Cerca nel blog

"Giornalismo è diffondere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è propaganda"

mercoledì 19 gennaio 2011

21 Ottobre 2011: la fine del mondo?

Secondo la setta guidata dal predicatore evangelista americano Harold Camping, il giorno del giudizio universale cadrà il prossimo 21 maggio di quest’anno. Studi matematici effettuati sulla Bibbia hanno permesso di calcolare la data. Seguita da quella della fine del mondo, il 21 ottobre sempre di quest’anno. 
 
Nato nel 1921, Harold Camping è presidente della Family Stations, un network a carattere religioso sito in California che raduna circa 150 stazioni radio e televisive sparse per gli Stati Uniti. Secondo Camping, nella Bibbia sarebbe nascosto un autentico calendario che permette di calcolare la fine del mondo, o meglio, il giorno del giudizio universale. Inoltre, la Bibbia rivelerebbe la teoria della predestinazione, cioè che Dio avrebbe deciso ancor prima dell’inizio del mondo chi si sarebbe salvato e chi no. La sua setta non è considerata una chiesa dallo stesso Camping. Laureato in ingegneria civile, Camping è stato membro della Chiesa Cristiana Riformata sino al 1988, nella quale serviva come pastore. Il concetto base di Camping è che solo la Bibbia è in grado di comunicare la parola di Dio, unica fonte autorevole di verità. Il suo lavoro è quello di decifrare ogni singolo passaggio biblico, ma senza dare alla Bibbia interpretazioni automaticamente letterali.
 
IL GIORNO DEL GIUDIZIO - Camping sta studiando la Bibbia da circa 70 anni. Grazie a questo poderoso impegno, ha individuato il giorno del giudizio: accadrà il 21 maggio di quest’anno. A quel paese la teoria Maya che la fine del mondo arriverà nel 2012, e tanto più a quel paese i film hollywoodiani come appunto “2012″. Il problema è che non è la prima volta che il predicatore radio televisivo azzarda la data della fine del mondo. Aveva già fatto questa previsione anni fa quando aveva annunciato come giorno del giudizio il 6 settembre 1994. Ma la fine del mondo non arrivò. Camping ammise di aver fatto alcuni errori matematici nei suoi calcoli e si rimise al lavoro. Nonostante ciò, i seguaci del predicatore sono nuovamente a pendere dalle sue parole. In America si stampano t short con la scritta “21 maggio 2011″, si decorano le automobile con le scritte “Il ritorno di Cristo: 21 maggio 2011“, si inaugurano siti web e insomma ci si prepara al grande giorno. Ci sono anche evidenti segnali, secondo i seguaci di Camping, dell’avvicianasi della fine dei tempi, ad esempio la misteriosa moria di corvi e pesci che ha colpito l’Arkansas nelle ultime ore del 2010. Oltre 5mila corvi piovuti dal cielo morti stecchiti e circa 100mila pesci morti anch’essi. 
 
L’APOCALISSE - In realtà, Camping ha annunciato due date per cui bisognerebbe tenersi pronti. Quella del 21 maggio 2011 è l’inizio del giudizio universale, mentre la fine del mondo è prevista per il 21 ottobre sempre di quest’anno. Da bravo ingegnere, Camping è appassionato di numeri. Per calcolare il giorno del giudizio universale, Camping si è basato sul ciclo delle festività ebraiche come sono descritte nell’antico testamento, il calendario lunare mensile (in cui un mese dura 29,53059 giorni) e il calendario gregoriano (un anno dura 365,2422 giorni). Ha inserito questi dati nella nostra epoca moderna, ne ha combinato i risultati con altre informazioni contenute nella Bibbia e ha ottenuto la data “esatta”. Ma che succederà il 21 maggio 2011? Ogni abitante della Terra sarà passato al giudizio divino. Il 21 ottobre 2011 invece l’intero pianeta Terra verrà distrutto: dal fuoco.
 

18 commenti:

controcorrente83 ha detto...

stupidaggini. La bibbia stessa dice che solo Dio sa' la data del giorno del giudizio....

puntozero ha detto...

@controcorrente83

Esatto! Sono stupidaggini come ogni forma di Religione, anche quelle con un DIO che ha nome.

