Cerca nel blog

"Giornalismo è diffondere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è propaganda"

sabato 12 novembre 2011

GENETICA: UN ANTENATO COMUNE DIETRO GLI INDIVIDUI CON GLI OCCHI AZZURRI

Le persone con gli occhi azzurri avrebbero un solo comune antenato, secondo una nuova ricerca. Un gruppo di scienziati ha ripercorso a ritroso nel tempo la mutazione genetica che conduce agli occhi azzurri. La mutazione occorse tra 6, 000 e 10, 000 anni or sono. Prima di allora, non vi erano occhi azzurri. "Originariamente, avevamo tutti gli occhi marroni" ha dichiarato Hans Eiberg del Dipartimento di Medicina Molecolare e Cellulare all´Università di Copenaghen.La mutazione riguardò il cosiddetto gene OCA2, responsabile della produzione di melanina, il pigmento che dà colore a occhi, capelli e pelle.
"Una mutazione generica riguardante il gene OCA2 nei nostri cromosomi portò alla formazione di un interruttore, che letteralmente interruppe l´abilità di produrre occhi marroni" ha spiegato Eiberg.
L´interruttore genetico è situato nel gene adiacente all´OCA2 e piuttosto che disabilitare completamente il gene, l´interruttore limita la sua azione, che riduce la produzione di melanina nell´iride. In effetti, la limitazione della sua azione genera la diluizione degli occhi marroni in blu. Se il gene OCA2 fosse stato completamente disattivato, i nostri capelli, occhi e pelle sarebbero stati privi di melanina, una condizione nota come albinismo.
Eiberg ed il suo team hanno esaminato il DNA mitocondriale - la struttura produttrice di energia per le cellule - di individui dagli occhi azzurri in paesi comprendenti la Giordania, la Danimarca e la Turchia. Questo materiale genetico proviene da soggetti femminili, così da poter rintracciare la linea materna. Hanno osservato specificamente le sequenze di DNA sul gene OCA2 e la mutazione genetica associata con la diminuzione della produzione di melanina. Nel corso di varie generazioni, segmenti di DNA degli antenati venivano mischiati così che gli individui recavano varie sequenze. Alcuni di questi segmenti, ad ogni modo, non erano stati rimessi in circolo e sono chiamati aplotipi. Se un gruppo di individui condivide lunghi aplotipi, ciò significa che la sequenza si formò per la prima volta in tempi relativamente recenti nei nostri antenati umani. La sequenza di DNA non avrebbe avuto abbastanza tempo per essere combinata. "Quel che abbiamo avuto modo di notare così è che le persone che hanno occhi blu in Danimarca, come in Giordania, hanno tutte lo stesso aplotipo, ed il mutamento nello stesso gene, e sono tutti collegati alla mutazione originale che condusse agli occhi azzurri.
La mutazione è ciò che regola l´interruttore dell´OCA2 per la produzione di melanina. A seconda della quantità di melanina nell´iride, una persona può avere gli occhi di un colore che spazia dal marrone al verde. Individui con occhi marroni hanno variazioni individuali considerevoli nell´area del loro DNA che controlla la produzione di melanina. Ma hanno scoperto che gli individui con occhi blu hanno solo un piccolo livello di variazione nell´ammontare di melanina nei loro occhi.
"Dai risultati del modello di 800 esaminati, possiamo concludere che le persone con occhi azzurri abbiano un antenato comune" spiega ancora Eiberg. "Hanno ereditato lo stesso interruttore nello stesso punto esatto del loro DNA." Questo interruttore genetico si diffuse poi in Europa e in seguito in altre parti del mondo.
La domanda vera è: "Come siamo passati da zero abitanti della terra con occhi azzurri 10, 000 anni or sono, ad circa il 20-40% di Europei con gli occhi azzurri di oggi? Gli studiosi rispondono che il gene produce conseguenze positive per le persone che lo hanno. Fa sì che abbiano più figli.
link correlato: www.express-news.it

Nessun commento:

Translate