratuitamente.

PDT.ZIP - 151KB PDT.RTF - 584KB

La bufala del 14 ottobre

Cari lettori, come ben sapete ormai in tutto il mondo informatico sta girando l'eclatante notizia di un presunto primo contatto da parte di esseri provenienti da altri sistemi stellari in data 14 ottobre 2008.

Dietro pressante richiesta da parte di numerosi lettori la redazione di Segnidalcielo ha acconsentito con qualche riserva a pubblicare il messaggio della channeller australiana Blossom Goodchild che asserisce di far da canale della federazione galattica di luce.

E' ovvio che messaggi del genere sono sempre accolti con una certa prudenza da chi vuole dare informazione genuina e trasparente e non incrementare un fenomeno come quello della new age che sta assumendo proporzioni bibliche nel creare caos e confusione. Data la forte curiosità intorno a questo argomento, ho scritto personalmente al Dott. Boylan, chiedendo ragguagli in merito e la sua risposta è stata chiara, concisa e sorprendente. Ma non voglio condizionarvi, solo offrirvi un'altra panoramica dell'argomento.

Vi ricordo che il Dott. Richard Boylan sarà presente all'eccezionale evento che stiamo organizzando a livello internazionale qui a Roma in data 15 /16 novembre 2008 dal titolo STAR NATIONS, interazione tra umani e alieni, vi aspettiamo numerosi!

I tempi stringono, stringiamo le fila..

x segnidalcielo.it - Karla Suberati



Messaggio del Dott. Boylan:

“E ' in atto una campagna di disinformazione e distrazione aderente a internet,alla quale io darò l'etichetta “ la burla del 14 ottobre”. Si tratta di una storia nata in Australia da una presunta channeller Blossom Goodchild, che sta presumibilmente dando voce ai messaggi di una NON esistente federazione galattica di luce, e di una ipotetico sorvolamento nelle regioni sud del nostro pianeta, di una grande astronave.

Dal momento che NON esiste una federazione galattica di luce, Mrs.Goodchild sta dando false informazioni. ATTENZIONE ai falsi channeller.

Esiste solo un'organizzazione di civiltà avanzate nella galassia, ed è STAR NATIONS. Mrs. Goodchild probabilmente sente di canalizzare esseri stellari, ma non è così. Ciò che asserisce può provenire dall'immaginazione della sua mente subconscia, o è possibile che ella sia il bersaglio di un messaggio-pensiero trasmesso dalla Cabala (governo oscuro) per disinformare e fare propaganda.

Se una qualsiasi astronave apparirà in quella data, essa sarà una nave antigravità della Cabala mascherata da nave Star Nations, e la sua apparizione potrebbe far parte di un ultimo tentativo della Cabala per portare scompiglio e screditare le Star Nations.”

fonte: Dr. Richard Boylan - Star Kids project

Il Segreto del Pensiero Vivente

Questo non è un video ma un Viaggio dell'anima attraverso la potenza del Pensiero Vivente..

giovedì 2 ottobre 2008

Transponder Off


Transponder Off from Tanker Enemy on Vimeo.

Signoraggio ( Prima Parte )




Tutti i politici eletti alla guida della Nazione hanno sempre indebitato lo Stato chiedendo denaro in prestito ad una ristretta cerchia di banchieri privati. Questi banchieri internazionali creano il denaro dal nulla e senza nessuna contropartita, semplicemente stampandolo.
Gran parte delle tasse versate dal cittadino servono a pagare gli interessi su quel debito inestinguibile, eterno, costituito da carta straccia.

SECONDA PARTE DEL VIDEO - http://it.youtube.com/watch?v=87FsBg7ynQQ


mercoledì 1 ottobre 2008

ArcipelagoSCEC - OCTOBERSCEC

OCTOBERSCEC, A RICCIONE IL 25 E 26 OTTOBRE 2008
coordinamento nazionale della Solidarietà ChE Cammina
La moneta complementare della transizione.



