Cerca nel blog

"Giornalismo è diffondere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è propaganda"

giovedì 31 marzo 2011

Spot Dior (scie chimiche subliminali)

Questo spot pubblicitario è uscito in Francia nel settembre 2010, guardate gli screenshot e ditemi se quelle non sono scie chimiche...

 sulla sinistra della Torre Eiffel

sulla destra della Torre Eiffel




se ti piace la notizia CLICCA SU OK, oppure No - Grazie! !

Puoi votare altri articoli anche in questa pagina.

mercoledì 30 marzo 2011

Nube radioattiva: dobbiamo usare lo iodio?

tratto da: www.laleva.org




di Roberto Gava



Come ho scritto in un mio recente articolo (Ripercussioni sanitarie in caso di disastro nucleare), anche se dicono che la nube radioattiva giapponese è giunta oggi (23 marzo 2011) sopra il nostro Paese, non credo che ci siano dei reali pericoli per noi e, in modo particolare, per i nostri figli.
Nel suddetto articolo, infatti, avevo spiegato che i bambini, specie quelli molto piccoli, sono particolarmente a rischio di danni tiroidei quando nell’ambiente (aria, acqua e/o cibo) sono presenti in concentrazione eccessiva dei composti radioattivi di un isotopo dello iodio (mi riferisco specificatamente allo iodio-131).
Riflettendo comunque su questa nostra società sempre più inquinata e squilibrata sotto tutti i punti di vista (non mi riferisco solo all’ambiente in cui viviamo e cioè agli squilibri esterni a noi, ma mi riferisco pure agli squilibri interni a noi che coinvolgono tutto il nostro sistema psiconeuroendocrinoimmunologico [PNEI] e, purtroppo, paiono interessare anche i nostri figli più piccoli), ho pensato che non si può escludere che anche basse concentrazioni di sostanze radioattive alterino degli equilibri endocrini già instabili o debolmente stabili dando il via a reazioni patologiche in alcuni particolari soggetti (anche se considero questa evenienza molto rara).
Ho pensato allora di scrivere questo secondo articolo per fornire dei consigli pratici aggiuntivi e più specifici di quelli inseriti nell’articolo precedente.
Per iniziare, dividerei le persone teoricamente fruitrici di questi consigli in 3 gruppi:
1) Persone a basso rischio di essere danneggiate dalle sostanze radioattive.
2) Persone a medio rischio di essere danneggiate dallo iodio radioattivo.
3) Persone ad alto rischio di essere danneggiate dallo iodio e da altre sostanze radioattive.

Come si può vedere da questo tipo di raggruppamento, ho differenziato il rischio di danno da iodio radioattivo da quello fornito dall’associazione tra iodio e anche altri isotopi radioattivi (mi riferisco in particolare al cesio e altri composti meno frequenti ma a molto più lunga emivita).
È palese che tutti questi consigli sono generici e che vanno sempre sottoposti al vaglio del medico che segue la persona. In particolare, chi può essere seguito da un medico omeopata, deve chiedere il suo permesso prima di assumere i sottostanti rimedi omeopatici, affinché questi ultimi non contrastino con un’eventuale terapia omeopatica in atto. Ricordo infine che, per quanto riguarda l’omeopatia, la terapia più importante non è quella sottostante (che non può essere ovviamente personalizzata), ma è rappresentata dall’assunzione del “simillimum”.
A parte questo distunguo, per tutti gli altri casi possono essere utili i sottostanti consigli.

GRUPPO 1 - Persone a basso rischio di essere danneggiate dalle sostanze radioattive
Questo gruppo, che a mio avviso ingloba la quasi totalità delle persone del nostro Paese, è formato essenzialmente dai seguenti soggetti:
- persone verosimilmente sane;
- persone che in passato non hanno mai avuto disturbi alla tiroide;
- persone che seguono un’alimentazione sana e una sana igiene di vita (cfr tre miei libri: Verso una nuova Medicina e; L’Uomo, la Malattia e il suo Trattamento - Vol. III e L’Uomo, la Malattia e il suo Trattamento - Vol. IV);
- persone che non si recheranno a breve termine in Giappone o nei Paesi limitrofi.
A questi soggetti non consiglio alcun trattamento specifico di prevenzione dei danni da sostanze radioattive relative al disastro nucleare giapponese, perché quest’ultimo è considerato alcune migliaia di volte meno pericoloso per la nostra salute del disastro di Chernobyl (molto più potente e territorialmente vicino a noi).
Se proprio qualcuno desidera a tutti i costi assumere qualcosa, consiglierei un trattamento omeopatico di questo tipo:
- se il soggetto è una persona calorosa, vigorosa e piena di energia: Sulphur jodatum 9ch – 5 gocce a giorni alterni, a stomaco vuoto, dopo aver agitato bene il flacone, per circa 15 giorni;
- se il soggetto è invece più debole, stanco e specialmente se ha talvolta qualche dolore osteoarticolare e beneficia del calore esterno: Radium bromatum 9ch – 5 gocce a giorni alterni, a stomaco vuoto, dopo aver agitato bene il flacone, per circa 15-20 giorni.

