Cerca nel blog

"Giornalismo è diffondere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è propaganda"

lunedì 31 agosto 2009

Liguria: lo stupro di una terra sacra

Le affermazioni di scrittori classici circa gli antichi Liguri, a proposito della stretta relazione tra Liguri e Siculi, sembrano essere state confermate da recenti indagini genetiche. Ellanico di Mitilene (VI sec. a.C) scrive che i Liguri erano approdati nella Sicilia occidentale due generazioni prima della Guerra di Troia (intorno al XIII sec. a. C. secondo la cronologia corrente, non accettata, però, da alcuni studiosi). Servio, commentatore di Virgilio, ricorda che, dopo essere stati costretti ad abbandonare il Lazio, a causa degli Umbri, essi emigrarono nell'isola, sotto la guida del mitico re Siculo. La toponomastica evidenzia il nesso tra i due popoli: Segesta, Entella, Lerici-Erice sono toponimi liguri e siculi. Segesta Tigulliorum è l'attuale Sestri Levante, mentre l'antica Segesta dell'isola mediterranea fu alleata di Atene contro Siracusa, durante la seconda fase della Guerra del Peloponneso (431-404 a.C.). Altri toponimi rivelatori sono Tella in Liguria, Tellaro in Sicilia; Levanto e Levanzo.
Questo popolo, esperto nella navigazione, attraversò il Mar Ligure ed il Tirreno per insediarsi in Corsica e nella Sicilia occidentale. Tuttavia l'area in cui i Liguri instaurarono un particolare legame con le energie ctonie fu la regione che disegna un triangolo ideale comprendente il Golfo di Genova, con un vertice a nord che coincide con la zona in cui svetta il Monte Beigua, il vertice orientale incluso nella Lunigiana, con i monti Sacro e Caprione, e quello occidentale in cui si aderge la vetta del Bego, nelle Alpi Marittime. In Lunigiana i Liguri eressero le statue-stele, altrove scelsero dei luoghi che diventarono santuari sub divo, spesso segnati da coppelle scavate nella roccia, da megaliti, da incisioni rupestri. L'etnia, nota nell'antichità anche come Ambroni, in alcuni siti creò degli allineamenti di pietre che delineano la costellazione di Cassiopea, costellazione boreale dalla caratteristica forma di W, ben riconoscibile grazie ai quattro astri di magnitudine inferiore a 3.

Lo storico Enrico Calzolari che sostiene la parentela tra Liguri e Siculi, a differenza di altri etnologi, reputa pure che sia rintracciabile un substrato sanscrito nella cultura ligure e più in generale un collegamento con l'Oriente, come sarebbe testimoniato dalla venerazione del dio Belenos, divinità della luce, forse di origine celtica, accostata a Baal. E' accostamento rigettato dalla maggior parte degli studiosi, ma, prescindendo da questioni erudite ed ostiche, sembra che l'energia di antichi "punti" sia correlata a fenomeni enigmatici, come anomalie gravitazionali o avvistamenti di U.F.O. frequenti soprattutto in Lunigiana e nella Liguria occidentale. Il biologo Giorgio Pattera suppone che i numerosi avvistamenti si possano spiegare con la presenza di faglie. Egli rammenta che molte zone in cui sono avvenuti avvistamenti di U.F.O. sono classificati a rischio sismico medio-alto. Lo scienziato congettura che gli U.F.O. siano interessati a tali distretti contraddistinti da situazione di instabilità del sottosuolo, originata da due fronti energetici che si contrappongono. Quando uno dei due fronti cede, l'energia viene liberata e quindi dà origine al movimento tellurico. "Se vogliamo ipotizzare l'interesse degli U.F.O. per le fonti naturali di energia, in qualsiasi forma si presentino (elettricità, acqua, gravità, radioattività...), questo potrebbe spiegare l'insistenza degli oggetti volanti non identificati lungo queste 'autostrade', a scopo di ricognizione e di acquisizione".

Nelle Alpi Liguri, nel Medioevo, si snodava pure il primo tratto di una via del sale che, attraversando le Alpi, giungeva a Ginevra. Secondo Oberto Araudi, questa zona è percorsa da una ley-line.
Le basi militari ed interventi di vario tipo, ma sempre nefasti, hanno trasmutato le energie benefiche in vortici stagnanti, mentre la Liguria, da "terra leggiadra" è ormai regione deturpata dalla speculazione edilizia, sventrata dalle discariche, una landa inaridita dalla siccità e dagli incendi... Inceneritori e centrali nucleari saranno il colpo di grazia... e questo è solo il visibile.

Fonti:

Intervista ad Enrico Calzolari, 2009 rilasciata a M. Agosti, 2009
L'antico popolo dei Liguri, intervista ad Enrico Calzolari rilasciata a O. Carigi e S. Tavanti, 2009
Dizionario di Astronomia e Cosmologia, Milano, 2005, s.v. Cassiopeia
G. Pattera, U.F.O.: vent’anni di indagini e di ricerche, Parma, 2005-2007, pp. 155-159

http://zret.blogspot.com/


PERCHE’ LA MALATTIA ?

Lettura tratta da Edgar Cayce http://www.edgarcayce.it/




D- La cattiva salute che ho avuto negli ultimi anni è il risultato di errori di una vita passata o è dovuta a qualcosa di sbagliato in questa attuale vita ?
R- Entrambi. Poiché c’è la legge del materiale, c’è la legge del mentale, c’è la legge dello spirituale. Ciò che viene portato nella materialità è dapprima concepito nello spirito. Perciò, come abbiamo indicato, ogni malattia è peccato; non necessariamente del momento, come l’uomo conta il tempo, ma come parte di tutta l’esperienza. 3395-2

Ricorda, le cause [della condizione di questo corpo], come abbiamo indicato, sono il confronto con il proprio sé; perciò sono karmiche.
Queste possono essere affrontate per lo più in Lui che, eliminando la legge di causa e effetto con l’adempimento della legge, istituisce la legge della grazia. Così la necessità per l’entità di appoggiarsi sul braccio di Lui che è la legge e la verità e la luce.
Poiché, mentre si può cercare di spiegare queste [condizioni nel corpo] con i difetti nel corpo, leggi attentamente - chi guarisce tutte le tue malattie, chi fa accadere questa o quella [malattia o salute] nella tua esperienza ? affinché tu attraverso la tua esperienza possa imparare di più della legge del Signore che è perfetta...
Come è stato indicato per l’entità, [usa] le luci [ultraviolette] che contribuirebbero a controllare - anche a aiutare la zona disturbata nella spina dorsale per mezzo dell’uso di questa alta vibrazione. Elettricità o vibrazione è quella stessa energia, la stessa forza che chiami Dio. Non che Dio sia una luce elettrica o una macchina elettrica, ma quella vibrazione che è creativa è di quella stessa energia come la vita stessa. 2828-4

...è stato dato: “Chiunque versi il sangue dell’uomo, il suo sangue verrà versato dall’uomo.” E’, in questo caso, il sangue della volontà [dell’individuo], del suo scopo, del suo desiderio fisico di continuare nei suoi modi di attività, e con quelle condizioni nel corpo stesso che vengono ostacolate. L’entità ha ostacolato gli altri [in una vita precedente] e lo sta [ora] affrontando nel sé. Quello è il karma. 2828-5
Poiché qui abbiamo un’entità individuale che affronta il suo stesso sé - le condizioni riguardo ai movimenti del corpo, il sistema locomotorio, le estremità dei nervi, le forze muscolari. Quello che hai chiesto agli altri [in un’altra esperienza] lo devi pagare tu stesso ! Ogni anima dovrebbe ricordarsi di non pretendere dagli altri più di quanto si è intenzionati di dare, poiché pagherai - e, come la maggior parte, con l’aspetto ! 3485-1

D- Tutte le debolezze fisiche e i malanni fisici sono causati in primo luogo dall’infrazione delle leggi spirituali, invece delle sole leggi fisiche o naturali come le conosciamo ?
R- Piuttosto la combinazione di tutte. . . Queste [debolezze] provengono da niente meno che dal primo impulso - che è l’incontro dell’unione di forze che creano, come l’inizio del principio, e quegli elementi quindi che entrano con l’alimentazione - quando comincia [ad entrare nell’esperienza del bambino] con i cambiamenti dello stesso - determinano certe indicazioni; e [vi è] il funzionamento delle ghiandole, come [le loro attività] vengono indicate, che determinano l’altezza [di un corpo] o che determinano il colore o [agiscono in modo ] da determinare il funzionamento di varie condizioni [organiche]. E’ quindi una combinazione di [tutti] questi. Ma, come è stato indicato, si troverà [inoltre] sempre che l’atteggiamento delle forze mentali di un corpo trova il suo inizio [o riflesso] in quelle cose che cominciano a crescere; poiché ciò che pensiamo e ciò che mangiamo - combinato insieme - fanno ciò che siamo, fisicamente e mentalmente.
D- Per esempio, le mie debolezze nel corpo fisico hanno qualcosa a che fare con il modo in cui dapprima ho spagliato nello spirito, rendendolo perciò necessario per me correggere la disarmonia dentro di me prima di ottenere un corpo perfetto ?
R- Esse ne sono il risultato, naturalmente, di tutte le attività nelle varie epoche e [in particolare il risultato di] ciò che facciamo con esse in ogni singola esperienza o combinazione di tutte le esperienze. 288-38

D- Dato che ogni malattia è causata dal peccato, esattamente quale peccato causa la condizione del colon e dell’eliminazione ?
R- Il peccato della negligenza. La negligenza è esattamente tanto peccato quanto lo è il rancore, o gelosia - negligenza. 3051-7

Poiché Dio non ha avuto intenzione o voluto che un’anima perisse, bensì Egli purifica ognuno per mezzo di malattia, di prosperità, di avversità, di quelle cose necessarie perché [l’individuo] affronti se stesso - ma in Lui, con la fede e le opere, diventi completamente integra. 3395-2

Ma questo [trattamento] dovrebbe essere fatto sistematicamente, con l’atteggiamento di attesa; non di dubbio. Poiché ciò che chiedi nel Suo nome, credendo, e mentre tu sei viva, lo hai già. 3049-1

Rimani dolce. Mantieni quell’atteggiamento di attesa. Mantieni l’atteggiamento di speranza. E sappi che vi è la guarigione nel potere e nella forza dell’amore di Dio. 2948-1