Ciao!

Mirma ha detto...

beh, prima di dire che ogni religione è una stupidaggine ci penserei due volte su. A me sembra una stupidaggine la tua asserzione.

puntozero ha detto...

@Mirma

Tutte le Religioni che si conoscono nel mondo sono strumento di potere e di poteri occulti.

Non hanno nulla a che fare con il vero credo.

Mirma ha detto...

a puntozero: questa tua risposta mi piace di più. Sarà perchè io credo in Dio e mi dispiace sempre leggere qualcosa contro di lui. Ciao.

stefanocout ha detto...

STRONZATE!!!!!VEDREMO....DIRA' ''HO SBAGLIATO DI NUOVO DEI CALCOLI''SI RIMETTERA' AL LAVORO DI NUOVO.....MA CAMBIA LAVORO!!!!

Massy ha detto...

CRONOLOGIA DI IMPORTANTI EVENTI STORICI

11.013 a.C.—Creazione. Dio creò il mondo e l'uomo (Adamo ed Eva).

4990 a.C.—Il diluvio universale di Noè. Tutti gli uomini morirono nel diluvio universale. Solo Noè, sua moglie e i suoi 3 figli con le rispettive mogli sopravvissero sull'arca (6023 anni dopo la creazione).

7 a.C.—L'anno in cui nacque Gesù Cristo (11.006 anni dopo la creazione).

33 d.C.—L'anno in cui Gesù Cristo venne crocifisso ed ebbe inizio l'età della chiesa (11.045 anni dopo la creazione; 5023 anni dal diluvio universale).

1988 d.C.—In questo anno terminò l'età della chiesa ed ebbe inizio il periodo di grande tribolazione di 23 anni (13.000 anni dalla creazione).

1994 d.C.—il 7 di settembre, terminò il primo periodo di grande tribolazione di 2300 giorni ed ebbero inizio le ultime piogge, dando inizio al piano di Dio di salvare una grande moltitudine di persone al di fuori delle chiese (13.006 anni a seguito della creazione).

2011 d.C.—il 21 maggio avrà inizio il Giorno del Giudizio e il rapimento (l'ascesa in cielo del popolo eletto di Dio) avverrà al termine del 23° anno della grande tribolazione. Il 21 ottobre il mondo verrà distrutto dal fuoco (7000 anni dal diluvio universale; 13.023 giorni dalla creazione).

questi sono gli avvenimenti storici che hanno portato al calcolo del 21 ottobre 2011 ma se ci fate caso c'è una data che non torna nei calcoli... 7a.c. nascita di Gesù.... 33d.c. morte di gesù a casa mia 33+7=40 ciò vuol dire che gesù è morto a 40 anni e non a 33 come ci ripetono dal battesimo fino alla cresima... c'è qualcosa che non va!!!!!

Luca Ceccotti ha detto...

Ma siate ragionevoli!!! daiii!

1) Le religioni si fondano su fatti storici, più o meno certificabili, ma soprattutto sfruttano la MEMETICA (cercate memetica e vedete che cos'è)

2) Vi voglio far fare una riflessione: dunque se voi pensate, disegnate, progettate e realizzate qualcosa, Quanto ha di voi la vostra creazione? Tutto! quindi noi come la nostra creazione dovremmo avere tutto o buona parte del nostro creatore, inoltre non essendo un quadro siamo co-creatori del creato.

3) Andatevi a vedere la FISICA QUANTISTICA

4) Io non sono nessuno, per dire che cos'è meglio o peggio, giusto o sbagliato, voglio solo farti riflettere e farti capire che la conoscienza e la consapevolezza stanno alla base dello sviluppo e della creazione... quindi perchè credere a chi spiegazioni non ne dà, ma semplicemente quando non sa darti una risposta dice solo "abbi fede?" troppo facile così... Questi aspetti dualistici bene e male devono finire, perche sono parte di un sistema di pensiero e di pensiero manipolato da chi si guarda bene di far conoscere a tutti i verità e potenziali.

RICORDATE CONOSCIENZA = POTERE!

