Cerca nel blog

"Giornalismo è diffondere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è propaganda"

martedì 4 gennaio 2011

Aut Aut




Via dalla logica duale di Caino o Abele, nero o bianco, bene o male. La nostra mente concepisce numerosissime possibilità differenti, la nostra creatività ci suggerisce infiniti diversivi. Numerosi blog hanno giustamente sottolineato la costrizione mentale rappresentata dall’ultima pubblicità sul nucleare (1), rappresentata da due giocatori di scacchi che sono poi la stessa persona, intenti a ragionare sul nucleare si oppure no. Il binario duale già tracciato all’interno del quale dovrebbe viaggiare il nostro pensiero ‘libero’ è stato predisposto ed a noi, per comodità, basterà solo percorrerlo ben attenti a non uscirne mai! Destra e Sinistra, maggioranza od opposizione…ma a che cosa? Marchionne si, oppure no…altro non è dato. La dualità preconfezionata è un’astuta trappola in cui cadiamo volentieri per comodità e pigrizia ma quanto ci costa! L’esclusione dalle infinite possibilità diverse, ricche e creative ben percorribili. Non poco, vero? Non dobbiamo immaginare, è molto pericoloso. La fantasia deve essere bandita da questo mondo tramite la contrapposizione duale. Israeliani o palestinesi, cristiani o mussulmani. Mentre il problema viaggia altrove in contesti diversi e lontani. Roma o Lazio, federalismo si oppure no. La terza opzione è data solo alle e dalle elite. La terza possibilità è appannaggio delle elite ma noi non possiamo accedervi né conoscerla. Guerra si o no, fascisti o comunisti, conservatori o laburisti, immigrati o clandestini. Spingere o non spingere quel bottone…anche le nostre interfacce tecnologiche ci tradiscono! E’ evidente che ci troviamo dentro trappole semantiche utili solo a chi le gestisce entrambe facendo poi altro. Crediamo infatti di operare scelte, occupati nel pensiero in ciò, mentre il mondo procede altrimenti a nostra insaputa. Sul nucleare per esempio i giochi sono già stati fatti, le scelte a monte già prese, lontano e ben oltre da noi.  


fonte: freeskies

Nessun commento:

Translate