ALBERO DELLA VITA E LE SEPHIROT

Abbiamo già detto che l’Albero della Vita contiene la sintesi dei più noti insegnamenti della Cabala; che consiste di una struttura dotata di tre pilastri; di dieci entità circolari, chiamate Sephiroth e di ventidue canali che le collegano. Sui suoi tre pilastri, oltre a quanto detto nella tornata precedente, diremo che conferiscono all’Albero stabilità, durata e solidità e che la sua continuità si estende all’infinito. I tre pilastri dell’Albero della Vita, come sappiamo, corrispondono alle tre vie iniziatiche: Facile (destra), Difficile (sinistra), Regale (centro), ma sappiamo pure, che solo la via mediana ha in sé la capacità di unificare gli opposti e che nessuna creatura può fare a meno di muoversi lungo tutte e tre le vie. Infatti, se privato del pilastro centrale, l’Albero della Vita diviene quello della conoscenza del bene e del male, dal quale proveniva il frutto che portò la morte in Adamo e nel genere umano.
Spiegano i Cabalisti che il motivo principale per cui Adamo ed Eva si lasciarono ingannare va rintracciato nel fatto che il loro rapporto non era ancora perfetto. Il peccato di Adamo consistette nell’aver dedicato la sua attenzione e interesse alla dualità e alla separazione senza prima aver fatto abbastanza esperienza dello stato di unità perfetta e senza aver portato unità all’interno della sua relazione con Eva. Se Adamo si fosse cibato prima dell’Albero della Vita si sarebbe irrobustito a sufficienza e il frutto dell’Albero della conoscenza sarebbe stato innocuo (nell’Eden esistevano due Alberi, quello della Vita e quello della Conoscenza). Ma il serpente si insinuò fra Adamo ed Eva e li convinse che la conoscenza era più importante della vita, e che la separazione era più bella dell’unità. Dopo il peccato l’Albero della Vita venne nascosto per impedire che Adamo, con il male che aveva ormai assorbito, avesse accesso al segreto della vita eterna, e, così facendo, potesse rendere assoluto il principio del male. Adamo doveva passare attraverso la morte e la distruzione, perché solo tramite tali esperienze dolorose il suo essere malato poteva liberarsi dal veleno dell’albero della conoscenza, per ridiventare la creatura eterna che Dio aveva concepito. Il dramma umano non è altro che la continuazione dell’esperienza di Adamo. Dopo aver perso lo stato paradisiaco del Giardino dell’Eden, l’Umanità non ha più accesso diretto all’Albero della Vita che è l’unica vera risposta ai bisogni di infinità, di gioia e di eternità che ci portiamo dentro. La via che conduce ad esso in modo diretto ed immediato è guardata da una coppia di Cherubini con la spada fiammeggiante. Essi rappresentano le due polarità, principi fondamentali dell’esistenza. Tramite il graduale riavvicinamento e riunificazione di tali principi, i Cherubini cessano di essere i “Guardiani della Soglia” il cui compito consiste nell’allontanare tutti coloro che non sono pronti ad entrare, poiché le loro intenzioni non sono ancora pure. Se una persona desidera armonizzare il maschile con il femminile, cioè fare la sintesi delle dualità, accettare e superare i contrasti e si adopera in questo senso, i Cherubini diventano per lei le colonne di riferimento, i pilastri che la riconducono al giardino dell’Eden. Eliminando la frattura presente fra Adamo ed Eva, nella quale si era infilato il serpente, scompare il pericolo della scelta sbagliata. E, con le ali incrociate, i Cherubini diventano gli angeli che accompagnano i giusti attraverso la “Cinquantesima Porta della Conoscenza”.
Come già accennato, le dieci Sephiroth sono considerate, sul piano spirituale le DIECI POTENZE DELL’ANIMA, dieci luci o sorgenti di energia che aiutano la crescita di coloro che si rivolgono ad esse nel cammino di ritorno alla “Vera Vita”. Sono facoltà potenziali che ciascuno di noi possiede, e che possono venire sviluppate in maniera crescente. Le dieci Sephirot formano un diagramma (Albero della Vita) da usare nella meditazione, sia per comprendere e classificare informazioni, sia per favorire l’incontro con gli stati superiori di consapevolezza. L’Albero della Vita aiuta inoltre a percepire, a chi è dotato di profonda intuizione, le particolari dinamiche che avvengono all’interno stesso della mente Divina. Le Sephiroth non rappresentano soltanto importanti concetti metafisici, ma anche situazioni pratiche ed emotive che ognuno di noi attraversa nella vita di ogni giorno. Le Sephirot sono dieci principi basilari riconoscibili nella molteplicità disordinata e complessa della vita umana, con le dieci Sephirot possiamo unificare la vita, darle un senso e darle pienezza. L’Albero della Vita è da considerarsi il programma secondo il quale si è svolta la creazione dei mondi e il cammino di discesa lungo il quale le anime e le creature hanno raggiunto la loro forma attuale, ma è importante per noi comprendere che è il sentiero di risalita, attraverso cui l’intero creato può ritornare al traguardo a cui tutto anela. Secondo un’espressione cabalistica l’Albero della Vita è la “scala di Giacobbe”, la cui base è appoggiata sulla terra e la cui cima tocca il cielo. Suo tramite ci arriva il nutrimento energetico generato dai campi di luce che circondano la creazione. Lungo la serie dei canali e delle Sephirot tale nutrimento scorre e discende, restringendosi e suddividendosi fino a raggiungere la totale creazione. Lungo l’Albero della Vita salgono, infine le preghiere e le forme di coscienza di coloro che cercano Dio. Le Sephirot sono l’origine di interi settori dell’esistenza, sia nel mondo fisico, che in quello psicologico come pure in quello spirituale: nel mondo fisico, Il sistema solare; nel mondo psicologico, le tappe dell’evoluzione ( i tarocchi) ; nel mondo spirituale, la sempre maggiore presa di coscienza.
Cerchiamo ora di capire meglio di cosa si parla quando si nomina la parola “Sephirah”. Contrariamente a quanto può far pensare la somiglianza fonetica, non significa “sfera”. Dall’esame della radice ebraica possiamo avere chiaro il significato di questa parola. Sephirah proviene dalla radice Saphar (Samekh - Peh - Resh) che ha tre significati: NUMERO - LIBRO O STORIA - LUCE.
a) NUMERO : Le Sephiroth possono venire capite tramite le qualità possedute dai primi dieci numeri interi. Lo studio della Cabala comporta, quindi la chiarificazione dei concetti della numerologia e la loro ridefinizione. Ad esempio il valore esoterico del numero “uno” ci permette di poter intuire il valore della Sephirah “Keter” (Corona) e così avviene per il numero due, ma avviene anche il contrario, il significato che il Sepher Yitzirah dà alle Sephirot ci fa capire meglio il valore dei numeri.
b) “LIBRO O RACCONTO”. Tutto il contenuto della Bibbia può venire letto attraverso le Sephirot: ad esempio, i primi sei giorni della Genesi sono le sei Sephirot da Chesed (Amore) a Yesod (Fondamento): I Patriarchi sono personificazioni dell’energia contenuta nelle Sephirot (Abramo è Chesed, Isacco è Gheburà, Giacobbe è Tipheret, ecc.)
c) “LUCE o PIETRA PREZIOSA”. Qui le Sephirot sono centri dai quali viene irradiata un’energia superiore, puro riflesso della Coscienza divina. Esse sono dei fari di guida lungo il cammino di crescita morale e spirituale, sono delle pietre preziose che arricchiscono colui che le scopre, tramite la presa di coscienza dei loro significati e la messa in pratica dei loro insegnamenti.
Numero - Libro - Luce indicano anche i tre livelli di qualità nei quali operano le Sephirot. Dove agiscono come numeri, livello a), le Sephirot sono le unità fondamentali delle leggi fisiche e matematiche su cui poggia la creazione. Sono l’energia contenuta nei numeri, la loro identità segreta, la loro vibrazione. A livello b), le Sephirot rappresentano le fasi dell’emanazione divina e il contenuto delle potenze dell’anima; esse si concretizzano in esempi pratici, morali e psicologici (capacità di conoscere, di amare, di aver fiducia, di temere, di operare, ecc.). A livello c), le Sephirot sono centri di luce dai quali irradia costantemente il flusso benefico che guida la creazione intera verso il compimento finale.
In ogni Sephira quindi troviamo tre livelli o piani, che riconosciamo in natura e nelle facoltà umane: fisico, psichico - mentale e spirituale. Infatti, come dice anche la filosofia indù, gli stessi piani che sono in noi, sono nell’universo, gli stessi principi che regolano i piani in noi, regolano anche quelli dell’universo. Nell’universo esiste una serie di principi correlativi, corrispondenti ai differenti principi della natura umana.
1) L’elemento fisico grossolano in noi corrisponde alla materia solida, liquida e gassosa che ci circonda. Il nostro principio eterico corrisponde all’etere o principio vitale universale. I due principi insieme, materia e etere, costituiscono il piano fisico dell’universo.
2) Il principio della sensazione in noi corrisponde allo stesso principio universale, l’Astrale o piano astrale
3) Il nostro principio intellettivo e la nostra anima corrispondono al principio corrispondono al principio intellettivo e all’anima dell’universo; i due insieme costituiscono il piano mentale del cosmo
4) e 5) L’elemento spirituale ed il Sé dell’uomo corrispondono al piano Buddico e a quello Nirvanico.
Questi piani dell’universo, come i principi dell’uomo, non sono sovrapposti, ma si interpenetrano. Come il liquido può penetrare il solido, il gas può penetrare il liquido, così l’etere penetra tutta la materia e si estende al di là della nostra atmosfera terrestre. L’uomo quindi ha in sé tutti i principi dell’universo, anche quelli divini, e per questo viene chiamato microcosmo.
Questa suddivisione in principi e piani ci riporta a quella cabalistica, cioè nel significato dei quattro mondi: Assiah, mondo della Materia; Yetzirah, mondo Astrale; Briah, mondo mentale e causale; Atziluth, mondo Spirituale. E ci riporta anche alla posizione che le Sephirot assumono in ciascuno di questi mondi. La Sephirah Malkuth costituisce, nei vari Alberi e quindi a vari livelli, il mondo di Assiah, o piano della Materia; le Sephirot, Yesod, Hod, Netzach, Tiphareth, Geburah, Chesed costituiscono il mondo di Yetzirah, piano della forma; le Sephirot, Binah, e Chocmah costituiscono il piano di Briah, o Creazione, con l’antitesi dei principi maschile e femminile, mentre Kether costituisce il mondo di Atziluth, che corrisponde al primo piano dell’emanazione nel mondo della manifestazione. Al di là del mondo della manifestazione vengono ipotizzati altri tre piani assolutamente ipercettibili: l ‘Ain Soph Aur ; Ain soph ; Ain. Il cui significato è “Luce Infinita del Non Manifesto” ; “Luce Infinita” ; “Luce”. Possiamo dire quindi che l’Ain Soph Aur si è concentrata in un punto, che era Kether e le emanazioni agiscono tramite crescenti gradi di densità fino a Malkuth di Atziluth dal quale nasce il Kether di Briah e così via, fino al Malkuth di Assiah.

IL VANGELO ESSENO DELLA PACE

"Non cercate le leggi nelle vostre scritture, perché la legge è vita, mentre le scritture sono morte". Gesù di Nazareth

Il Vangelo degli Esseni viene attribuito all'apostolo Giovanni. Recensione a cura di Mario Rizzi (sito http://www.viveremeglio.org/).

Questo è un libriccino che può mettere in crisi. Esso è stato tradotto da antichi manoscritti dei primi secoli dopo Cristo e contiene gli insegnamenti che Gesù impartiva nei riguardi della alimentazione e di altre regole igieniche di vita.

Contrariamente ai Vangeli sinottici, dove il messaggio di Gesù appare molto essenziale, e privo di quell'entusiasmo che la forza trascinante del maestro lascia supporre, il messaggio in questo testo ci presenta un Gesù poetico, autorevole e forte, il Gesù che era ascoltato perché la gente che parlava con autorità.

Ovviamente il messaggio presentato, indirizzandosi a persone vissute in tempi e luoghi assai diversi dai nostri, deve essere opportunamente considerato onde trarne gli ammaestramenti che possono essere tuttora utilizzati, tralasciando così alcuni dettami che non sono confacenti ai tempo attuale. Eccone una stralcio: "In verità vi dico, l'uomo è figlio della madre terra e da lei il figlio dell'uomo riceve l'intero suo corpo... Da lei voi siete nati, in lei vivete ed in lei ritornerete di nuovo... Osservate dunque le sue leggi perché nessuno potrà vivere a lungo, od essere felice, se non osserverà le sue leggi...

In verità vi dico, se voi mancherete di rispettare una sola di queste leggi e danneggerete un solo membro del vostro corpo , voi sarete completamente perduti nelle vostre penose malattie..."