IL 2012? Finisce il mondo? ... ma per favore!!! il mondo si evolve, forse finisce un era di pensiero per iniziarne una nuova, dove massonerie e cospirazioni, religioni termineranno e ci avvieremo verso un nuovo mondo! Il magnetismo polare si sta invertendo e la frequenza della terra sta cambiando ci avvieremo verso un nuovo modo di vibrare e quindi di pensare, più giusto e meno manipolatorio. Certo che per arrivare a questo sicuramente qualcosa accade... non accadrà! guardate i popoli che si ribellano alle dittature, negli ultimi mesi e la frequenza dei maremoti ecc... volete ancora di più di questo? basta pensate a ciò che volete per voi stessi, e non a ciò che non volete, perchè continuare a parlare di ciò che non volete, vi porterà ad averlo!
Ascoltate l'amore che c'è in voi, nessuno giudica neppure dio! Una forza così grande non si abbasserebbe a giudicare quello che hai fatto, ma ti farebbe decidere a te! se quello che hai fatto è giusto o sbagliato (finchè qui sulla terra esisterà, un aspetto dualistico). La scorsa settimana il Papa ha detto: chi non ha fede e non prega (quindi... secondo il suo concetto di fede e chiesa) non sarà degno del regno dei cieli.Ahhahahahahahah e... ahahahahaha ufff mi fa ridere... che personaggio! Ma perchè invece di parlare a caso non manda aiuti economici reali nei paesi dove si muore di fame o aiuta i suoi fedeli? Avete mai sentito parlare al TG " è partito un aereo militare, commissionato dal "VATICANO S.p.A" verso i luighi della guerra o della catastrofi... Noooo figuriamoci... ma non si può rinunciare alle quote della Banca San Paolo, come non possono smettere di fare i petrolieri, considerando che l'A.P.I (anonima petroli italiana ) è del vaticano, comprese le falle di acqua potabile su tutto il territorio nazionale! Poverini.... poi fanno la colletta in chiesa per raccogliere soldi per? fare il campanile, fare nuove chiese... che mica le paga il vaticano? Nooo i """ fedeli""".
Comunque esiste il libero arbitrio ed ognuno è libero di fare e pensare ciò che vuole... Ma se c'è una cosa che mi fa arrabbiare è la manipolazione.
Ciao ciao
Buona vita a tutti!
Luca Ceccotti

puntozero ha detto...

@Luca Ceccotti

grazie x la tua riflessione co-creativa. Hai ragione sui campanili, aggiungiamo le antenne WI-FI nascoste nei campanili inclusa la radio vaticana...

e GRANDI affari

Mirma ha detto...

grazie a Luca per il suo interessantissimo commento: parole sante, molto più di quelle del Papa!!!

Luca Ceccotti ha detto...

Si ok! ragazzi ma attenzione ogni pensiero e parola deve arrivare da un concetto e un ragionamento, faccio seminari in tutta europa sulla fisica quantistica, memetica e pnl,e sviluppo personale, sono un ricercatore e sono abituato a dare spiegazioni tecniche su quelli che sono i miei pensieri, mi sono laureato negli u.s.a e in ighilterra, poi ho frequentato tre master e succesivamente in italia ho conseguito una laurea in medicina psichiatrica. ho 36 anni e da 10 ho la mia azienda di formazione che collabora con le principali universita' in europa. ma!!! non mi interessa mettere in un blog il mio cv ma e' giusto che la gente sappia che da certe riflessioni deriva una ricerca seria ed accurata. Ecco perchè dopo questo breme messaggio, inserirò una piccola parte delle mie richerche, delle mie competenze, del mio lavoro e passione.
Ciao.
Ahh!!! grazie per i complimenti...
Ovvio... mi metto a disposizione per eventuali chiarimenti, che se dovessi scrivere tutto nel dettaglio scriverei un'enciclopedia.

Luca Ceccotti ha detto...