GRUPPO 2 - Persone a medio rischio di essere danneggiate dallo iodio radioattivo
A questo gruppo appartengono essenzialmente:
- persone affette da patologie croniche, specialmente a carico della tiroide, dell’ipofisi o comunque patologie di tipo endocrinologico;
- bambini piccoli, specialmente sotto i 6 anni di età e in modo particolare se sono deboli e presentano frequenti patologie infettive o che coinvolgono anche gli altri rami del sistema immunitario (patologie allergiche e/o autoimunitarie);
- bambini ritenuti sani ma che hanno una costituzione fisica debole, mangiano poco e presentano linfonodi del collo, adenoidi e/o tonsille ingrossate;
- persone che hanno un’alimentazione poco sana e una non buona igiene di vita.

A tali soggetti consiglio:
Bambini di 0-3 anni: Ioduro di Potassio in soluzione acquosa 50% - 1 goccia/die per soli 4 giorni e Radium bromatum 9ch – 3 gocce lunedì e giovedì, a stomaco vuoto (dopo aver agitato bene il flacone), per 4 settimane.
Bambini di 4-7 anni: Ioduro di Potassio in soluzione acquosa 50% - 2 gocce/die per soli 4 giorni e Radium bromatum 9ch – 3 gocce lunedì e giovedì, a stomaco vuoto (dopo aver agitato bene il flacone), per 4 settimane.
Bambini di 8-12 anni: Ioduro di Potassio in soluzione acquosa 50% - 2 gocce mattina e sera per soli 4 giorni e Radium bromatum 9ch – 4 gocce lunedì e giovedì, a stomaco vuoto (dopo aver agitato bene il flacone), per 4 settimane.
Ragazzi di 13-18 anni: Ioduro di Potassio in soluzione acquosa 50% - 3 gocce mattina e sera per soli 4 giorni e Radium bromatum 9ch – 4 gocce lunedì, mercoledì e venerdì, a stomaco vuoto (dopo aver agitato bene il flacone), per 4 settimane.
Adulti: Soluzione di Lugol Forte (al 5%) - 5 gocce 3 volte al giorno per soli 4 giorni e Radium bromatum 9ch – 5 gocce lunedì, mercoledì e venerdì, a stomaco vuoto (dopo aver agitato bene il flacone), per 4 settimane.
Gruppo2

GRUPPO 3 - Persone ad alto rischio di essere danneggiate dallo iodio e da altre sostanze radioattive
A questo gruppo appartengono tutte le persone (ma specialmente quelle del Gruppo 2) ma che hanno l’aggravante di doversi recare in Giappone o nei Paesi limitrofi per un breve periodo o di trovarsi in quelle zone oppure di trovarsi in condizioni di essere contaminate dallo iodio-131 (in tutti questi casi, comunque, raccomando che il trattamento sottostante venga associato ad una adeguata visita medica, meglio se di tipo omeopatico).

