Cerca nel blog

Caricamento in corso...
"Giornalismo è diffondere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è propaganda"

sabato 21 novembre 2009

Unione Europea. Van Roumpuy il beniamino del Bilderberg.


Fonti:
PrisonPlanet
Planete non Violence

Van Rompuy Chou Chou Du Groupe Bilderberg 1er Président De L’UE - Taxes Européennes En Préparation

di Mireille Delamarre
traduzione di Giuditta


Nel suo discorso del 19 novembre Rompuy ha detto che il 2009 sarà il primo anno del governo globale, il mega-progetto del gruppo Bilderberg, e ha promesso di introdurre delle imposte europee.

Il primo presidente della Ue, Herman Van Rompuy, ha dichiarato:

"Il 2009 è anche il primo anno di governo globale, con la creazione del G20 nel bel mezzo della crisi finanziaria globale.
La Conferenza sul Clima di Copenaghen sarà un altro passo avanti verso il governo globale del nostro pianeta".

Van Rompuy ha partecipato a una cena del Gruppo Bilderberg il 15 novembre al Hertoginnedal, Bruxelles, poco prima della nomina a primo presidente della UE.
Durante la cena, si è incontrato con i membri dell'alto comitato della direzione del Gruppo e ha pronunciato un discorso che annunciava la creazione di nuove tasse da versare direttamente alla UE, compresa una tassa sui voli aerei, una tassa sui carburanti e l'IVA europea, così da formare un unico canone che andrà direttamente nelle casse di Bruxelles.
"Dobbiamo prendere in seria considerazione la possibilità di raccogliere le imposte a livello europeo, e per la prima volta i grandi paesi dell'UE sono disponibili ad una cosa simile " ha detto Van Rompuy, secondo quanto scrive il giornale olandese, DeTüd.
Secondo l'articolo del DeTüd, Van Rompuy ha avuto colloqui con il Presidente del Gruppo Bilderberg, Etienne Davignon, che all'inizio di quest'anno si è vantato nel giornale EU Observor che il Gruppo Bilderberg è stato all'origine della creazione della moneta unica europea, l'Euro, negli anni 50.
In effetti, il quadro ideologico della creazione dell'Unione europea risale agli anni '40 quando alcuni industriali ed economisti nazisti hanno elaborato un piano per una comunità economica europea unica, il piano messo in pratica all'indomani della seconda guerra mondiale.
Uno dei principali fondatori del gruppo Bilderberg è un ex ufficiale delle SS naziste, il principe Bernardo d'Olanda.
La prova è stata (ma abbiamo ancora bisogno di prove?) la negazione delle pratiche democratiche in Europa che ha dimostrato che il sistema di base dell'Unione europea è totalitario - la Francia ha detto NO al Trattato di Lisbona, Sarkozy li ha traditi, poi l'imposizione agli irlandesi, anche loro avevano detto NO, di votare di nuovo per il SI-.
Hitler negli anni '30 fece lo stesso facendo rivotare i tedeschi di nuovo, fino a quando, abbastanza intimoriti, essi votarono secondo i suoi desideri.
La ratifica del Trattato di Lisbona, ha permesso la creazione di questo titolo di presidente della UE, e Van Rompuy, al servizio del Gruppo Bilderberg farà tutto il suo possibile per accelerare la realizzazione del progetto per un governo globale del gruppo: la creazione di un super stato federale dittatoriale che cercherà di distruggere ciò che resta della sovranità nazionale degli Stati membri, in particolare attraverso la creazione di imposte europee.
In Francia Sarkozy, ha eliminato la tassa professionale e ha prosciugato le finanze locali per limitare l'indipendenza del potere politico locale a livello europeo, così la raccolta di imposte europee avrà esattamente lo stesso effetto: una perdita totale dell'indipendenza economica - e quindi politica - degli stati, indipendenza già in cattive condizioni con la creazione della moneta unica, l'Euro, e in particolare con il potere dittatoriale della Banca Centrale Europea, poiché in ultima analisi, sarà difficile conservare le imposte nazionali allo stesso tempo che le tasse europee.

La dittatura europea avanza velocemente e questo è un altro passo avanti verso una dittatura mondiale controllata dal gruppo Bilderberg e dalle elite mondiali che ruotano intorno ad esso.

Nessun commento:

Translate