PARTE 1°


IL PENSIERO CO-CREATORE
CHE DETERMINA LA REALTA’
Partiamo dal concetto che le parole che noi ripetiamo costantemente nella nostra mente funzionano da messaggio ipnotico, e quindi producono una serie di processi bio-neurali e elettro-magnetici all’interno della nostra mente e quindi poi come conseguenza diretti al corpo, Con un processo che non sto qui a spiegare, poiché l’obiettivo di questa riflessione è tutt’altro. Quindi abbiamo detto che le parole hanno un effetto ipnotico su di noi quindi e sulla nostra vita. Faccio un’ulteriore premessa, il nostro cervello elabora le informazioni tramite le immagini, associandoci successivamente le percezioni sensoriali (caldo, freddo, gusto, odori ecc…) pensate dal momento in cui si nasce a quando si muore, il nostro cervello OGNI SECONDO scatta 4 foto ed ognuna contiene un totale di 256 percezioni sensoriali. Rimaniamo però al fatto che il nostro cervello funziona ad immagini e le immagini possono essere di due tipi esterne ed interne. Quelle esterne sono quelle che vediamo e percepiamo tramite gli occhi. Le immagini interne sono i nostri pensieri e le immagini che girano indisturbate nella nostra mente, come meteore nello spazio. Quindi facciamo il punto: Il nostro cervello funziona ad immagini e queste generano delle emozioni, queste di conseguenza le processiamo attraverso la nostra fisiologia, quindi rafforzamento del pensiero, quindi atteggiamento, quindi comportamento, quindi azione, quindi risultato, quindi feedback da parte degli altri, quindi la nostra vita quotidiana e i nostri successi / Insuccessi. Ma perché c’è chi ha successo e chi no? Perché nessuno di noi vuole avere degli insuccessi ma poi li ha? Nella maggior parte dei casi perché ci hanno abituato a dare la precedenza a ciò che non si vuole, e siccome il nostro cervello fa fatica ad accettare la “negazione” ci accade ciò che non vogliamo. Es: una volta feci una ricerca in alcune università Italiane, intervistando i ragazzi e chiedendogli che cosa avrebbero voluto dalla loro vita. La maggior parte delle risposte furono: quello che non volevano … ovvero mi elencavano le cose che non avrebbero voluto, altri mi risposero che non lo sapevano e solo pochi mi dissero di avere le idee chiare sul proprio futuro. Ma ritorniamo a ciò che ho detto il nostro cervello non conosce la negazione. Provate a non pensare al mare, NON pensateci… impossibile vero? Certo il nostro cervello prima deve pensare che cosa negare, è normale! Riflettiamo se diciamo ad un adulto di non fare una cosa, l’adulto elabora ed evita di fare ciò che gli abbiamo detto, se lo diciamo ad un bambino, non facciamo in tempo a finirlo di dire che lui l’ha già fatto. Perché accade questo? Perché il bambino è ancora puro da condizionamenti. E l’adulto? L’adulto no! Attenzione il subconscio dell’adulto è come un bambino … quindi lo fa e poi lo nega. Infatti proseguendo con la mia ricerca e intervista sono andato nei bar di paese, a parlare con quei nonni di 70 /90 anni facendo questa domanda. Mi scusi … posso chiedergli che cosa è riuscito ad ottenere dalla sua vita? Incredibile nella quasi totalità dei casi, la risposta è stata più o meno questa: “ehhh! Tutto quello che non volevo” Lascio a te le conclusioni.
Abbiamo imparato che le parole sono determinanti sulla formulazione di pensieri, atteggiamenti, quindi azioni, quindi comportamenti, quindi risultato.
Dipende tutto da come noi comunichiamo e parliamo a noi stessi.

Luca Ceccotti ha detto...