Poche parole con un contenuto importantissimo, già si può intravedere come il messaggio punta a responsabilizzare... Se sei malato non cercare la causa tanto lontano, cercala nei tuoi errori, nel tuo modo di agire, di pensare e di alimentarti.

Il messaggio continua sottolineando la presenza delle forze del male (Belzebù) che seducono l'uomo per privarlo dei doni che la stessa madre terra gli aveva dato: "Egli promette ricchezze, potenza, splendidi palazzi, vestiti di oro e di argento... Seduce ognuno con ciò a cui è più incline..."

Per coloro che cadranno nella trappola della materialità sono enunciate punizioni assai gravi: "E il respiro del figlio dell'uomo diventerà corto e soffocante, penoso e maleodorante come quello degli animali impuri. E il suo sangue diventerà denso e maleodorante come l'acqua dei pantani, si raggrumerà e diventerà scuro come la notte della morte"

In netto contrasto appare invece il destino di coloro che riescono a resistere alle tentazioni: "In verità vi dico, quando il figlio dell'uomo resiste a Satana, che dimora in lui, e non ne segue il volere... appaiono gli angeli che lo vengono a servire in tutto il suo potere".

Gesù, più avanti, tenta di strappare gli ascoltatori dalla posizione intellettuale per tuffarli nella vita e mostrar loro come nella natura si possano trovare l'intelligenza e la saggezza di Dio. Essi rispondono stupiti: "Come possiamo leggere le leggi di Dio altrove che non nelle scritture?". Egli li incalza allora con un entusiasmo travolgente: "Voi non comprendete le parole della vita perché siete nella morte. Le tenebre oscurano i vostri occhi ed i vostri orecchi sono chiusi dalla sordità perciò io vi dico, a nulla serve che voi studiate le morte scritture se con le vostre azioni rinnegate colui che vi ha dato le scritture".

Tutto il libro si articola sulla dignità umana e di come l'uomo può degradarsi o risalire la china. Il messaggio copre dettami alimentari, igienici e comportamentali. Particolare enfasi viene data al modo con i cibi devono essere preparati, mangiati ed assimilati.

Il pasto cessa di essere una convenzione con lo stomaco per diventare qualcosa di sacro: "Respirate a lungo, e profondamente, durante tutti i vostri pasti, affinché l'Angelo dell'aria possa benedirli. Masticate bene il vostro cibo, affinché diventi liquido e l'Angelo dell'acqua lo possa trasformare in sangue per il vostro corpo. Mangiate lentamente, come se cibarsi fosse una preghiera che innalzate al signore."

Il Vangelo degli esseni è un libro da leggere e da regalare, forse non tutti sono pronti al suo messaggio; è comunque un seme che vale la pena di seminare. Coloro che sono carnivori, dopo averlo letto, non potranno evitare qualche dubbio. Sentiamo al proposito alcune parole di Gesù: "Dio comandò ai vostri padri ma il loro cuore era indurito ed essi uccisero. Allora Mosè desiderò che almeno non avessero ad uccidere uomini, e permise loro di uccidere animali... Ma io vi dico non uccidete mè uomini mè animali... Perché colui che uccide sé stesso e chiunque mangia carne di animali uccisi mangia il corpo della morte. Poiché nel suo sangue il loro sangue si trasforma in veleno; nel suo respiro il loro respiro volge in fetore; nella sua carne la loro carne imputridisce..."

La conclusione del volume è un invito alla fede ed alla speranza: "Vengano a me tutti quelli che sono affaticati e che soffrono nella lotta e nella sofferenza! perché la mia pace li rinforzerà e vi conforterà. La mia pace trabocca di gioia. Perciò io vi saluto sempre così: la pace sia con voi".

Ai nostri tempi, dove le tribolazioni e gli affanni quotidiani sono in continuo aumento, questo messaggio porta una ventata di fiducia. Per chi ha occhi per vedere ed orecchi per udire il Cristo non è un personaggio storico di duemila anni fa, è una presenza attiva e reale, un invito alla vita vera. Chi può udirlo lo segua, mano nella mano, e che la pace sia con lui.


Note: "Il Vangelo Esseno della pace" è edito dalla:

A.I.I. - Associazione Igienista Italiana, Via Pinetti 91/4 - 16144 Genova. Tel. 010-823-427.

Ci si può rivolgere all'A.I.I. per l'acquisto del volumetto e per il catalogo dei libri sul sistema alimentare definito "Igienismo" che prevede uno stretto vegetarianesimo, con regole ben definite, miranti al mantenimento della salute ed alla guarigione delle malattie.

giovedì 27 agosto 2009

Goodbye, blue sky

"Goodbye, blue sky" è la celebre canzone dei Pink Floyd del 1979, contenuta nell'album "The wall". Breve ma tagliente come una staffilata, la composizione è trafitta dall'orrore di un'inascoltata profezia. Nel video del pezzo, la colomba vola solo per qualche istante, presto ingoiata da un'aquila di ferro ed annientata da squadriglie di bombardieri che assumono le forme funeree di croci.

I fari della contraerea, il sangue, le macerie e gli uomini raggomitolati nei rifugi, ridotti a maschere subumane con le loro inutili maschere antigas, sono immagini lancinanti, mentre, per contrappunto, le note di una desolata poesia scorrono tranquille, onde di un mare appena increspato. Il cielo azzurro è la sfocata memoria di un delirio febbricitante: ora il cielo è un coperchio grigio, metallico che rimanda l'eco dell'indifferenza.



E' l'indifferenza di chi assiste alle guerre tramite la televisione, tra le nevrosi quotidiane ed il malcelato fastidio per queste schegge visive di morte e di arti amputati confitte nella folle normalità del quotidiano.

E l'indifferenza di chi crede che la guerra sia sempre lontana, altrove, ignorando che l'attacco può essere strisciante, come un filo di tempesta che s'insinua in una fessura dimenticata.

Puoi sentire le bombe cadere e le grida di paura tu che non senti la vita?

La colomba, alla fine, si allontana dalla nera marea della terra, da questa terra cui è estranea, come l'innocente chiaroveggenza del bambino che esclama inconsapevolmente conscio: "Guarda, mamma, c'è un aeroplano lassù in alto".

Gli Ufo Terrestri: ipotesi di ricerca

Tratto da Area di Confine n° 42 - Marzo 2009 http://www.areadiconfine.it/

“[...] la mia sarà la macchina volante del futuro, più pesante dell’aria pur non essendo un velivolo; [...]Non avrà ali, sarà solida e stabile. La si potrà osservare sul terreno e nessuno capirà mai che si tratta di una macchina volante... sarà in grado di muoversi a piacimento nell’aria in qualsiasi direzione, indipendentemente dalle condizioni atmosferiche, senza temere i vuoti d’aria e le correnti... potrà rimanere assolutamente ferma nell’aria per poi ripartire velocemente [...]”(N. Tesla)

In alcuni precedenti articoli pubblicati su questa rivista si è accennato all’ipotesi che esista una significativa percentuale di avvistamenti Ufo non riferibile ad attività aliene sul nostro pianeta. Tale ipotesi, che potrebbe avere una certa valenza ai fini della ricerca, comporterebbe un riesame approfondito della casistica e la creazione di nuovi archivi creati in base all’origine degli oggetti avvistati. Sinteticamente, senza tenere conto dei numerosi falsi e delle manifestazioni atmosferiche erroneamente scambiate per Ufo dai testimoni, potremmo parlare di tre distinte categorie: oggetti di natura extraterrestre con presenze a bordo, sonde di natura extraterrestre senza occupanti e oggetti di natura terrestre la cui esistenza ci è stata fino a oggi tenuta segreta. Tralasciando le prime due ipotesi, sulle quali la ricerca ha prodotto innumerevoli riscontri, ci occuperemo invece della terza e più controversa eventualità, cercando per quanto sia possibile di attenerci alle documentazioni esistenti senza cadere in facili teorie di complotto o semplici fantasie.

di Armand du Prez

UN MISTERIOSO INVENTORE

Il titolo “My invention” riguardante una autobiografia a puntate pubblicata nel 1919 su Electrical Experimenter, forse a molti non dirà nulla in particolare, ma probabilmente il nome del suo autore, Nikola Tesla, suonerà di certo più familiare; sfogliando quelle pagine è sorprendente ritrovarsi a leggere abbondanti riferimenti ad alcune macchine volanti già progettate e in corso di realizzazione.Alcuni storici hanno voluto individuare in queste affermazioni la volontà da parte di Tesla di realizzare degli aerei o degli elicotteri; questo è quanto afferma anche Margaret Cheney, autrice di una delle migliori autobiografie su Tesla. Ma era veramente questa l’idea del misterioso inventore?L’idea della Cheney deriva da alcune affermazioni dello scienziato, e più in particolare da alcuni suoi riferimenti al problema del decollo verticale; in realtà, Tesla si riferiva a una macchina aerea priva di piani di sostentamento, di alettoni e di attacchi esterni: di cosa parlava esattamente?Non era certo interessato alla missilistica, non si riferiva quindi a un razzo a combustione; accennava invece a una macchina a reazione controllata sia meccanicamente che per mezzo di energia trasmessa senza fili.

ALCUNE CONSIDERAZIONI

L’intero Universo è formato da cariche elettriche, neutroni, protoni, elettroni; la vera sfida risiede nel trovare il modo di accedere e di usare questo infinito moto elettrico perpetuo, cosa che probabilmente Tesla aveva già pianificato visto che la sua macchina aveva già superato la fase di progettazione. Prima di essere un ingegnere elettrico, Tesla si era interessato di ingegneria meccanica e l’ipotesi che avesse unito queste sue due conoscenze, cementandole con il genio che lo animava, non è certo da scartare; rimane il fatto che se gli venisse accreditata la costruzione di un velivolo simile agli Ufo, non solo si aprirebbero nuove frontiere di ricerca, ma ci troveremmo anche ad affrontare un inquietante interrogativo: se Tesla aveva trovato il modo di sfruttare l’energia che ci circonda, che fine ha fatto questa sua intuizione? Perché continuiamo a usare combustibili tradizionali se virtualmente avremmo una nuova tecnologia disponibile già da tanto tempo?
In ogni caso, come ci eravamo ripromessi all’inizio, non vogliamo scivolare in discorsi tipici delle teorie di complotto; rimane il fatto che Tesla aveva forse tra le mani qualcosa di assolutamente innovativo e lo descriveva con le stesse immagini con le quali descriviamo oggi quegli strani oggetti volanti che corrispondono al nome di UFO.
Proprio su questo argomento William Lyne ha scritto due libri, riportati in ultimo tra le fonti consultabili, all’interno dei quali sostiene una tesi forse troppo estremista, ma che per alcuni suoi aspetti vale la pena considerare, almeno relativamente a quella parte di avvistamenti che potrebbero non avere natura aliena.
Lyne sostiene con radicale convinzione che tutti gli Ufo fino a ora avvistati sarebbero di origine terrestre, frutto di segreti militari tenuti nascosti da moltissimo tempo; questo modo di pensare si scontra con le innumerevoli e inspiegabili prove di presenze aliene sulla Terra e nasce sicuramente da una visione pessimistica e cospirazionistica del problema; la parte più interessante riguarda invece la sua trattazione del caso Tesla, in particolare quella che riguarda i sistemi avanzati di propulsione. Sulla scorta delle ricerche compiute da Lyne, risulterebbe che Tesla era andato molto avanti nella realizzazione di una macchina volante elettrica, e aveva già costruito un sistema di guida giroscopico nel 1917.
Le apparecchiature vennero testate superando una prova di 200 miglia con l’appoggio della Sperry Gyroscope Company, una società industriale statunitense fondata nel 1910, a Brooklyn, da Elmer Ambrose Sperry, inventore tra l’altro di una speciale bussola giroscopica molto usata in marina e in aviazione; attualmente la società, dopo varie vicissitudini, si è specializzata in elettronica ed è presente sul mercato con il nome di Unisys.