“L’economia dovrebbe esistere solo per garantire a tutte le persone
ciò di cui hanno bisogno” (Manitonquat nativo americano).


SABATO 25 ottobre 2008 (dalle ore 9,00 alle 17,30)
DOMENICA 26 ottobre 2008 (dalle ore 9,00 alle 12,30)
Presso il PALAZZO DEL TURISMO di RICCIONE

Informazioni utili:

Gli SCEC danno nuovo slancio alle comunità locali e aiutano a costruire una nuova economia dove tutti vincono e nessuno perde! In Italia sono già molte le “Isole” di Arcipelago: Sicilia, Calabria, Campania, Lazio, Umbria, Toscana e prestissimo anche Liguria e Veneto...

Già più di mille imprese aderiscono al Circuito e usano lo SCEC, assieme a migliaia di famiglie, per vendere e comprare.

Le amministrazioni locali di Trento, Castrovillari (Cs) e Scandale (Kr) hanno già deliberato il loro supporto al progetto.


Tra gli altri saranno presenti:

Pierluigi Paoletti, Analista Finanziario e Presidente di ArcipelagoSCEC
Mons. Domenico Graziani, Arcivescovo di Crotone e Presidente del
Comitato Scientifico SCEC
Nino Galloni, Dir. Gen. Ministero del Lavoro e Saggista Economico
Marco della Luna, Autore del Best Seller Euroschiavi
Michela Auriti, Caporedattore del Settimanale OGGI
Napoleone Guido, Presidente Naz.le del Nucleo di Valutazione UNIONCAMERE
Don Floriano Abramovich

Per partecipare e prenotare hotel convenzionati, chiamare:

Nella convenzione con CostaHotels sono compresi: Consorzio Costa Hotels
- Riccione, tel. 0541.607636; fax 0541.695979; info@costahotels.it

Ven 24: Cena (arrivo entro le ore 19,00)/ pernottamento;
Sab 25: 1^ colazione / pranzo e cena / ingresso al Palazzo del Turismo.
Dom 26: 1^ colazione / pranzo /
nota: a pranzo e cena, le bevande sono comprese nel prezzo.

Costo totale del pacchetto:
Hotel 3 ***: 102,00 €uro / Hotel 3 *** sup.: 122,00 €uro;
(Supplemento per doppia uso singola: due notti 14,00 €uro).
Per soluzioni intermedie contattare Costa Hotels Riccione

ATTENZIONE: Il voucher che verrà consegnato in hotel servirà come biglietto d'ingresso al meeting e sostituisce il contributo-spese di 15 €uro da versare all'ingresso della sala.

...

Ci scusiamo per il mancato uso degli SCEC,
ma c’è ancora un po’ di strada da fare insieme per cambiare il mondo.



Fonte: http://www.centrofondi.it/articoli/8berscec.pdf


Stato d'agitazione del Personale INGV

Stato d'agitazione del Personale INGV del 1° Ottobre 2008


Le informazioni contenute in queste pagine sono state sinora garantite dalla disponibilità del personale precario e non, dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia.
L’agitazione del personale dell’Istituto contro l’emendamento 37bis alla proposta di legge 1441 quater, che in sostanza provocherebbe il quasi immediato licenziamento del personale precario, porterà alla sospensione di tutte le attività.
Nell’immediato si procederà al blocco di ogni tipo di informazione telematica e telefonica non istituzionale.

Il blog dei precari INGV: http://precariatingv.wordpress.com/

Rapimenti Alieni o "ABDUCTIONS"



Parte 2 - http://it.youtube.com/watch?v=KvP85NEXLl4

Parte 3 - http://it.youtube.com/watch?v=nZUGTfpi078

Avrà ragione Edgar Cayce - ci sarà un crollo economico ?

Tra gli anni 2006 e 2007 si verificherà una depressione economica che provocherà un drastico cambiamento nella società occidentale moderna, o perlomeno in quella degli USA. Questa la previsione che lo studioso americano, Michael Wells Mandeville espone in un libro pubblicato recentemente anche in italiano.