PARTE 2°

Se quindi le parole che continuiamo a dire nella nostra mente sono così efficaci e determinanti la realizzazione della realtà possiamo affermare che LA REALTA E’ LA MATERIALIZZAZIONE DEI PENSIERI. Questo non viene insegnato nelle scuole, anzi ci danno un valore misero delle parole più importanti riguardanti lo sviluppo umano, e nei casi di insegnamento religioso ancora peggio, poiché il valore delle parole viene storpiato e manipolato, in modo da far tornare a se le coincidenze ideologiche come le chiamo io.
Vediamo il significato delle parole più importanti per lo sviluppo personale, sulla crescita del proprio spirito e a che cosa realmente credere e il valore di noi stessi per come raggiungere i nostri obiettivi di vita, i nostri successi e elevare il nostro essere.
Io nei miei seminari in tutto il mondo dico: prima di avere la presunzione di comunicare con gli altri devo prima saper comunicare con me stesso. Ma come faccio a saper comunicare con me stesso? … Se: non conosco il valore etimologico delle parole, se non riesco a motivarmi ed essere quindi, in equilibrio con me stesso?
Riflettiamo userò esempi e metafore per semplificare i concetti.
State organizzando un viaggio, che cosa fate? Fate la lista delle cose che vi occorrono.
Volete cucinare per la vostra Lei/Lui che invitate a casa, cosa fate? Fate la lista delle cose vi occorrono per una buona ricetta.
Queste sono due esempi di cose quotidiane che facciamo sempre, e quindi sono normali, perché sappiamo che nel primo caso il mare è il mare, o la montagna è montagna o la campagna è campagna o le città d’arte sono le città d’arte tutti sanno che cosa sono queste cose. Nel secondo esempio, vogliamo cucinare una buona ricetta, certo magari quella pietanza non l’abbiamo mai mangiata, ma ne conosciamo gli ingredienti, ne conosciamo il sapore, e quindi cerchiamo di creare una ricetta, ovvero un puzzle di sapori.
Ma nessuno si chiede come si fa per creare la ricetta del successo, del buon equilibrio e della propria crescita personale? No purtroppo non tutti! Immaginate se i potenti avessero tanti pazzi come me che vogliono il meglio da se stessi e se avessero la ricetta del successo e se cominciassero a credere che il vedo Dio sta dentro di noi, che noi siamo dio e dio è noi. Pensate se riuscissimo a capire che la realtà che ci circonda è la realizzazione dei pensieri. Mhh! Bè tra di voi qualcuno mi reputerà pazzo altri vorranno saperne di più! Quindi consiglio … a te che mi reputi pazzo fermati qui adesso! Per due motivi. Il primo perché dirò cose che ti faranno imbestialire scardinando tutte le credenze che ti sono state inculcate nella mente fin da piccolo, quindi non accetti le cose che dirò. Il secondo motivo va a tutela mia, così eviti di mandarmi accidenti … non che mi interessi più di troppo … ma meglio evitare.
Ok tu che vuoi sapere sei pronto per questo viaggio? Sappi che inizieremo con lo studio etimologico di termini e faremo la lista di quei termini che ci occorro per il nostro viaggio. Partiamo…
Lista dei termini: desiderio, bisogno, necessità, successo, amore, eletto, scegliere, consapevole, sapere, sensazione, credere, dimostrare,immaginare (immaginazione), magia, idea, concepire, ricevere, chiedere, dio, mente, lavoro, preghiera.

Luca Ceccotti ha detto...

PARTE 3°

Premessa tutti i termini elencati qui sopra, sono termini che si succedono da una sola logica, ovvero la logica delle sequenzialità del pensiero creatore divino. Sono semplicemente partito dalla parola DESIDERIO. Tutti noi diciamo. Desidero quello, desidero quell’altro, ma pochi di noi lo ottengono perché? Nei miei corsi e nella mia vita privata, dico sempre che ti fa fare la differenza, è la domanda che ti poni che cambia tutto, non la risposta che ricevi
… quindi o sono pazzo, oppure ho ragione! Non esiste il grigio o la via di mezzo! Vediamo il processo delle parole che mi frullano nella mente e il perché non raggiungiamo ciò che in realtà desideriamo. Anticipo sbagliamo il concetto ideologico di pensiero, che da co-creatore che dovrebbe essere passa ad essere nullo.
Lista parole analizzate una dopo l’altra, vedrete la logica della consequialità.
DESIDERIO: ( dal latino: desiderium) Significato: movimento della volontà
VOLONTA: ( Rum – vre) Significato: richiesta di bisogno
BISOGNO: (dal latino: Exònium) Significato: Necessità del Corpo e della Mente (corpo, mente le vediamo dopo)
NECESSITA’: (dal latino NEC E NON NECESSERE) (dal greco A-NAGKÈ) Significato: atto di appropriarsi di qualcosa di materiale o immateriale, per raggiungere il proprio fine e il proprio successo
SUCCESSO: (dal latino SUCCESUS, Part. Passato del verbo SUCCEDERE) Significato: Risultato che viene dopo un azione fatta con AMORE e determinazione.
AMORE: (dal latino AMAS) Significato: trasporto emotivo involontario, passione impensata. Distinzione tra l’amore istintivo e l’amore razionale è data dal termine latino DILIGERE che a sua volta vuol dire eleggere, eletto, scelto, termine nobile e sacro. Quindi si elegge, si sceglie qualcosa da amare e lo riteniamo se lo amiamo veramente lo riteniamo sacro.
ELETTO: (dal latino, ELIGERE, ELECTUS) Significato: vuol dire scegliere EX – ELIGERE Separare la parte migliore da quella peggiore in base alla nostra consapevolezza.
CONSAPEVOLE: ( dal latino SA-PÈRE) Piena cognizione di ciò che si fa o si dice, sapere che cosa si vuole.
SAPERE: (dal latino SAPERE) (dal greco SOPH- Òs) Significato: avere o sentire, il gusto la percezione, usare i 5 sensi la sensazione di ciò che si fa.