A tali soggetti consiglio:
Bambini di 0-3 anni: Ioduro di Potassio in soluzione acquosa 50% - 1 goccia/die per 4 giorni (da ripetere dopo una pausa di 15 giorni), con Radium bromatum 9ch – 3 gocce lunedì e giovedì, a stomaco vuoto (dopo aver agitato bene il flacone), per 4 settimane e con X-ray 30ch – 3 gocce il sabato, a stomaco vuoto (dopo aver agitato bene il flacone), per circa 8 settimane.
- Bambini di 4-7 anni: Ioduro di Potassio in soluzione acquosa 50% - 2 gocce/die per 4 giorni (da ripetere dopo una pausa di 15 giorni), con Radium bromatum 9ch – 3 gocce lunedì e giovedì, a stomaco vuoto (dopo aver agitato bene il flacone), per 4 settimane e con X-ray 30ch – 3 gocce il sabato, a stomaco vuoto (dopo aver agitato bene il flacone), per circa 8 settimane.
Bambini di 8-12 anni: Ioduro di Potassio in soluzione acquosa 50% - 2 gocce mattina e sera per 4 giorni (da ripetere dopo una pausa di 10 giorni), con Radium bromatum 9ch – 4 gocce lunedì e giovedì, a stomaco vuoto (dopo aver agitato bene il flacone), per 4 settimane e con X-ray 30ch – 4 gocce il sabato, a stomaco vuoto (dopo aver agitato bene il flacone), per circa 8 settimane.
Ragazzi di 13-18 anni: Ioduro di Potassio in soluzione acquosa 50% - 3 gocce mattina e sera per 4 giorni (da ripetere dopo una pausa di 10 giorni), con Radium bromatum 9ch – 4 gocce lunedì, mercoledì e venerdì, a stomaco vuoto (dopo aver agitato bene il flacone), per 4 settimane e con X-ray 30ch – 4 gocce il sabato, a stomaco vuoto (dopo aver agitato bene il flacone), per circa 8 settimane.
Adulti: Soluzione di Lugol Forte (al 5%) - 5 gocce 3 volte al giorno per 4 giorni (da ripetere dopo una pausa di 10 giorni), con Radium bromatum 9ch – 5 gocce lunedì, mercoledì e venerdì, a stomaco vuoto (dopo aver agitato bene il flacone), per 4 settimane e con X-ray 30ch – 5 gocce il sabato, a stomaco vuoto (dopo aver agitato bene il flacone), per circa 8 settimane.

Gruppo 3
Ai bambini ho preferito sostituire la Soluzione di Lugol Forte al 5% con la soluzione acquosa al 50% di Ioduro di Potassio, perché quest’ultima è più diluita e quindi più facilmente dosabile.

Fonte: Informasalus
Bibliografia:
- Gava R. Verso una nuova Medicina. Edizioni Salus Infirmorum, Padova, 3a ed., 2009.
- Vermeulen F. Materia Medica Sinottica - 1° vol. Edizioni Salus Infirmorum, Padova, 2007
- Vermeulen F. Materia Medica Sinottica - 2° vol. Edizioni Salus Infirmorum, Padova, 2007Gruppu 3

Cavie da laboratorio


Mesi fa vidi una intervista di un professore di una prestigiosa università italiana. Si parlava di metodiche di guarigione, sul DNA e sui fotoni. In quel caso si faceva notare l'esito positivo di un esperimento di guarigione sui dei "simpatici topolini". Praticamente secondo questa SCIENZA MARCIA, l'italiano imbecille (il professore) dopo aver iniettato una sostanza tossica nei topi ha compreso che il DNA funziona come una antenna e che la luce (i fotoni) possono essere "sparati" a distanza come mezzo di guarigione.

La scienza marcia...usa la morte per comprendere la vita. 


se ti piace la notizia CLICCA SU OK, oppure No - Grazie! !

Puoi votare altri articoli anche in questa pagina.

lunedì 28 marzo 2011

Controllo totale della popolazione (Part 1)