La notizia ancora più interessante riportata da Lyne, riguarda il sistema di propulsione e di gravitazione dell’Ufo di Tesla; i due sistemi, infatti, sarebbero stati supportati da un flusso di etere, radiazioni o flusso di fotoni con l’interazione di cariche positive e negative.In pratica, attraverso l’uso di apparecchi elettrici, Tesla avrebbe reso possibile la creazione di vortici nel flusso etereo, i quali, a loro volta, avrebbero spinto il velivolo nella direzione voluta.

TRA SCIENZA E MISTERO

Dal 1891 al 1894, Nikola Tesla aveva già condotto degli esperimenti nel tentativo di usare il flusso etereo, forse in previsione di quanto avrebbe cercato di costruire in futuro; l’esperimento consisteva nel creare uno stato solido partendo da due lamine metalliche parallele tramite la corrente alternata a frequenza e tensione elevate. In questo modo era riuscito a dare una sorta di ordine al flusso di etere, cercando in seguito di arrestare o sorreggere le placche.La logica dell’esperimento era altresì estremamente interessante: un flusso di fotoni virtuale è per sua natura disordinato, non è polarizzato, e consiste in un fluido talmente tenue da non poter essere impiegato per scopi pratici.

Nonostante ciò scorre continuamente attraverso i nostri atomi senza che noi ne avvertiamo minimamente la presenza; l’elettricità ad alta tensione e alta frequenza sprigionata dal trasformatore di Tesla era in grado di “ordinare” questo flusso, oltre che creare dei veri e propri vortici al suo interno. Si tratta in pratica dell’anticipazione di quello che oggi è conosciuto come “Effetto Casimir”, ovvero la forza che si esercita fra due oggetti estesi separati dovuta non alla gravità o alla carica elettromagnetica, ma alla presenza di un campo, detto di punto zero, nello spazio fra i due oggetti, un postulato descritto soltanto a partire dal 1948.Tesla però era andato oltre, aveva dichiarato che la sua macchina avrebbe potuto raggiungere una velocità di 277 miglia al secondo, pari a 444 Km.; lo stesso Lyne afferma che tale velocità risulta esagerata per i viaggi intercontinentali, mentre potrebbe essere raggiunta nello spazio interplanetario; queste due affermazioni, implicitamente, confermano che Tesla non si riferiva a un aereo o un elicottero, entrambi velivoli che in ogni caso, per le loro caratteristiche strutturali, non potrebbero mai raggiungere queste velocità.


L’Ufo di Tesla, dalle poche documentazioni esistenti, doveva assomigliare a una cupola o una semisfera arrotondata, a volte rappresentata come una sorta di sigaro volante, entrambe immagini molto note agli studiosi di ufologia. Questa idea di macchina volante venne in seguito ripresa in una intervista rilasciata al New York Times il 22 settembre del 1940; in quella occasione Tesla dichiarò ufficialmente di aver realizzato un progetto chiamato “Teleforza”, un progetto che consisteva in quattro distinte invenzioni già ampiamente testate: un metodo atto a produrre raggi nell’aria senza alcun vuoto, un metodo per produrre forza elettrica o tensione infinitamente maggiore a quella fino a quel momento conosciuta, un metodo per amplificare la forza prodotta con la seconda invenzione, un metodo per produrre una spaventosa forza elettrica propellente.
Nessuno ha mai potuto rintracciare le prove in merito alle affermazioni di Tesla. È però alquanto strano notare come la recente messa in funzione del sistema HAARP, tristemente legato al problema delle scie chimiche, si avvicini molto a quanto dichiarato dallo scienziato, così come i parametri che stanno alla base delle onde ELF.
Cosa progettò Nikola Tesla? Cosa effettivamente realizzò ma non riuscì a rendere di pubblico dominio? Questa è soltanto una delle tante storie riferibili agli “Ufo terrestri”. Le coincidenze e le stranezze sono così tante da formare altrettanti ragionevoli dubbi. Non possiamo certo affermare che la totalità degli avvistamenti sia riferibile a più o meno nascosti segreti militari, sarebbe negare a oltranza delle evidenze fin troppo documentate; sarebbe comunque auspicabile approfondire il tema degli Ufo terrestri, una ipotesi altrettanto documentata e sperimentata.
Nel cielo si muovono da sempre inafferrabili segreti provenienti da mondi ancora sconosciuti. Parte di essi hanno forse ispirato e sollecitato il genio di alcuni ricercatori, e Nikola Tesla è di sicuro tra questi.

“Alla luce di queste rivelazioni tentiamo di approfondire la questione, ma non prima di aver riportato alcune annotazioni di Tesla così sorprendentemente vicine alle moderne osservazioni e conclusioni sugli Ufo: “[...] la mia sarà la macchina volante del futuro, più pesante dell’aria pur non essendo un velivolo. Non avrà ali, sarà solida e stabile. La si potrà osservare sul terreno e nessuno capirà mai che si tratta di una macchina volante... sarà in grado di muoversi a piacimento nell’aria in qualsiasi direzione, indipendentemente dalle condizioni atmosferiche, senza temere i vuoti d’aria e le correnti... potrà rimanere assolutamente ferma nell’aria per poi ripartire velocemente[...]”(N. Tesla)


Approfondimenti:

• William Lyne - “Scienza e dittatura occulta”.
• Margaret Cheney – “Man of Time”.
• Matteo Tenan blog http://ufologiaealtrimisteri.myblog.it/
• William Lyne – “Space aliens from the Pentagon” Edizioni Creatopia.
• William Lyne – “Physics Tesla’s hidden space propulsion system and the conspiracy to conceal it” Edizioni Creatopia.

La vita è Adesso

La vita è Adesso, nel qui ed ora. Non è altrove, in qualche proiezione futura caricata di aspettative, dove crediamo che finalmente cominceremo a vivere e a stare bene, o invischiata in dolori e fallimenti passati, fatti che ormai sono già accaduti e non esistono più. Il tempo sequenziale è in realtà un concetto fuorviante. La vita si svolge solo e unicamente nel tempo presente. Essere consapevoli dell'unico momento reale, in cui è possibile agire e quindi modificare, migliorare, assaporare, sentire e godere la vita, è tutto ciò di cui dobbiamo preoccuparci. Esserne consapevoli significa essere i padroni della propria esistenza. Niente e nessuno può farci paura quando siamo coscienti nel momento presente poiché le paure sono sprigionate dal ricordo del passato o riferite ad un ipotetico momento futuro che non si è ancora presentato.

Il presente è da sempre considerato da tutte le tradizioni sciamaniche e da tutte le discipline che si occupano di ricerca interiore, il momento creativo, la realtà in cui tutto esiste e si può percepire. Il nostro percorso evolutivo è stato minato molto tempo fa da sistemi dannosi di credenze che hanno condizionato la nostra consapevolezza fino a farci percepire limiti che in realtà esistono solo nel nostro subconscio, in questa parte reattiva e ormai alla deriva a cui spesso ci affidiamo finendo ripetutamente fuori pista. Ancora e ancora, finché non ne abbiamo abbastanza e scegliamo di ascoltare qualcos'altro, un'altra parte di noi, qualcosa di cui ignoriamo l'esistenza nonostante la sua continua pressione attraverso le sensazioni (non le emozioni) e che può dirigerci verso il nostro bene, quello autentico. Si tratta indiscutibilmente della parte più saggia e potente che abbiamo, una preziosa risorsa a cui tutti possiamo accedere in qualsiasi momento, la sola che onora e sa riconoscere l'immensità dell'Adesso.

La nostra mente egoica, questa "entità" che ci intrappola, altro non è che un filtro che reagisce basandosi su situazioni ed emozioni, non necessariamente reali, legate al passato o al futuro e che si amplificano con la ripetizione di pensieri depotenzianti. Agisce freddamente, produce emozioni positive effimere ed emozioni negative durature, si sente minacciata dal presente e costituisce essenzialmente l'ego con cui erroneamente ci identifichiamo. Anziché operare come un mezzo, è divenuta ipertrofica, costantemente attiva, rumorosa e ha progressivamente preso il sopravvento fino a diventare l'unico "occhio", l'unico strumento di interpretazione e valutazione della realtà, trascinandoci in una spirale depressiva da cui è difficile uscire. Tuttavia non è affatto invincibile. Può essere trascesa mantenendo uno stato di presenza, osservando i propri pensieri e praticando con sufficiente costanza il silenzio interiore.

Per riuscirci dobbiamo necessariamente disciplinarci e riabituarci ad entrare in contatto con la nostra mente più profonda, il luogo dove dimora, tra gli archetipi fondamentali, la consapevolezza dell'essere. Si tratta di un luogo creativo oltre che di un luogo di pace. Sta nel saper accedere a questa nostra profondità il vero appagamento e il vero appagamento lo si può raggiungere solo nell'eternità dell'Adesso, quando si è totalmente presenti e in assenza di rumore. Questa modalità di esperienza ci facilita la connessione con la nostra guida interiore che suggerisce sempre con immediatezza e certezza la strada più giusta e in armonia con il tutto. L'intuizione e l'ispirazione sapranno guidarci verso l'azione più giusta, la più vera. Non sapere come ascoltarla, e quindi utilizzarla, produce in noi continui squilibri emotivi che alimentano, in un circolo vizioso, compulsioni e sofferenze. Tutto ciò, protratto nel tempo, oltre ad essere penoso per qualsiasi individuo, finisce per inquinare anche il "tessuto" che ci interconnette gli uni agli altri. Vi è energia in quello che pensiamo ripetutamente con una certa intensità emozionale e l'energia si propaga, bisogna esserne creatori responsabili per poterne stabilire la qualità.

Scegliere questa strada per toccare noi stessi fino a percepirci come reali e viventi nel qui ed ora, presuppone un lavoro notevole su se stessi che inizia con lo scollegarsi dalla propria "confusione interiore". Solo chi è davvero stanco di soffrire inutilmente e crede che il capolavoro che rappresenta sia più che un fascio di riflessi condizionati, può raggiungere la consapevolezza del suo vero essere, dell'Io sono, cioè l'unica "sostanza" che può apprezzare l'Adesso (senza tempo) e goderne pienamente.



"Superquark" ed il controllo mentale: quali strategie adotta la televisione satanista per manipolare le coscienze

Absit iniuria verbis.


Nulla è più facile che nascondere l'evidenza.


Il 20 agosto scorso è andata in onda una puntata dell'ignobile trasmissione condotta da Pirlangela, "Superquark". All'interno del programma è stato inserito un siparietto sulle scelleratezze del sistema e si è pure accennato alle scie chimiche, cercando di spacciarle per “leggenda metropolitana” (sic).

Il nostro amico System failure, a proposito di questa immonda farsa, ha scritto: "Il documentario "invertito" ha esibito foto e video di chemtrails, mentre la voce fuori campo ad un certo punto, dopo aver collocato sullo stesso livello morale, cartomanti ed operazioni militari clandestine, si è posta una domanda, con il solito timbro suadente e familiare, su come fosse possibile che ancora "tanti di noi" possano credere in "queste" cose. Poi è stata data la parola a pollidoro con tanto di inquadratura da premio oscar, ed a paolo cattivissimo con un'espressione molto indagatrice..."



Questi agenti dell'inganno insistono nella disinformazione più bieca, nella propaganda più volgare pur di convincere i dubbiosi e testimoni preoccupati che le chemtrails non esistono. A quali strumenti ricorrono i falsari della parola e delle immagini con il fine di manipolare i telespettatori?