SENSAZIONE: (dal latino SENSATIONEM, sensibile SENSUS) significato: modificazione semplicistica dei sensi dello spirito, nuova credenza, agisce sull’apparato nervoso.

Luca Ceccotti ha detto...

PARTE 4°

CREDERE: (dal latino CREDERE) Significato: tener per vero, cose che ci vengono raccontate, insegnate o narrate, purché siano dimostrate dai fatti.
DIMOSTRARE: (DE-MONSTRARE) Significato: far vedere, mostrare, prima dimostrare per poi credere, provare per via di conseguenza necessaria, tratta da principi evidenti e incontrastabili. Frutto della realtà dei fatti e non dell’immaginazione.
IMMAGINAZIONE: (dal latino IM AGO AGERE) in me la magia agisce.
MAGIA: (dal latino MAGIA) (dal greco MEGEIA) Significato: definizione di futuro, divinazione del futuro per la cooperazione di idee benefiche o malefiche.
IDEA: (dal greco IDEA) Significato: senso percettivo della vista interiore, della mente (Radice etim: dal latino – VID-EO = vedere - idolo) pensiero corrispettivo: Mente che fissa l’immagine manifestata dell’idea, avere una idea averla in mente. Idea: primo concepimento di un opera.
CONCEPIRE: (dal latino CON-CIPERE – CON mezzo con cui… CIPERE accogliere, prendere, contenere) Significato: far fecondare la mente, immaginare, ricevere.
RICEVERE: (dal latino RE-CIPERE, RE: dal passato CIPERE: PRENDERE) Significato: prendere quanto è offerto o mandato, accogliere, ricevere un pensiero = accogliere una idea che arriva dalla mente o da un bisogno del nostro corpo o essere.
BISOGNO: (dal latino BISONIUM) Significato: segnale naturale che spinge a cercare una necessità, una volontà e un desiderio appagante per il proprio fabbisogno materiale e spirituale.
Quindi abbiamo visto che il BISOGNO è un connettore tra questo circolo di “parole”, che non sono solo parole bensì, sono concetti e manifestazioni di pensieri. Sappiate che ognuno di voi conosce già quello che ho scritto, il problema è che la maggior parte di voi non si sofferma a pensare al reale potenziale di queste parole, ma pittosto si sofferma al significato superficiale, che apparentemente non dà valore alle vostre parole, ma la vostra coscienza e il vostro subconscio che sono abituati ad elaborare lo fanno. Quindi se mandate parole a caso o negazioni o accozzamenti di parole non etimologicamente in processo logico e giusto il nostro cervello fa un gran frullato e per la teoria del caos genera un risultato casuale, quindi non lamentatevi se poi vi accade qualcosa di assolutamente inaspettato. Ma vediamo ancora…
Secondo voi posso dire: DESIDERIO = RICEVERE? Vediamo:
Andiamo in sequenza ed ordine di successione delle parole trovate, mi sono limitato a cercare la parole che determinava il significato della parola precedente, sono partito dalla parola DESIDERIO perché come ho detto prima tutti abbiamo desideri ma non tutti li ottengono. Sarebbe come esprimere i desideri del Genio di Aladino, che nella versione originale non erano 3, ma non avevano fine. Infatti per le ricerche condotte da un illustro collega e amico il Dott. Bruce Lipton in EPIGENETICA i Geni fanno ciò che gli diciamo noi senza alcuna limitazione.

