Cerca nel blog

"Giornalismo è diffondere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è propaganda"

martedì 10 agosto 2010

Quali sono i possibili rischi del nanotech?


traduciamo la prima parte dell'articolo in inglese intitolato

What are the Possible Dangers of Nanotechnology?

che parla dei possibili rischi a cui siamo esposti a cause delle nanotecnologie (nanopatologie).
In questo caso non dobbiamo confondere la "Nanotecnologia" con la "Nanotecnologia molecolare"

La nanotecnologia è un ramo della scienza che si occupa di particelle 1-100 nanometri di dimensione. Gli esperti ritengono che sia possibile trovare nella nanotecnologia pericoli nel modo in cui queste minuscole particelle possano interagire con l'ambiente, e soprattutto, con il corpo umano. Miliardi di dollari vengono spesi per incorporare le nanoparticelle in prodotti che sono già in commercio al pubblico, quando questo investimento è rispetto alla ricerca sui problemi di salute della nanotecnologia relativamente inadeguato, alcuni scienziati si preoccupano.


Esperti dicono che il problema è che gli elementi incontrati nella nanoscala agiscono differentemente rispetto ai loro omologhi più grandi. Come esempio, le proprietà della grafite sono ben note e questa detiene una posizione specifica nelle linee quida in tossicologia. Il Nobel per la fisica Richard Smalley della Rice University ha scoperto i nanotubi di carbonio e i buckyballs - nanoparticelle di carbonio - che sono legalmente classificati come grafite, ma loro si comportano in modo differente alla grafite rendendo la classificazione potenzialmente pericolosa. 

Caso in questione: nel marzo 2004 i test condotti dal tossicologo per la protezione ambientale Oberdörster, Ph.D., con la Southern Methodist University in Texas hanno scoperto danni al cervello ai pesci esposti ai buckyballs per un periodo di appena 48 ore ad una relativamente moderata dose di 0,5 per milione (commiserare con i livelli di altre tipopogie di inquinamento che si trovano nelle baie). I pesci esposti anche al cambiamento dei marcatori di gene nel fegato, indicano che la fisiologia intera è stata colpita. In un test simultaneo, le nanoparticelle di carbonio hanno ucciso le pulci d'acqua, un anello importante nella catena alimentare marina. 


Oberdörster non saprebbe dire se i buckyballs potrebbero anche causare danni al cervello negli esseri umani ma ha avvertito che sono necessari ulteriori studi e che l'accumulo dei buckyballs nel tempo potrebbero essere una preoccupazione, particolarmente se sono stati autorizzati ad entrare nella catena alimentare. Studi precedenti nel 2002 fatti dal CBEN (Center for Biological and Environmental Nanotechnology) hanno indicato nanoparticelle accumulate nei corpi degli animali da laboratorio, e ancora altri studi hanno mostrato le nanoparticelle di carbonio viaggiare liberamente attraverso il suolo e che possono essere assorbiti dai lombrichi. Questo è un potenziale collegamento lungo la catena alimentare per l'uomo e presenta uno dei possibili pericoli delle nanotecnologie.

(esempio di una buckyballs)


Altre nanoparticelle hanno pure dimostrato di avere effetti ostili. La ricerca all'Università della California a San Diego nel primi mesi del 2002 ha rivelato nanoparticelle di cadmio selenide, chiamati anche punti quantici , che possono causare l’avvelenamento da cadmio negli esseri umani. Nel 2004 lo scienziato inglese Vyan Howard ha pubblicato dei primi risultati che indicavano che le nanoparticelle d'oro possono spostarsi tra la placenta di una madre al feto; e di come nel lontano 1997 gli scienziati di Oxford avevano scoperto nanoparticelle utilizzate per la protezione solare creando radicali liberi che danneggiavano il DNA .


A complicare i pericoli delle nanotecnologie, le dimensioni e la forma delle nanoparticelle che hanno effetto sul livello di tossicità, di precludere la facilità delle categorie uniformi anche quando si considera un unico elemento. In generale, gli esperti relazionano le particelle più piccole essendo più bioattive e tossiche. La loro abilità di interagire con altri sistemi viventi aumenta, perché possono facilmente attraversare la cute, polmoni, e in alcuni casi il sangue / barriere del cervello. Una volta all'interno del corpo, ci possono essere ulteriori reazioni biochimiche come la creazione di radicali liberi che danneggiano le cellule.


Mentre il corpo è dotato di difese per le naturali particelle che incontra, il pericolo della nanotecnologia è che questa è una introduzione del tutto nuova del tipo di particelle. Particelle che alcuni esperti dicono che probabilmente il corpo le identifichi tossiche.

fonte





Nessun commento:

Translate