- Usano in primo luogo la strategia della confusione, ossia mescolano ad arte argomenti futili ed insignificanti a temi scabrosi e seri, ad esempio il “mago” truffatore e l'assassinio di John Fitzgerald Kennedy.

- Ricorrono al principio di "autorità" non autorevole, intervistando illustri ed accreditati bugiardi, quasi sempre esponenti o domestici del famigerato C.I.C.A.P. A causa della loro notorietà, di un carisma mal acquisito ma solido, come per miracolo, le colossali menzogne di questi spudorati ciarlatani diventano verità rivelate.

- Adottano l'insinuazione: ancora più della negazione plateale, la suggestione sortisce i suoi effetti. Coloro che investigano i complotti orditi dagli stati sono dei creduloni, dei visionari, dei paranoici. Si noti l’accorta climax che si snoda dal paternalismo ("poverini, sono un po' ingenui"), sino alla pseudo-diagnosi di paranoia.

- Eludono i fatti, i dati e le osservazioni, per trasporre i contenuti informativi sul piano della "fede": "credere" o "non credere" agli U.F.O. Questa tattica è stata adoperata, però, anche da Mazzucco… un motivo di riflessione.

- Ignorano i fatti, i dati, le osservazioni per trasferire il discorso sul piano personale: si scivola così in un'"analisi" pseudo-sociologica alla Umberto Eco, tutta focalizzata sui ricercatori descritti come persone non competenti e strambe. Quali sarebbero le competenze di Paolo Cattivissimo, esperto nel macinare le cose, e di Massimo Pollidoro, indecente docente di Psicologia dell'insolito (sic)?

- Si basano sulla tautologia scientista: la "scienza" dimostra che le scie che deturpano il cielo sono solo scie di condensazione, perché lo sostengono gli "scienziati". Gli "scienziati" lo affermano, poiché sono depositari delle verità “scientifiche”.

- Impiegano strategie sensoriali ad hoc: accostamenti tra immagini di scie chimiche e volti ambigui, tra sequenze di particolare impatto e voci carezzevoli.

- Si fondano sulla tattica del "cavallo di Troia": dapprincipio sono prodotti e trasmessi programmi innocui con documentari sugli animali, sugli ambienti naturali, poi, in modo graduale, si introducono brevi e capziosi accenni agli organismi geneticamente modificati, alla predazione degli organi, alle nanotecnologie etc. Infine si dedicano servizi alle "leggende urbane", cercando di sottolineare il contrasto tra la "scienza" dei vari "esperti" e l’ignoranza del cittadino medio: ecco allora le cannonate di Cannella, i lanci di Lanciano, le manierate maniere di Mainardi... Tra l'altro il bersaglio di "Superquark" e di formats simili è costituito dagli adolescenti e dai giovani, i più vulnerabili, in quanto fiduciosi nel mezzo televisivo ed animati da sincera curiosità verso argomenti scientifici o presentati come tali.

- Adoperano metodi della programmazione neuro-linguistica.

- Si avvalgono del linguaggio orientato: uso soggettivo, surrettizio e sofistico di termini per mettere in cattiva luce i ricercatori indipendenti.

Ci troviamo al cospetto di una propaganda alla Goebbels, imperniata sulla ripetizione ossessiva di pseudo-concetti, sull'uso emotivo delle immagini e della gestualità, sulla penetrazione nel subconscio del messaggio distorto attraverso la sua collocazione nella parte finale del servizio, sulla diffamazione ed irrisione degli oppositori, sulla malcelata istigazione ad isolare i dissidenti.



E’ una vera propaganda in stile nazionalsocialista, resa ancora più efficace dall'enorme diffusione del mezzo televisivo e dalla sua credibilità basata sulla confusione-identificazione tra medium (lo strumento tecnologico) e messaggio (i contenuti della disinformazione), secondo l’intuizione di Mc Luhan.

Dobbiamo chiederci come le reti televisive possano contribuire in modo così vergognoso al controllo mentale: ebbene, apertis verbis, asseriamo, circoscrivendo il discorso ai canali nazionali, la R.A.I. è una rete satanista, finanziata ed egemonizzata dai Rotschild. D’altronde, i programmatori e curatori del palinsesto oltre ad adottare tutti i sistemi per filtrare, selezionare, interpolare e contraffare le notizie e le fonti, non esitano ad occultare simboli ambigui, come, ad esempio, la farfalla che richiama l'infame e spaventosa Mondex, l'azienda produttrice del microchip sottocutaneo, il cui nome è la crasi di Money dexter, con allusione al marchio dell'Apocalisse.

Infine si ricordi che la R.A.I. è una protesi del sistema: così Pirlangela è un demoniaco banditore di menzogne, un vegetariano che trangugia compiaciuto il sangue degli animali appena sgozzati.


Articolo correlato: F. Lamendola,
"… e la lor cieca vita è tanto bassa che 'nvidïosi son d'ogni altra sorte", 2009

lunedì 24 agosto 2009

Gerd Leipold, leader di Greenpeace, ha ammesso che la sua organizzazione ha diffuso dati falsi sul Riscaldamento Globale

Articolo originale: http://www.prisonplanet.com/greenpeace-leader-admits-organization-put-out-fake-global-warming-data.html

Paul Joseph Watson Prison Planet.com Giovedì 20 agosto 2009

Il leader di Greenpeace Gerd Leipold, messo alle strette, è stato costretto ad ammettere che la sua organizzazione ha diffuso informazioni ingannevoli ed esagerate quando ha sostenuto che il ghiaccio dell'Artico sarebbe sparito completamente entro il 2030, un vero colpo ad effetto nell'ambito del movimento che attribuisce all'uomo le cause del riscaldamento globale.In una intervista alla BBC condotta da Stephen Sackur all'interno del programma televisivo "Hardtalk", Leipold ha tentato in un primo momento di sorvolare sulla domanda, ma è stato alla fine messo alle strette ed ha dovuto ammettere che Greenpeace ha commesso un "errore" quando ha assserito che l'Artico srabbe sparito completamente nell'arco di 20 anni.Questa dichiarazione è inserta in un comunicato stampa intitolato "Urgent Action Needed As Arctic Ice Melts," (occorrono urgenti misure per contrastare lo scioglimento dell'Artico), nel quale viene dichiarato che il riscadamento globale farà sparire il ghiaccio dall'Artico entro il 2030. Sackur ha accusato Leipold e Greeenpeace di diffondere "informazioni ingannevoli" basate su "esagerazioni ed allarmismi", facendo notare quanto fosse "ridicola e irragionevole" la dichiarazione che il ghiaccio della Groenlandia, una massa di 1,6 milioni di chilometri quadrati con uno spessore di 3 km nella parte centrale, e che tra l'altro è passata indenne attraverso periodi molto più caldi dell'attuale, sarebbe andato perduto completamente quando è invece rimasto saldo per centinaia di migliaia di anni."Non c'è nessuna possibilità che il ghiaccio debba sparire", ha affermato Sackur. "Non penso che si scioglierà entro il 2030...Dev'esserci stato un errore", Leipold è stato costretto alla fine ad ammettere.Comunque, Leipold non ha offerto nessuna scusante a nome di Greenpeace per l'utilizzo di tali "tattiche emotive" come mezzo per condizionare il pubblico ad accettare le sue tesi sul riscaldamento globale. Ha anche sostenuto che la crescita economica negli Stati Uniti e nel mondo dovrebbe essere soppressa e che sia il sovrapopolamento che gli alti standard di vita dovrebbero essere combattuti a causa del danno che, si percepisce, essi stanno causando all'ambiente, una retorica eugenista che chiunque abbia visionato il documentario Endgame di Alex Jones conosce molto bene.
Come ha sottolineato anche il blog Whatts Up With That, "l'ammissione di Leipold che Greenpeace ha emesso informazioni ingannevoli ha provocato un grande imbarazzo all'organizzazione, che da una parte spesso è stata accusata di allarmismo e dall'altra ha sempre garantito di aver sempre applicato rigore pienamente scientifico nei suoi pronunciamenti sul riscaldamento globale.
Dichiarazioni simili che "il Polo Nord sta perdendo il ghiaccio" spuntano di routine annualmente per venire regolarmente confutate. Invece, è stato scoperto che nel periodo dall'agosto 2007 all'agosto 2008, il ghiaccio dell'Artico è aumentato di circa il 30%, un'area equivalente alla superficie della Germania.Un nuovo studio con tutti i crismi ha anche potuto documentare "che le precipitazioni nevose annuali registrate nel periodo 1958-2007 sono state superiori del 24% di quanto prima ritenuto, così come il bilancio della massa nevosa di superficie è superiore del 63%."Come il sito di Alex Jones, aveva riportato l'anno scorso, i climatologi dell'IPCC in seno alle Nazioni Unite erano stati presi in flagrante mentre citavano dati falsi per documentare un acceleramento del riscaldamento globale, in un altro esempio scioccante di manipolazione dell'opinione pubblica.Nel novembre del 2008, l'Istituto Goddard per gli studi spaziali (GISS), condotto dal capo scientifico alleato di Al Gore, il Dr. James Hansen, aveva annunciato che il mese precedente era stato in assoluto l'Ottobre più caldo. Ma più tardi emerse che i dati prodotti dalla NASA su cui era basata questa asserzione, ed in particolare i record di temperatura di gran parte della Russia, si riferivano in realtà al mese precedente. Cioè la NASA aveva utilizzato le temperature, naturalmente più calde, del mese di settembre, ma aveva dichiarato che si trattava delle temperature di ottobre.

http://ambientalismodirazza.blogspot.com/

domenica 23 agosto 2009

La verità sul fenomeno UFO ed extraterresti sta per essere gradualmente svelata?

Maggio 2009 Un certo congresso

Qualche giorno fa mi è stato trasmesso un testo: si tratta di un articolo che mi è parso talmente interessante che, piuttosto di condividere con voi le mie personali riflessioni su questo o quell’altro argomento, ho preferito mettervelo a disposizione su questa pagina... Ahimé, non so chi l’abbia scritto, e sono quindi dispiaciuto di non poterne citare il nome. Tuttavia non ho motivo di dubitare della sua autenticità, in quanto il suo contenuto si accorda benissimo con le informazioni che io stesso ho l’occasione di captare nei miei incontri e nelle mie esperienze. Quindi ve lo propongo tale e quale, senza commentarlo, perché non ce n’è davvero alcun bisogno...