L’andamento dell’universo e il mondo invisibile hanno un’influenza anche sull’economia ? Ovviamente sì, se tutto è collegato in un’unica rete che tutto tocca e tutto contiene. Ed è proprio questo sapere olistico che fornisce a Michael Wells Mandeville (Come affrontare il crollo economico del 2006-2007, Macro Edizioni) la base per la sua inquietante previsione: siamo alle soglie di un autentico crollo economico.
Mandeville è uno studioso dei sistemi dell’universo. Si è interessato in particolare ai cicli cosmici e agli allineamenti dei pianeti, constatando una coincidenza tra tali allineamenti e le macchie solari. Non è un segreto che le macchie solari hanno un influsso sulle emozioni umane e anche sull’andamento dell’economia. Ogni 11 anni, dice Mandeville, si verifica un picco di macchie solari che puntualmente coincide con guerre e crisi politiche ed economiche.
Un altro tema cui si interessa Mandeville è l’attività sismica e vulcanica, legata secondo lui al submovimento oscillatorio che accompagna la rotazione terrestre. L’oscillazione della terra, dice, si è accelerata a partire dal 1968, di qui un aumento dei terremoti e delle eruzioni vulcaniche.
E il mondo invisibile ? Oltre a queste ricerche, Mandeville si è interessato alle predizioni di un famoso sensitivo americano, Edgar Cayce che, negli anni 30 e 40 fu consigliere di personaggi quali Thomas Edison, Woodrow Wilson e Franklin Delano Roosevelt. Cayce divenne famoso per una serie di spettacolari previsioni riguardanti ad esempio lo scoppio della seconda guerra mondiale. Ma le predizioni di Cayce non riguardano solo il futuro vicino al suo tempo. Se non ha spaziato nei secoli, il veggente ha comunque fatto delle previsioni che riguardano i nostri giorni.
Mandeville ha studiato attentamente gli scritti di Cayce ricavandone la certezza, espressa nella sua opera “Il crollo economico del 2006”, dell’imminenza di una depressione di grandi dimensioni, perlomeno per quanto concerne gli Stati Uniti. Pur basandosi sui dati che ricava dallo studio dell’universo e dalle informazioni raccolte da Cayce nelle dimensioni invisibili, Mandeville cita anche fatti concreti come il forte indebitamento dell’economia americana, il trasferimento della produzione in altri paesi, prevalentemente in Asia, le enormi spese generate dalla guerra in Irak e, forse, da un futuro attacco all’Iran.
A questa situazione, afferma lo studioso, si aggiunge l’impegno di sostegno al governo assunto dai media statunitensi a partire dal 2001, che priva il cittadino di informazioni essenziali, o lo costringe a cercarle altrove, ad esempio in internet.
Il libro si conclude con una serie di consigli concreti sugli investimenti da fare o da evitare, consigli basati sui principi enunciati da Cayce, dovutamente adattati al mondo di oggi.
Ma soprattutto, sottolinea Mandeville, bisogna affinare la nostra sensibilità, aprire i chakra per diventare veggenti, mutare insomma il nostro modo di vedere il mondo.

Operazioni di informazione: l'arma della conoscenza per il 2025

Una ricerca presentata all'Air force 2025 dell'aprile 1996
Capitolo I

Capacità necessarie, capacità inerenti alla conoscenza, pp.7-9.
Pubblichiamo uno stralcio di un documento ufficiale, risalente all’aprile 1996 ed elaborato dal luogotenente colonnello Edward Murphy, dai maggiori Gary Bender, Larry Schaefer, Michael Shepard, Charles Williamson III. Nel brano, che definisce un folle progetto di egemonia del pianeta per mezzo di una sinergia tra conoscenze e tecnologie avveniristiche, è prefigurata in modo piuttosto esplicito, l’operazione di diffusione di nanosensori nella biosfera al fine di spiare la popolazione. Infatti il nemico citato nella ricerca altri non è che il cittadino che deve essere sorvegliato e controllato. Eloquenti la citazione, oltre che dei sensori, anche delle scie (wake nel testo), degli aerei in grado di volare sempre ed in ogni dove ed il riferimento ai droni. L’excerptum si incastra perfettamente negli studi della validissima giornalista indipendente ed attivista Carolyn Williams Palit che ha messo in luce, tra gli altri aspetti, la correlazione tra chemtrails e distribuzione di nanosensori volti a trasformare gli uomini in automi telecomandati.

