Cerca nel blog

"Giornalismo è diffondere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è propaganda"

mercoledì 20 aprile 2011

Arriva a Roma la salma di Arrigoni

20 aprile 2011
ROMA - E’ previsto per le 19.50 di mercoledì stasera l’arrivo a Fiumicino della salma di Vittorio Arrigoni, l’attivista filo-palestinese di Ism ucciso dai suoi sequestratori poche ore dopo aver lanciato l’ultimatum. Il suo ritorno in Italia avverrà a poche ore dalla morte dei suoi rapitori: due componenti del commando che giovedì scorso aveva rapito Vittorio, infatti, sono rimasti uccisi durante lo scontro con le milizie di Hamas, mentre l’altro, il “giordano”, si è fatto esplodere per sfuggire alla cattura. Lunedì all’ospedale italiano de Il Cairo è stata allestita la camera ardente, poi nel pomeriggio la salma di Arrigoni ha lasciato la camera ardente mentre circa duecento persone hanno partecipato ieri sera a una fiaccolata davanti all’ambasciata italiana de Il Cairo in memoria di Vittorio.

FIACCOLATA - La salma arriverà alle 19.50 all'aeroporto di Fiumicino, al terminal Cargo City situato in piazza Caduti italiani di Bosnia del 1992. Da lì sarà trasferito all'Ospedale Umberto I presso il reparto di Medicina Legale, in via Cesare de Lollis a S. Lorenzo. Gli amici di Arrigoni si sono adti appuntamenti a Fiumicino per accoglierlo con kefiah, bandiere e cartelli. A partire dalle 21 invece, e per tutta la notte di giovedì ci sarà una fiaccolata al piazzale del Verano, di fronte all'ospedale Umberto I. La data dei funerali, che si svolgeranno a Bulgiago in provincia di Lecco, è stata fissata per domenica 24 alle 16.30.

2 commenti:

badghir ha detto...

"A quanto pare nessun rappresentante delle istituzioni si è fatto vivo. Neanche il tanto lodato Presidente della repubblica. Vittorio non era un mercenario, non era un soldato, non era un esaltato violento, ergo, nessun tributo, nessun onore solenne, niente bandiera a mezz’asta. Non so se indignarmi per l’incredibile mancanza governativa e per il servilismo filosionista dimostrato, o se ridermela, in fondo Vik non apparteneva a questo nostro stato schiavo, e lor signori per lo meno non hanno avuto la tostissima faccia di presentarsi dinanzi la bara di un vero Uomo."
http://www.oltrelacoltre.com/?p=10198#

dove c'è anche un video recente di Vik al cimitero di Gaza.

puntozero ha detto...

@badghir

Questa è sindrome del diavolo e l'acqua santa. I santi oggi vengono visti come criminali, e i criminali come santi...
GRAZIE PER IL LINK

Translate