Daniel Meurois-Givaudan
«Il 17-18-19 aprile si è tenuta a Washington un’importantissima conferenza sull’esopolitica, cioè la controversa questione degli UFO (oggetti volanti non identificati) e degli extraterresti e il suo rapporto con la politica. Organizzata dal Paradigm Research Group, la “X-Conference 2009” aveva lo scopo di informare il pubblico sull’esopolitica e di incoraggiare il governo statunitense a togliere l’embargo che vige sull’argomento da almeno 62 anni, successivamente al noto schianto di un UFO avvenuto nel 1947 a Roswell, nel Nuovo Messico. Il governo degli Stati Uniti sta forse per svelare documenti segreti sugli extraterrestri? Dopo che numerosi Paesi – Francia, Gran Bretagna, Canada, Messico, Brasile, e Danimarca – hanno recentemente deciso di rendere pubblici i loro dossier sull’argomento, la pressione sull’amministrazione Obama è enorme. Media statunitensi come CNN, Fox News, Washington Post, e quelli di altri Paesi come il Giappone, erano presenti alla conferenza stampa tenuta il 21 aprile al National Press Club di Washington dopo la “X-Conference 2009”. Perché questi grandi media si sono scomodati a intervenire quando la stampa statunitense spesso esita a parlare di simili avvenimenti? Perché in questa conferenza sono stati annunciati fatti nuovi che potrebbero incoraggiare il governo Obama a richiedere che i documenti sugli extraterrestri vengano resi pubblici. E siccome gli Stati Uniti sono di gran lunga il Paese più coinvolto in questo campo, la decisione sarebbe di importanza capitale per la nostra comprensione del fenomeno extraterrestri e di tutto ciò che vi è connesso.
Ma che cos’è successo nei tre giorni della conferenza? Prima di tutto, una serie di fatti irrefutabili e misurabili sono stati presentati da testimoni assolutamente blindati. Il più noto è il Dr. Edgard Mitchell, il sesto astronauta ad aver camminato sulla Luna in occasione della missione Apollo 14. Mitchell ha riportato le testimonianza di persone presenti al disastro dell’UFO a Roswell nel 1947. Siccome Roswell è la sua città natale, Mitchell ebbe l’occasione di incontrare diverse persone coinvolte nell’incidente: l’astronauta si dice persuaso non solo della veridicità del fenomeno UFO, ma dell’importanza di togliere il segreto su queste informazioni.
Un altro partecipante alla conferenza, Joseph Montaldo, è il fondatore dell’ICAR, la Comunità Internazionale per la Ricerca Extraterrestre, che ora ha sede in 11 Paesi e si concentra sul fenomeno dei rapimenti da parte di extraterrestri. L’ICAR ha studiato 12.800 casi di rapimento. Secondo queste ricerche, il 2% della popolazione degli Stati Uniti sarebbe stata rapita e studiata dagli extraterrestri. Una giornalista giapponese si è stupita di come si possa mantenere segreto un simile numero di rapimenti. Sembra che la tecnologia utilizzata dagli extraterrestri permetta di riportare indietro la persona rapita facendola tornare indietro nel tempo alla fine dell’esperienza. In questo modo, l’assenza della persona passa quasi sempre inosservata. In più, modificando la memoria dei soggetti, questi ultimi dimenticano la maggioranza dei fatti. Ciò che rimane dell’esperienza può passare per un brutto sogno, benché il 67% dei rapimenti avvenga di giorno. M. Montaldo ha sottolineato il fatto che una buona parte di questi rapimenti non sono di origine extraterrestre ma sono effettuati da umani, che lavorerebbero per una potenza militare privata che sembra cerchi di capire perché gli extraterrestri facciano questi rapimenti. Questi militari rapiscono dunque la gente che ha già sperimentato rapimenti da parte di extraterrestri per interrogarla, studiarla e seguirla. Siccome le loro procedure sono molto diverse e più invasive di quelle degli extraterrestri, causano più sofferenze fisiche e psicologiche. M. Montaldo e la sua famiglia hanno vissuto in prima persona i due tipi di rapimento. Le ricerche dell’ICAR proverebbero che le persone rapite dagli extraterrestri vengono poi seguite per tutta la vita, grazie a impianti e a rapimenti ripetuti, e che questo genere di sorveglianza prosegue sui loro figli e nipoti.
Se non ci fosse una prova irrefutabile della presenza di impianti a livello fisico, il fenomeno dei rapimenti extraterrestri sarebbe difficile da provare. Per questo motivo le ricerche del dott. Roger Leir, chirurgo e leader mondiale in questo campo, sono così importanti. Leir è riuscito a estrarre e a conservare 12 impianti di questo genere, che in seguito sono stati studiati da numerosi specialisti grazie a mezzi tecnici molto avanzati: è stato provato che sono composti da diversi elementi presenti unicamente nei meteoriti e mai rinvenuti prima di allora in un corpo umano. Vi si sono rilevati elementi la cui percentuale di isotopi non era mai stata misurata né sulla Terra né altrove nel nostro sistema solare. Sono stati scoperti dei nanotubuli di carbonio simili a quelli che gli umani iniziano a fabbricare solo ora, ciò che implica la presenza di prodotti creati artificialmente. In più, questi impianti emettono frequenze vibrazionali tipiche dello spazio più profondo (deep space frequencies) fatte per viaggiare verso luoghi molto lontani. Questi molteplici risultati hanno provato fuori da ogni dubbio che certi umani hanno avuto rapporti diretti con entità che non provengono dal nostro sistema solare.
Tra gli altri relatori, menzioniamo Colin Andrews, che studia gli agroglifi (crop circles, i cerchi nel grano) da decenni. La maggioranza degli agroglifi sono ora fatti da umani, ma quelli veri causano anomalie nel campo magnetico terrestre tali da disturbare gli apparecchi elettronici. Alcuni di questi sono disegnati a partire da piante la cui clorofilla è misteriosamente scomparsa. Altri hanno influenzato la crescita delle piante in maniera completamente anormale. La conclusione? Un buon numero di agroglifi sono probabilmente fabbricati dai nostri visitatori extraterrestri.
Richard Doylan ha stabilito un’evidente relazione tra le mutilazioni del bestiame e i visitatori extraterrestri. Ha anche spiegato il fenomeno di rielaborazione di veicoli extraterrestri, cosa che permette di credere che molti degli UFO che vediamo ora siano di origine terrestre perché gli umani sono riusciti a imitare questa tecnologia a partire da UFO schiantatisi per un incidente o abbattuti dai militari. Inoltre, tra umani ed extraterrestri hanno probabilmente avuto luogo degli scambi commerciali, il che ha permesso ai primi di ottenere informazioni precise sui sistemi di propulsione, i tipi di energia, i materiali e i sistemi di controllo utilizzati dai nostri visitatori.
Scambi di questo genere sono probabilmente iniziati a partire dal 1954, dopo il primo di una serie di molti incontri tra Eisenhower e alcuni visitatori extraterrestri. Uno di questi incontri è stato confermato da un ex militare in pensione, Bill Kirkland, che ha raccontato ciò di cui è stato testimone alla base militare Holloman, il 10 febbraio 1955, quando una persona è scesa dall’aereo presidenziale per introdursi in un disco volante parcheggiato proprio lì a fianco, mentre un altro disco sorvolava il sito. La persona è rimasta 45 minuti a bordo dell’UFO prima di risalire sull’aereo. Il relatore Art Campbell ha poi dichiarato che la tecnologia ottenuta grazie alla probabile intesa tra l’esercito USA e gli extraterrestri aveva permesso all’esercito di fare un improvviso balzo tecnologico di 150 anni nel campo dell’informatica. Rispondendo a domande del pubblico, molti ricercatori hanno confessato di credere che in cambio di questa informazione il governo degli Stati Uniti avrebbe verosimilmente accettato un trattato di non intervento sui rapimenti, il che spiegherebbe il perché la maggioranza di questi avvenga negli USA. Il ricercatore Michael Salla ci ha confermato che, da decenni, i presidenti degli Stati Uniti e altre persone che occupano importanti cariche di potere non hanno accesso ai documenti sugli extraterrestri. Dal 1969, il controllo di queste informazioni è nelle mani di compagnie private come la Boeing e la Lockheed Martin. La ricerca in questo campo è finanziata da un budget segreto paragovernativo e privato (black budget), finanziato con metodi illeciti, tra cui il commercio internazionale di droga.
Nick Pope, specialista di esopolitica nel Regno Unito, ha spiegato le procedure di divulgazione utilizzate nel suo paese. Major Milton Torres, un ex pilota americano che nel 1957 era di stanza in Inghilterra, ci ha poi raccontato la sua avventura. In quel periodo gli era stato chiesto di abbattere un aereo nemico e si era poi trovato davanti a un UFO più grande di una portaerei, che viaggiava a una velocità dieci volte quella del suono facendo acrobazie tecnicamente impossibili. M. Torres ha poi confermato la successiva visita di un “uomo vestito di nero” che l’ha minacciato di fargli perdere il posto se avesse parlato della sua avventura. La divulgazione dei dossier extraterrestri nel Regno Unito gli ha poi permesso di parlare pubblicamente di quell’avvenimento alla X-Conference 2009, cosa che ha fatto con moltissima emozione spiegando come gli fosse stato difficile vivere nel segreto per tutti quegli anni. Victor Viggiani di Toronto ha condiviso con noi l’esperienza di divulgazione del governo canadese e ha confermato la disponibilità di 9500 dossier sull’argomento sul sito www.collectionscanada.gc.ca/databases/ufo. Ha tuttavia spiegato che in tutti i Paesi che ora aprono i loro dossier, questi vengono preventivamente “ripuliti” e “ridotti al minimo”.
Ma che cosa è saltato fuori da questa conferenza? Fatti irrefutabili come quelli collegati agli impianti extraterrestri sono stati presentati al pubblico. Personalità assai credibili hanno portato le loro testimonianze, ricercatori che studiano il fenomeno degli UFO e degli extraterrestri in tutti i loro aspetti ci hanno messo al corrente delle loro conclusioni più evidenti. Non c’è dubbio, riceviamo delle visite, almeno da qualche centinaio d’anni. Edgard Mitchell ha annunciato che «la Terra farà ben presto parte della Comunità dei pianeti ». Alfred Lambremont Webre, il ricercatore canadese che ha inventato la parola “esopolitca”, che lui stesso definisce come la relazione tra la specie umana e altri esseri intelligenti e non umani, ha parlato di momenti futuri molto difficili a cui la specie umana dovrà ben presto fare fronte. Tra gli esempi, ha menzionato delle pandemie e la probabilità di una tempesta solare che potrebbe colpire tutti i sistemi elettrici del pianeta. La relatrice italiana Paola Harris ha insistito sul ruolo cruciale dei media, soprattutto la televisione e i film di Hollywood, che preparano lentamente la popolazione ad accettare la presenza extraterrestre.
Alcuni partecipanti hanno confessato di essere rimasti comunque un po’ insoddisfatti. Come si può spiegare, si chiedono, il fatto che dopo una reticenza durata oltre 60 anni, i governi inizino improvvisamente a spalancare le porte dei loro archivi, mentre prima facevano di tutto per mettere in ridicolo i testimoni, per minacciarli, licenziarli, internarli in manicomio e, a volte, ucciderli? Cosa significa questa inversione di rotta? Alcuni partecipanti alla X-Conference hanno parlato in privato del Blue Beam Project. Ora l’élite mondiale è in possesso di una tecnologia segreta molto avanzata, copiata dalle tecnologie extraterrestri. Si potrebbero usare UFO costruiti da umani per simulare un attacco extraterrestre e obbligare i diversi Stati ad allearsi nell’organizzazione delle Nazioni Unite per respingere l’avversario. La situazione potrebbe portare all’instaurazione del Nuovo Ordine Mondiale che da qualche anno viene annunciato da diversi leader come Bush padre e figlio, Kissinger, Sarkozy, Benedetto XVI e così via.
Da questa memorabile conferenza emerge un dato. Il tema degli extraterrestri è un mondo nascosto e pieno di disinformazione sapientemente orchestrata. La X-Conference 2009 non ha fatto altro che presentare la minuscola punta di un iceberg enorme. La pubblicazione di documenti epurati non potrà mai darci un quadro esatto del fenomeno, non può far altro che confermare che siamo davvero “visitati”, e ormai da molto tempo. Probabilmente non potrà dimostrare che i rapimenti sono una realtà, che sono assai numerosi e non sempre effettuati da extraterrestri; che gli UFO sono stati riprodotti qui sulla Terra e che ora sono più spesso di fabbricazione umana che extraterrestre; che gli “uomini vestiti di nero” esistono per davvero e che si preoccupano di rendere pubbliche solo certe informazioni e non altre. In conclusione, finché su questo argomento non sarà detto tutto, sarà saggio valutare ogni informazione cum grano salis, cioè con un minimo di prudenza. Non è tutto oro ciò che luccica, e non tutti gli UFO sono extraterrestri. Diciamolo!
Lo scopo dell’evoluzione umana è la sottomissione a un governo tecnologico mondiale, che sia di origine extraterrestre o umana? Non ne sono certa. Prima di comprendere le diverse specie e razze extraterrestri che visitano la Terra, forse è giunto tempo di occuparci della vera domanda: chi è l’essere umano?»

