Cerca nel blog

"Giornalismo è diffondere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è propaganda"

lunedì 9 maggio 2011

Meno incidenti aerei ma più irrorazioni


Secondo questa "curiosa" immagine il 90% degli aerei che vediamo nei nostri cieli rilascerebbero una scia, come se le scie degli aerei fosseor una cosa normale.

A chi vogliamo prendere in giro? Una volta chi vedeva una scia nel cielo esprimeva un desiderio, come si fa in occasione dell'avvistamento di una "stella cadente" (o metorite). Ciò indica che il fenomeno doveva essere raro e durare per poco tempo, altrimenti la scia l'avrebbero avvistata centinaia di persone tutte assieme e non ci sarebbe stato niente di eccezionale da associare all'espressione di un desiderio.

Chiedete a chi è più anziano di voi e ricordate che il traffico aereo è circa raddoppiato nel giro di 20 anni (controllate sul sito assoaeroporti.it), e che il doppio di un fenomeno raro ed effimero è ancora una volta un fenomeno (un pochino meno) raro e sempre effimero.

Ci vogliono abituare con pubblicità subliminali a credere che sia tutto normale ciò che vediamo nel cielo, ma fino a qualche anno fa le scie si vedevano molto ma molto rararamente e duravano un paio di minuti.

Quelle che si vedono in quella orrida immagine non sono "normali scie di condensa", ma "aerei che spruzzano", ovvero scie chimiche.


Nessun commento:

Translate