Ringraziamo il gentilissimo Davy cui si deve il reperimento dell’importante documentazione che è, tra l’altro, un’ammissione dell’attività inerente alle scie chimico-biologiche.

Acquisire una conoscenza superiore sull’avversario richiede la giusta miscela di sensori multifunzionali, di processori avanzati, di strumenti di analisi e di correlazione e di strumenti dinamici per archiviare i dati. Questi strumenti devono essere logicamente integrati per gestire un'enorme quantità di dati, di modo che diffondano la conoscenza necessaria tra un gruppo di persone preposte alle decisioni.

I sensori devono essere in grado di rilevare una grande varietà di fenomeni e devono poter essere usati in tutto il mondo. Per ottenere ciò, i metodi convenzionali di intelligence, di sorveglianza e di riconoscimento devono essere integrati con modelli esotici per raccogliere le informazioni. Queste tecniche dovrebbero includere strumenti di rilevazione sismica, acustica, di risonanza magnetica delle immagini e di mezzi atmosferici (scie di aerei e di missili – aircraft and missile wake). La capacità di ottenere informazioni direttamente dagli archivi dati dell’avversario (mappando e penetrando i sistemi militari e commerciali del nemico) resta un’alta priorità. Inclusi in questo complesso di apparati per raccogliere le informazioni sono anche i sensori meteo finalizzati ad ottenere accurati resoconti ambientali. Infine un nuovo gruppo di sensori a basso costo “leave-behind” deve essere sviluppato per conseguire, in tempo reale, una valutazione degli effetti dopo che sono stati rilasciati (tramite mezzi aerei - n.d.r.).

Si avverte la necessità di creare sistemi d’arma che guideranno i sensori in base a specifiche esigenze di individuazione strategica sul territorio. Le armi di precisione richiedono un’intelligenza precisa. I laser e le altre armi ad energia diretta possono richiedere risoluzioni fino a pochi centimetri […]

L’abilità di fondere un’enorme mole di dati provenienti da una moltitudine di sensori identifica gli aspetti essenziali dell’informazione ed assicura le necessarie informazioni nel nodo necessario ed in tempo reale. Ciò rappresenta una delle più grandi sfide. Il sistema migliore sarà in grado di identificare archivi di dati attraverso differenti reti, di localizzare e di filtrare una gigantesca quantità di informazioni archiviate; di analizzare rapidamente e di correlare i dati contenuti negli archivi, considerando milioni di variabili. […]

Il sistema deve anche integrare la conoscenza dell’ambiente in cui si opera, specialmente il terreno dove agiranno le forze militari. E’ necessario usare una comune griglia che mappi il territorio, insieme con la possibilità di creare mappe definite in coordinate uniche, ma derivate da un comune database. Lo scopo di una mappatura così precisa è quello di dare all’utente una precisione inferiore ad un metro. La mappa, abbinata a strumenti di navigazione, permetterà agli aerei ed agli UAV (velivoli senza pilota) di volare sempre, dappertutto, su ogni rotta.

Personale ben addestrato è cruciale per un’adeguata analisi e valutazione dell’informazione. […] Nel 2025 l’elemento umano sarà ancora basilare. Tuttavia, di fronte all’esplosione delle informazioni e delle operazioni militari attese entro il 2025, i compiti analitici svolti da personale ben addestrato, dovranno essere integrati da processi automatici ogniqualvolta sarà possibile.



fonte - www.tankerenemy.com

Translate