Cerca nel blog

Caricamento in corso...
"Giornalismo è diffondere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è propaganda"

domenica 7 marzo 2010

Transumani di ieri, di oggi e di domani


Avete mai pensato al transumanesimo ed a cosa potrebbe implicare?
Posso garantirvi che se non ci penserete, comunque sia qualcuno lo farà per voi, e quando vi imporranno qualcosa di negativo lo accetterete di buon grado, senza batter ciglio, senza sospettare alcunchè e senza opporre resistenza.

In quasi tutte le cosmogonie e mitologie antiche, in ogni tempo ed in ogni luogo, sono sempre comparse figure ed entità dalle caratteristiche extraumane o sovraumane, pacifiche o malevole, che a volte punivano ed altre favorivano gli eventi e lo sviluppo umano.
Non esiste omogeneità fra questi miti, a causa delle differenze linguistiche, simboliche e culturali delle varie rappresentazioni, ma esistono archetipi e diversi punti di contatto che accomunano sistemi di credenze e forme di misticismo molto lontane fra loro nello spazio e nel tempo.
In realtà, sono in molti a sospettare che vi sia qualcosa di deliberatamente occultato e distorto riguardo all’evoluzione umana, che può essere però indagato e ritrovato, riunendo poco alla volta miriadi di pezzi del più intricato puzzle di questo cosmo.
Parallelamente, possiamo vedere come ogni forma di misticismo sia basata sull’osservazione e la pratica di azioni e comportamenti, che possano aiutare l’individuo ad aumentare le proprie capacità fisiche, cognitive e spirituali, e quindi evolversi, sino a trascendere la condizione umana, per potersi così avvicinare alla divinità, poter così vincere la sofferenza, la malattia, la morte.
Col transumanesimo, questo miglioramento umano si affida alle scoperte scientifiche ed al progresso tecnologico, che, come sostengono alcuni, ci permetteranno di ottenere una trasformazione post umana, una ‘mutazione‘ mirata e controllata.

Oltre al fervore intellettuale, religioso, politico e scientifico, numerosi libri, fumetti, film, cartoni animati e videogiochi hanno portato alla ribalta negli ultimi anni il tema del transumanesimo. Personaggi dagli incredibili poteri, superuomini e supereroi, cyborg, mutanti, divengono così i protagonisti transumani (al limite del postumano) del nostro tempo libero, occupando sempre più spazio nel nostro immaginario, e proiettandoci in un futuro, chissà quanto lontano, probabile e reale.
Sia che si tratti di una potenziale utopia che di una distopia, quello del transumanesimo è un tema che non può non incuriosirci ed affascinarci, soprattutto nel contesto socio-storico e nella dimensione di tecno-dipendenza in cui ci troviamo.
Come abbiamo visto in mille altri contesti, l’utilizzo di strumenti e tecnologie, può implicare sia la creazione di condizioni di vita favolevoli che la distruzione della vita stessa. Ecco perchè è il caso di porci, finchè si è in tempo per farlo, alcuni domande su quelle che realmente sono le condizioni di vita umane attuali e quali prospettive abbiamo per nostro il futuro.

Franco Battiato in una sua canzone (Il cammino interminabile), a riguardo del processo di evoluzione interiore ed esteriore, ci ricorda: “Se vuoi conoscere i tuoi pensieri di ieri osserva il tuo corpo oggi, se vuoi sapere come sarai domani osserva i tuoi pensieri di oggi“. 
Tuttavia, non penso che l’intero processo evolutivo umano sia stato caratterizzato da linearità, e pertanto è possibile che avvengano anche dei cambiamenti improvvisi, indotti dall’ambiente circostante o prodotti dall’uomo stesso.
A guardare quello che oggi avviene nel mondo sorge quasi spontaneamente la consapevolezza che ci si stia involando verso una specie di salto quantico, un grosso cambiamento per la nostra civiltà umana.
Di uomini ne esistono di buoni e di cattivi, e così per il nostro futuro convivono in egual misura sia buoni che cattivi presagi.

Alcune prospettive transumaniste potrebbero effettivamente aiutarci a migliorare la nostra qualità di vità, ma quello che questo movimento culturale, soprattutto in ambito tecno-scientifico ignora, è il ruolo di tutto conto dell’energia energia sottile, spirituale che fortunatamente gli scienziati non riesco ancora a manomettere, o per lo meno così generalmente si crede.
Esperimenti nel campo dell’elettromagnetismo e nelle natotecnologie hanno però risvolti inquietanti dei quali dobbiamo prendere atto.

Ad esempio, anche se non ne parlano spesso sui mass media, ci oggi numerosi scienziati che studiano e testano con finalità transumanista applicazioni ipertecnologiche sia ad uso medico, che nell’elettronica e nell’informatica applicata al corpo umano. Ad esempio la Microsoft sta testando lo Skinput (http://www.chrisharrison.net/projects/skinput/), ovvero la possibilità di usare la pelle umana come fosse una superficie di input, mentre altre aziende (www.positiveidcorp.com) hanno cominciato a vendere su larga scala Microchip sottocutanei, venduti per per facilitare prestazioni e pratiche sanitarie, ma in realtà utilizzabili per mille altri scopi, per lo più avversi alla nostra privacy e alla libertà personale.
In campo medico esisono studi avanzati anche in materia genetica, come il Progetto genoma umano (http://www.ornl.gov/sci/techresources/Human_Genome/home.shtml) e gli sviluppi della ricerca sulle cellule staminali, che ci promettono di sconfiggere in futuro tutta una serie di malattie, ma che potrebbero anche ritorcersi contro di noi.
Sono ancora impresse nella nostra memoria storica le deliranti ricerche eugenetiche compiute dagli scienziati nazisti, e non solo, e portate avanti chissà da chi…

Ma secondo voi sarà poi così vero che tutta questa tecnologia ci permetterà di compiere una vita migliore, di sconfiggere la sofferenza, di divenire realmente felici, o si tratta solo dell’evoluzione di un’illusione attuale?
Forse lo felicità comincierà pure lì dove finisce la malattia, ma di sicuro la tecnologia umana finisce dove comincia lo spirito.

(La tecnologia extra-umana la lasciamo invece da parte, perchè ufficialmente non esiste e perchè si tratta di un’altra favola, ma tutte le favole ha un fondo di verità…)

Nessun commento:

Translate