(traduzione di Renata Germanet)

432

L'articolo Il progetto musicale di Gizah di Adriano Forgione, riporta la nuova teoria del ricercatore statunitense Edward Nightingale, secondo il quale il complesso monumentale di Gizah includerebbe, nei suoi rapporti geometrici, un codice musicale. Questa codificazione adombra le relazioni del mondo naturale. In particolar modo, tralasciando qui osservazioni complesse, Nightingale individua nelle piramidi il numero 432 che, come è noto, è una frequenza originaria, su cui erano accordati il La di Mozart e di Verdi, prima che, nella seconda metà del XIX secolo, si decidesse di innalzare gli accordi fino al La di 440 hz. Anche i flauti dei nativi americani si basano su accordi di 432 hz; la nota La di tale frequenza è il suono sacro dell'OM.
La proporzione 432 soggiace a vari fenomeni naturali: 432 al quadrato dà la velocità della luce (186, 624 miglia il secondo). Inoltre: " Uno degli ammassi di stelle più vicini alla Terra è quello delle Pleiadi, le Sette sorelle. Le ultime misurazioni indicano 432 anni luce di distanza; il raggio del nostro Sole è di 432.000 miglia di diametro; la Luna è di 2.160 miglia in diametro, metà di 4.320. Infine la precessione del Grande anno è di 25.920 anni, ossia 432 per 60".

L'autore della ricerca afferma che il Fa diesis è pari a 11, 39063 hz, un valore, secondo Nightingale, vicino al parametro della "Risonanza Schumann che stiamo attualmente sperimentando."

Se si divide 25.920, il numero corrispondente all'anno platonico (o grande anno), ossia il periodo di tempo che il sole impiega per compiere un giro nel suo moto precessionale, per 60, il numero peculiare dell'astronomia e della matematica mesopotamica, come quoziente si ottiene 432. E' numero "magico" che, moltiplicato per 1.000 dà il Kaliyuga, per 10.000 il Mahayuga, per 10 milioni un kalpa o giorno di Brahman. Ora, in un individuo sano, il cuore batte mediamente 60 volte in un'ora, 3.600 volte all'ora, 43.200 volte nelle dodici ore.[1]

A proposito delle Pleiadi, esse sono state in tutte le culture sempre considerate sette, nonostante ad occhio nudo se ne vedano sei, perché sette sono le note? Come valutare la teoria elaborata da Nightingale? Essa si sovrappone a molte altre più o meno simili: di per sé è una speculazione suggestiva, ma mi chiedo se, in una certa misura, non sia possibile rintracciare cifre significative in molti manufatti che obbediscono a consce ed inconsce armonie compositive. Occorrono quindi altre acquisizioni per avvalorarla. Non convince molto il riferimento, non documentato da misurazioni, alla Risonanza di cavità Schumann la cui frequenza non pare essere variata negli ultimi decenni, se non in modo non stabile, ma per effetto di perniciosi interventi artificiali, come sostiene il Professor Alessio di Benedetto. E' indubbio che assistiamo ad una costante alterazione degli equilibri naturali, anche sotto la forma di operazioni nascoste e non solo con le varie forme di inquinamento che già costituiscono un grave attacco al pianeta.

E' palese che le élites stigie stanno tentando in ogni modo di soggiogare la natura e di stravolgere i ritmi della creazione. E' inquietante constatare che i militari posseggono la tecnologia per dominare il clima ed i fenomeni tellurici. Tecnologia, natura: 1 a 0, almeno per ora, si potrebbe amaramente commentare, parafrasando Giulio Carlo Argan.

Non vorrei che i messaggi codificati in antichi testi e venerande tradizioni restassero una voce muta: l'innalzamento oltre i 440 hz, attuato in questi ultimi decenni, è solo uno dei tanti strumenti usati per generare quelle profonde discrasie che stanno conducendo l'umanità verso lo strappo finale.


Fonti:

G. Conte, Il sonno degli dei, Milano, 1999
A. Forgione, Il progetto musicale di Gizah, 2009


[1] Un'altra dimostrazione del principio "come è in alto, così è in basso", è data dal numero 72.


Calabria al veleno

di Riccardo Bocca
L’Espresso

Un’area radioattiva a pochi chilometri dal luogo del naufragio della motonave Rosso. Il sospetto di altri traffici di sostanze tossiche via mare. Con una grave minaccia per la salute. Ecco le ultime scoperte degli investigatori.

Alla fine è emerso il peggio del peggio. Si è trovata un’area collinare, a pochi chilometri dal litorale cosentino, contaminata dalla radioattività. Si è scoperto che in quella stessa zona è avvenuto lo smaltimento di rifiuti tossici provenienti dalle lavorazioni industriali. Sono spuntate testimonianze che collegano questi ritrovamenti a traffici, via mare, di scorie pericolose. E soprattutto, si è riscontrato nei comuni limitrofi l’aumento dei tumori maligni, con un pericolo a tutt’oggi incombente sulla popolazione.



La Piramide della Cospirazione Globale

La Piramide della Cospirazione Globale - 2:56:03 - 28/dic/2006 David Icke - http://www.mariorossi.net/

video - http://video.google.com/videoplay?docid=-5723630611980729615

L'8 e il 9 dicembre 2001 David Icke ha tenuto, nel corso della prima edizione di Macrofestival, davanti a settecento persone, una memorabile conferenza che, partendo dal crollo delle Twin Towers, ricostruiva le strategie dell'élite globale e la storia della Grande Cospirazione che ci imprigiona e della quale possiamo liberarci. Questo video offre un'impressionante mole di informazioni e di interpretazioni, capaci di garantire una presa di coscienza e una visione delle cose completamente nuova. Un'opera da conoscere e diffondere tra chiunque voglia cambiare, in meglio, la propria vita e la società in cui viviamo

sabato 22 agosto 2009

Microkosmos

microkosmos.avi
1:11:49 - 2 anni fa
video.google.com

IL MEZZO TELEVISIVO

Non si tratta di una semplice scelta di contenuti. E' il mezzo stesso e la velocità con cui arriva l'immagine a mettere a rischio un cervello e un sistema nervoso-muscolare in sviluppo, come lo è quello dei bambini.

Di nuovo quello che la conoscenza scientifica ed esoterica ci dice per es. nel libro: i pericoli della televisione - soprattutto per i bimbi sotto i 7 anni - sembra ora trovare riscontro e risonanza nelle inchieste sperimentali che hanno coinvolto alcuni ricercatori nell'analisi dei rischi da video.

Tali rischi vedono il mezzo televisivo, più che il PC o i videogames, al primo posto in classifica.

E non si tratta, come ben chiarito dal libro sopracitato, di una semplice scelta di contenuti. E' il mezzo stesso e la velocità con cui arriva l'immagine a mettere a rischio un cervello e un sistema nervoso-muscolare in sviluppo. Il mezzo televisivo è tale da creare contrazione e fissità muscolare in un'età in cui la crescita organica abbisogna di elasticità, espansione e di tanto movimento. Anche se questo gli scienziati non sono ancora in grado di dirlo, in quanto richiede conoscenze interiori e un tipo di saggezza che appartiene alla sfera dei corpi invisibili.

Pian piano però, ci stanno arrivando.

Risale al 4 agosto la notizia di uno studio comparato negli Stati Uniti e in Spagna il quale ha rilevato, analizzando 111 bambini di età tra i 3 e gli 8 anni, che tra tutte le forme di inattività esaminate, quella di guardare la televisione risulta la peggiore. La costante misurata è quella della pressione sanguigna.

Se il sangue è così visibilmente coinvolto vuol dire che lo sono, a monte, cuore, cervello e DNA.

La pressione sanguigna più alta risulta, tra l'altro, indipendente dal fatto che i bimbi siano obesi o nel peso forma, come spiega il Dr. Joey Eisenmann, anche kineseologo, alla Michigan State University. Secondo tale studio, pubblicato negli Archivi di Medicina Pediatrica e dell'Adolescenza, lo stesso aumento di pressione non è rilevabile per esempio di fronte allo schermo del pc.

I bambini che guardavano dai 90 a 330 minuti di televisione al giorno risultavano alle misurazioni con una pressione sistolica e diastolica da cinque a sette punti superiore rispetto a quelli che stavano davanti alla tivù meno di mezz'ora al giorno.
L'American Academy of Pediatrics raccomanda quindi che i bambini sotto i 2 anni non dovrebbero guardare la televisione, limitando la visione ai più grandi a una o max due ore al giorno.

Cos'è dunque che rende la visione della tivù più a rischio che giocare ai videogame o navigare in Internet? Certo, i giochi del computer richiedono un certo movimento, come muovere le dita o modificare le posizioni del corpo, ma, si chiedono i ricercatori: «Può essere questo sufficiente a spiegare la differenza?».

Sono state proposte altre possibili varianti. Ad esempio, oltre alla completa inattività richiesta dal mezzo televisivo - che solleva solo il rischio di pressione alta - i bambini possono essere sollecitati, dalla pigrizia della postura presa, a mangiare in modo automatico del cibo pronto-veloce(fast-food). E i tipi di alimenti che i bambini mangiano di solito di fronte alla tv, sono del tipo snack salato, che fa salire ulteriormente la pressione sanguigna.

Prima di arrivare a comprendere quello che succede "nel tempio del cervello", come dicono i Rosacrociani nel libro I pericoli della televisione, e nell'impalcatura aurea e frattale del DNA, prima di prendere atto del modo in cui possono interagire le onde fotoniche e l'intermittenza veloce dei lampi-luce ci vorrà ancora del tempo.
E noi, siamo pazienti

Traduzione e riadattamento per Scienza e Conoscenza a cura di Elsa Masetti




Film Coma Profondo di Michael Crichton

LEGA NAZIONALE CONTRO LA PREDAZIONE DI ORGANIE LA MORTE A CUORE BATTENTE
24121 BERGAMO Pass. Canonici Lateranensi, 22Tel. 035-219255 - Telefax 035-235660
C.C.P. 18066241
nata nel 1985



Stralcio (durata 5:38)
http://www.antipredazione.org/filmati/Coma%20profondo.htm



Il coma può essere indotto con dei farmaci da medici che poi dichiarano la “morte cerebrale”,un arbitrio esercitato per gli espianti/trapianti

venerdì 21 agosto 2009

MANIFESTO UNIVERSALE DI RESISTENZA ALLA VACCINAZIONE FORZATA

Articolo di Giorgio Tremante

DICHIARAZIONE

Noi sottoscritti, come uomini e donne liberi, non riconosciamo l'autorità dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) che per mandato generale costringe alle vaccinazioni. I nostri corpi sono sovrani e sono territorio soggetto alla nostra esclusiva auto-determinazione. Qualsiasi tentativo di violazione di questa auto-determinazione deve essere interpretato come una violazione del diritto fondamentale dell'uomo e della sua libertà. Siamo quindi decisi in questa difesa ad una preventiva azione di classe con querela per essere difesi, in caso il nostro inalienabile diritto di scelta venga abolito.

ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA' - lista di controllo per la pianificazione in caso di pandemia influenzale: Sezione 1.5.1 legale e le questioni etiche

“Nel corso di una pandemia, può essere necessario annullare la legislazione vigente o (individuale) in materia di diritti umani. Esempi sono l'applicazione di quarantene (passare oltre la libertà individuale di circolazione), il reperimento e l'uso di edifici di proprietà privata per funzione ospedaliera, la vaccinazione obbligatoria o l'attuazione di emergenza in turni di servizi essenziali. Queste decisioni hanno bisogno di un quadro giuridico al fine di garantire trasparenza di valutazione e la giustificazione delle misure che sono oggetto di esame, e di garantire la coerenza con la legislazione internazionale (International Health Regulations)”.
http://www.who.int/csr/resources/publications/influenza/FluCheck6web.pdf

Non vi è alcuna prova scientifica che mostra il virus H1N1, come la causa diretta della morte di coloro che sono deceduti dopo aver contratto il virus (144 ad oggi). La maggior parte dei decessi sono causati da complicazioni pre-esistenti e auto-deficit immunitari. I paesi con bassa qualità di salute, hanno il maggior numero di casi mortali. Sulla base del centro per il controllo delle malattie proprie alle linee guida H1N1 i sintomi correlati sono praticamente indistinguibili da quelli della comune influenza stagionale, e la gravità è paragonabile a una lieve influenza stagionale.

I sintomi di questo nuovo virus influenzale H1N1 nelle persone sono simili ai sintomi di influenza stagionale e comprendono febbre, tosse, mal di gola, naso chiuso o filante, dolori muscolari, mal di testa, brividi e stanchezza, dolori articolari. Un numero significativo di persone che sono state infettate con questo nuovo virus H1N1 hanno riferito anche diarrea e vomito. I gruppi ad alto rischio per il nuovo virus influenzale H1N1 non sono noti al momento, ma è possibile che essi possono essere gli stessi che per l'influenza stagionale. Persone ad alto rischio di gravi complicanze da influenza stagionale comprendono persone di età dai 65 anni e gli anziani, i bambini di età inferiore ai 5 anni, donne incinte, persone di ogni età con patologie croniche (come l'asma, diabete, malattie cardiache, ecc.), e le persone che sono immunocompromesse (ad esempio che, prendendo farmaci immunosoppressori, per infezione da HIV).
http://www.cdc.gov/h1n1flu/sick.htm


La GlaxoSmithKline farmaceutica è la principale sviluppatrice attorno al vaccino contro l'influenza aviaria H5N1. Considerato il fatto che il nuovo ceppo H1N1 è un virus aviaria-Suina ibrida umana è probabile che questa componente sarà utilizzata come parte del regime di tipo 3. La GSK è proprietaria dell'adiuvante chiamato ASO4. Esso contiene allume (tossico) e MPL. MPL sta per monophosphoryl lipidi A. L'esercito Americano è proprietario (senza licenza) dell'adiuvante sviluppato prima della prima guerra del Golfo usato in una seconda generazione di vaccini contro il carbonchio ematico chiamato Tri-Mix o Triple Mix. Tri-Mix contiene MPL (monophosphoryl lipidi A) e squalene. Dopo la guerra, scienziati dell'esercito hanno considerato l'MPL troppo tossico, per cui hanno iniziato a lavorare con la Chiron Corporation di Emeryville, (CA) per sviluppare un adiuvante allo squalene che conteneva solo acqua e ... sul presupposto che la tossicità dell'adiuvante con Tri-Mix fosse stato la causa dell'MPL. Questa ipotesi si è rivelata errata. Ci sono più di due dozzine di studi sugli animali che hanno generato i dati della squalene dimostrando la capacità di indurre l'autoimmunità. L'MPL è stato anche un componente del sistema adiuvante Ribi. Il sistema adiuvante Ribi, o RAS, è un derivato del Tri-Mix, che è stato approvato solo per l'uso negli animali. Non vi è alcuna indicazione che i dati esistenti nell'MPL suscitino una risposta immunitaria specifica. Se MPL è immunogenico, si prospetta la possibilità di una pericolosa "reazione incrociata". Il corpo umano è pieno di lipidi. Anticorpi e cellule immunitarie che rispondono alle MPL e potrebbero anche rispondere ad altri lipidi nel corpo, quindi la rottura della tolleranza endogeno lipidi (quelli nativi per il corpo umano) e di avviare l'autoimmunità.
Gary Matsumoto - Giornalista / Autore
http://www.whale.to/vaccine/secret_adjuvant.html


Il rischio di una diffusa epidemia di Sindrome da Guerra del Golfo tra la popolazione in generale è inevitabile - assumendo che lo stesso H5N1 l'adiuvante squaline è utilizzata su H1N1 (i coadiuvanti sono agenti farmacologici o immunologici che modificano l'effetto di altri agenti). Ulteriormente somministrato il vaccino che produce poca risposta anticorpale. Pertanto, si richiede 12 volte la dose normale, al fine di essere 'efficace'. Tale scommessa in cui le nostre vite sono interessate non è negoziabile.

Le ditte farmaceutiche (Novartis, tra gli altri), stanno già raccoglierndo un enorme ordinativo in occasione di tale crisi. Noi non siamo disposti a scommettere la nostra sicurezza per l'industria dei profitti in qualsiasi condizione. L'epidemia dell' influenza suina sta portando beneficio negli Stati Uniti solo a quelle imprese più prolifiche e di successo con capitale di rischio: Kleiner, Perkins, Caufield & Byers. Infatti i listini sono già aumentati di quelle otto società quotate in borsa che le imprese di investimento hanno in portafoglio sotto la voce “Pandemic Bio-Defens Investments”. BIOCRYST, aumenta di oltre il 26 per cento, fino a $ 2,21 per azione, e Novavax, creatore di vaccini virali, scala al 75 per cento a $ 1,42 per azione al primo annuncio del focolaio di influenza suina in Messico.
http://drtenpenny.com/swine_flu.aspx


La mancanza di sufficienti prove sperimentali su questo vaccino solleva molte preoccupazioni. Non vi è alcun criterio di efficacia sulla sua validità parlando di statistiche.

Novavax utilizza le informazioni genetiche “tecnologia ricombinante con particelle di virus-simili” per produrre rapidamente a un vaccino. La sua tecnologia è stata provata solo attraverso studi clinici di fase II, ma potrebbe essere rilasciato prematuramente. Il CEO di Novavax, Rahul Singhvi Venerd, ha annunciato: “Vi è una situazione di emergenza che autorizza la disponibilità e che ci permette di utilizzare il vaccino in caso di emergenza, senza ulteriori prove”. La Divisione R&D e le disposizioni di legge devono proteggere l'azienda da ogni responsabilità.
http://drtenpenny.com/swine_flu.aspx


H1N1 è un ceppo del tutto unico, mai visto prima, con tutte le caratteristiche di un virus da laboratorio di produzione o designer virus.


Lo studioso e autore del testo sui nuovi virus emergenti: AIDS e Ebola, virus naturali o infortuni intenzionali? Horowitz dice che il virus del ceppo suina-aviaria dell'influenza umana, è stato trovato per la prima volta in Messico alla fine di marzo del 2009, egli spiega inoltre, che sarebbe potuto arrivare solo dal Dott. James S. Robertson e dai suoi colleghi in associazione con gli Stati Uniti, dal Centro per il controllo delle malattie e dei vaccini della ditta Novavax, il quale è stato pronto a trarre profitto dalla “fuga” (?) di detto virus. Horowitz ha detto che nessun altro virus simil-influenzale H5N1 asiatico infetta i polli, il loro estratto del DNA, la loro combinazione con le proteine del virus H1N1 dal 1918 isolate per l'influenza spagnola, inoltre in alcune miscele di influenza suina (geni di suini), dimostrano un intervento di ingegneria genetica che ha infettato l'uomo.
http://uncensored.co.nz/2009/04/30/dr-horowitz-mexicanswine-flu-made-in-lab/


Anche nel corso del 1976 l'influenza suina spaventava ... ma lo stesso vaccino ha ucciso centinaia di persone ed ha creato gravi ed altri innumerevoli problemi di salute.

Il giovane Lewis (di 19 anni Pvt.. David Lewis di Ashley Falls, Messa) è morto di influenza suina nel 1976. Ma, i critici si affrettano a sottolineare, come centinaia di americani sono stati uccisi o gravemente feriti da una inoculazione del vaccino che il governo ha dato loro per evitare il virus.
http://www.capitalcentury.com/1976.html


Le Nazioni Unite oltre che l'OMS sono state coinvolte nella produzione e conservazione di virus vivi e nei programmi di tipo sterilizzazione eugenetica nel passato, sulla base di dati verificabili. Noi non saremo più le loro cavie. Noi sosteniamo questa decisione per l'umanità. Spetta poi all'OMS dimostrare la propria sicurezza. Qualsiasi relazione o risultato clinico da loro rilasciati saranno soggetti a un'inchiesta indipendente di parte e di nostra libera scelta.

Documento del Consiglio nazionale per la sicurezza 20506: (implicazioni in tutto il mondo per la crescita della popolazione degli Stati Uniti in materia di sicurezza e degli interessi oltre mare)

Questo memorandum redatto nel 1974 da Henry Kissinger ha portato direttamente alla scatenamento di vaccini sperimentali sugli ignari cittadini. E' stato visto da vari paesi come obiettivo di “sperimentazioni di riduzione della popolazione da attuare entro l'anno 2000”. Essi hanno identificato l'India, Bangladesh, Pakistan, Nigeria, Messico, Indonesia, Brasile, Filippine, Thailandia, Egitto, Turchia, Etiopia e Colombia per motivi di studio. A circa 3 milioni di filippini in età fra i 12 e i 48 anni è stato inoculato in prova un vaccino che ha rovinato la loro salute. In Nord America alle donne nere e a native americane è stato dato lo stesso vaccino che ha prodotto la sterilità in tassi che vanno rispettivamente del 25% e 35%. La direttiva era stata data dall'OMS ed era direttamente legata alla relazione del memorandum Kissinger.
http://www.scribd.com/doc/6474391/Henry-Kissinger-Population-Control-Document

E' seguito un rapporto nel 1972 (Bollettino # 47) rilasciato dalla Organizzazione Mondiale della Sanità che si riferiva a un virus immunitario chiesto per distruggere selettivamente le cellule T del sistema umano, per essere distribuito in congiunzione con un programma di vaccinazione a livello nazionale "per osservarne i risultati". Ciò ha coinciso proprio con l'ampio programma di vaccinazione in Africa centrale per il vaiolo - poco prima dello scoppio dell'AIDS in Africa, in America e altrove. Il fattore determinante più comune nei malati di AIDS è la ripartizione delle cellule T del sistema nel corpo.

Un'altra coincidenza?

Nel caso in cui le vaccinazioni vengano dichiarate obbligatorie in condizioni di una presunta e/o genuina Pandemia chiediamo una commissione indipendente per la ricerca di vaccini, composta da un team di professionisti del settore sanitario di nostra scelta, prima che i vaccini vengano consegnati ai centri di distribuzione. Tutti i vaccini saranno testati per la contaminazione e la sicurezza. Il costante monitoraggio di tali vaccinati saranno conservati in un aggiornato sistema di dati. Se l'OMS o i loro distributori saranno scoperti di essere intenzionalmente diffusori di un prodotto tossico saranno perseguiti nella massima misura di legge. Ci sarà un mandato pubblico di indagine per assicurare i responsabili alla giustizia.

A questo proposito INVITIAMO anche i nostri governi tenerne pienamente conto.

Noi sottoscritti, uniti a sostegno di questo Manifesto/Petizione.

Tutti coloro che desiderano sottoscrivere tale Manifesto possono inviare una email a: giorgiotremante@tiscali.it



fonte - http://intermatrix.blogspot.com/

Translate