Luca Ceccotti ha detto...

PARTE 5°
MA VEDIAMO ADESSO LA SEQUENZA LETTERARIA DELLE PAROLE ANALIZZATE SOPRA
DESIDERIO – VOLONTA’- NECESSITA’ – SUCCESSO – AMARE – ELETTO – SCEGLIERE – CONSAPEVOLE – SAPERE – SENSAZIONE – CREDERE – DIMOSTRARE – IMMAGINARE – MAGIA – IDEA – CONCEPIRE – RICEVERE – BISOGNO – DESIDERIO.
Quindi mi sembra abbastanza chiaro che il raggiungimento di un desiderio è raggiungibile secondo un processo di pensiero e azione.
NOI SIAMO CIO’ CHE DECIDIAMO DI ESSERE
Molto spesso le persone vengono da me o mi scrivono dicendomi: desidero un lavoro, desidero un amore, desidero il successo. La prima cosa che rispondo è innanzi tutto sbagliano la formula della loro richiesta. Dire desidero questo o quello non serve a niente e non è un punto di partenza. Proviamo a capire se davvero sono folle oppure no! Il mondo cambia e noi con lui e dobbiamo riappropriarci del nostro sistema di pensiero divino. …Seguimi ancora per un po’, e ti svelo il segreto della vita.
Prendiamo in esame: DESIDERO LAVORARE
OK! Sul processo del desiderio ci siamo… vero? Benissimo andiamo avanti …
Analizziamo la parola LAVORO cercando di ripercorrere la storia di questa parola, la sua etimologia, ma soprattutto il significato che gli è stato attribuito nella storia.
LABORARE: questo è dal latino. Andiamo mooolto indietro nel tempo e cerchiamo questa parola nell’abraico antico. Infatti in ebraico antico la parola era così composta:
RABH-ATE = afferrare prendere, divenire padrone di… movimento dell’anima e poi del corpo. Successivamente la parola seguì una trasformazione, ma non c’è traccia di questa trasformazione sappiamo solo che la R si trasformò in L diventando così LABH-ATE sempre in ebraico e aramaico antico. Ci sono solo dei rilevamenti storici, che spiegano che da R si passò ad L come per identificare la (luce) da (LUC) coem per identificare un opera di luce … Poi da lì la parola acquisì subito questa trasformazione in latino LABORARE. Il suo significato è: volgere il desiderio, la volontà, l’amore, l’intenzione e l’opera per intraprendere, ottenere, impossessarsi. Infatti circa nel XIV secolo i Frati Francescani associano la parola lavoro a preghiera e infatti coniano il famoso detto “ ORA ET LABORA” ovvero prega e lavora. Da qui in poi il termine lavoro è stato sempre associato alla fatica, e nel comune quotidiano viene detto: se non duri fatica non lavori, questo è un detto che si usa un po’ in tutte le campagne d’Italia e non, mai sentito dire cosi: … lavora in ufficio … a allora non fa niente che cos’è un lavoro quello? ahahahah si o no? Si, si garantisco l’ho sentito moltissime volte. Ma ritorniamo alla frase dei Francescani, “ ORA ET LABORA” “PREGA E LAVORA” Attenzione! A quei tempi le preghiere erano dei dettami costruiti dalla chiesa, si dovevano attenere a quel regolamento altrimenti, eri considerato un eretico ecc… Tanto che io non lo sapevo i monaci di vari rami come i Francescani hanno un loro ordine e fin qui c’ero, ma ciò che non sapevo è che la chiesa intesa come vaticano , li costrinse a creare un proprio ordine poiché

Luca Ceccotti ha detto...

PARTE 6°
non in linea probabilmente con le scelte di ricchezza della chiesa stessa, … considerato che i Francescani sono umili servitori dello spirito, certo non potevano mescolarsi con chi di umiltà e spiritualità, non sapeva neppure dove stesse di casa. Ma passiamo oltre … Facciamo un analisi su questo detto, e cerchiamo le connessioni su cui si fonda il mio principio, ovvero: NO! DESIDERO UN LAVORO, ma LAVORO PER DESIDERARE. Può sembrare banale ma in questo semplice concetto di inversione di parole c’è il segreto del successo personale.
Analizziamo:
ORA: (dal latino PREGA) Imperativo!
PREGHIERA: significato - Atto di raccomandazione, chiedere con un umiltà e insistenza. Prego per ottenere una realizzazione di un qualsiasi desiderio.
CHIEDERE UN DESIDERIO
CHIEDERE: dal latino QUAERERE QUAES-ERE
Dissimiliamo QUAES - ERE
QUAES : ricerca di amore – richiesta di un bisogno desiderio
ERE: volere, bisogno, appartenere, richiesta di un bisogno o desiderio
A chi devo chiede? In preghiera ci hanno insegnato a chiedere ad un dio che è fuori di noi a qualcuno da venerare e che ci giudica e chi sbaglia soffrirà le pene dell’inferno …. Ma andate a … va bè! Continuiamo ad essere professionali.
Quindi prego DIO , ok vediamo!
DIO: ( dal latino DEUS) ( dal greco THEOS o THYO). Significato: essere supremo e splendente in cui dimora la fantasia umana.
FANTASIA: (dal greco PHANTASIA). Significato: potenza immaginativa dell’anima, pensiero, immagine, invenzione.
Per i popoli Egizi, Sumeri e Greci, la parola “ FANTASIA” ha sempre avuto un significato divino. Mentre nei testi che succedono queste epoche, ovvero i testi sacri del cristianesimo, la fantasia è sempre stata descritta come forma demoniaca, infatti la corrispondenza di FANTASIA nei testi sacri è così descritta: per finta immagine del demonio, di cose e spettri, inganno del demonio. Riflessione mia personale: perché se la fantasia era una cosa bella per i popoli che ci hanno tramandato la cultura e scienza e devo spirito e ricerca scientifica era tutt’uno, questi del vaticano e chiese moderne ci vogliono e ci hanno voluto insegnare che la fantasia è demoniaca?
Andiamo avanti … a voi le riflessioni.
ANIMA: ( dal latino ANEMUS forma maschile – ANIMA forma femminile) (dal greco ANEMOS che vuol dire anche vento o qualcosa di intangibile poiché non si può toccare, esattamente come il

Luca Ceccotti ha detto...

PARTE 8°

bisogno di acqua. Ohhhhh! Si esattamente così. Ma perché allora non accade sempre? Io chiedo a me stesso di voler migliorare, ma pero………..! Bè se non funziona è perché avete sbagliato a chiedere o non eravate consapevoli di determinati processi. Quando chiedete, non limitatevi a chiedere e basta, ripercorrete l’esempio del vostro corpo nella richiesta di acqua, il cervello esaudisce il pensiero perché sente percepisce il bisogno, se alla vostra mente suprema non fate così lei non potrà darvi ciò che volete, quindi dovrete immedesimarvi e vivere le emozioni come se quel successo l’aveste già ottenuto. Ecco che la Mente Suprema vi darà ciò che vi serve… Semplice! … una volta capito…. Ahahah ahahahah!
Buona Vita a tutti!
Luca ceccotti
Ps: ho messo questa mia ricerca, riflessione, lavoro, a disposizione di tutti perché alcuni che vogliono continuare a rimare ancorati per forza a determinate credenze mi fanno pena, ma ne senso più civile e democratico dico “pena” PERCHE’ SE C’E’ QUALCUNO COME: I TRISTI, I LAMENTOSI E I PESSIMISTI HANNO UN CONCETTO DELLA REALTA’ PARI ALLE LORO IDEE RISTRETTE, QUINDI HANNO UNA VITA MISERA E FATTA DI ORDINI E SOTTOMISSIONE.

Translate