Da alcuni decenni a questa parte , nessun progetto militare ha accentrato su di sé l’interesse di tutto il mondo come il progetto HAARP ( High Frequency Active Auroral Research Program ). Il progetto HAARP si sta attuando in tutto il pianeta , ma la prima installazione di questa array di antenne fu realizzata nella località di Gakona, una sperduta regione situata in Alaska.E’ evidente che il clima del nostro pianeta sta subendo delle radicali trasformazioni. Apparentemente il legame fra cambiamenti climatici e radiazioni elettromagnetiche non e’ immediatamente evidente ne’ intuitivo. Per cercare di comprendere perche’ il progetto HAARP è una delle armi potenzialmente più distruttive che l’uomo possa avere mai concepito e’ necessario introdurre dei personaggi scomodi per la scienza ufficiale come Schumann e Nikola Tesla.
Tesla in particolare fu uno degli scienziati più geniali dello scorso secolo, ma il suo genio fu ben poco riconosciuto dalla scienza ufficiale, egli si interessò molto dello studio dell’elettricità e comprese il legame di natura elettrica che esiste fra la ionosfera e il suolo terrestre. Le sue scoperte furono immediatamente tenute nascoste, e sviluppate segretamente. L’HAARP da molti e’ considerato un progetto militare che discende direttamente dagli studi sulle correnti elettriche terrestri presenti negli strati piu’ alti dell’atmosfera terrestre. Ma modificare il tempo sarebbe solo una delle potenzialità dell’HAARP, un’altra capacità di questo sistema di irraggiamento e’ il controllo della mente che può avvenire in maniera totalmente inconsapevole da parte delle popolazioni sotto controllo.
La terra è avvolta in una ciambella circolare di campo magnetico. Le linee circolari del flusso magnetico discendono continuamente nel Polo Nord e emergono dal Polo Sud. La ionosfera, un conduttore d’onda elettromagnetica, 100 km sopra la terra, è costituita da uno strato di particelle elettricamente cariche che agiscono come scudo dal vento solare.
Frequenza di risonanza della Terra
Delle onde naturali sono create dall’attività elettrica nell’atmosfera. Collettivamente queste onde sono chiamate “La Risonanza di Schumann”, o l’ onda em più intensa di frequenza 7.8hz . Sono onde semi permanenti, a frequenza estremamente bassa (ELF) che esistono naturalmente nella cavità elettromagnetica della terra, ovvero lo spazio tra la terra e la ionosfera. Queste onde cerebrali della terra risuonano con le onde theta del cervello umano che hanno un range compreso tra i 4 e i 7.9 hz .
HAARP
Il Creatore ha progettato gli esseri viventi per risuonare alla naturale frequenza di Risonanza di Schumann per evolversi naturalmente. La ionosfera stando alle teorie della cospirazione sarebbe manipolata dagli scienziati del governo americano utilizzando il trasmettitore chiamato HAARP (High-Frequency Active Auroral Research Program) che invia potenza irradiata sottoforma di onde elettromagnetiche concentrate per riscaldare le sezioni della ionosfera, le onde riflesse rimbalzano potenza verso il basso. Le onde ELF prodotte dall’HAARP, quando indirizzate verso aree selezionate, possono influenzare il tempo e creare cambiamenti di umore che affliggono milioni di persone. La potenza prevista è 1.700 miliardi di watt .
Onde geomagnetiche e GWEN
Sessantaquattro elementi modulano , le onde geomagnetiche sotterranee naturali che fluiscono all’interno del mantello terrestre. Il ritmo del cervello naturale della terra citato sopra è bilanciato con queste onde sotterranee . All’interno del mantello roccioso si trovano gli stessi minerali che si trovano nei globuli rossi. C’è una relazione tra il sangue e le onde geomagnetiche. Uno squilibrio tra le onde di Schumann e le onde geomagnetiche disturba i bioritmi. Queste onde geomagnetiche naturali sono state sostituite con onde a bassa frequenza create artificialmente (LF) provenienti dalle torri del Gwen.
I trasmettitori GWEN (Ground Wave Emergency Network) posizionati a distanza di 200 miglia in tutti gli Stati Uniti fanno sì che specifiche frequenze si adeguino alla forza del campo geomagnetico in ciascuna area, permettendo così che il campo geomagnetico venga alterato. Operano nella gamma di LF, con trasmissioni tra LF 150 e 175 KHz. *
* Il range delle low freq e’ dai 30khz ai 300 khz , il range fra 150khz e 175 khz e’ compreso nella fascia MF medium freq
Inoltre emettono onde dalla gamma del più alto VHF al più basso UHF di 225-400 MHz. I segnali LF viaggiano dalle onde che abbracciano la terra piuttosto che irradiarsi nell’atmosfera. Una stazione GWEN trasmette in un circolo di 360 gradi fino a 300 miglia, dato che il segnale cade bruscamente con la distanza. L’intero sistema GWEN (a seconda della fonte dei dati) consiste dai 58 ai 300 trasmettitori sparsi in tutti gli Stati Uniti, ciascuno con una torre di 299-500 m di altezza, 300 piedi di fili di rame che agisce come un sottile filo conduttore, che irradia energia delle onde radio per lunghe distanze attraverso il terreno.
Gli Stati Uniti sono immersi in questo campo magnetico che può sorgere da terra fino a 500 m, ma scende negli scantinati, in modo che tutti possono essere influenzati e controllati mentalmente.
L’intera onda artificiale si estende per tutti gli Stati Uniti come una ragnatela. É più facile controllare la mente e ipnotizzare le persone che sono immerse in un’onda artificiale elettromagnetica.


qui la seconda parte:  
http://ilsole24h.blogspot.com/2011/04/controllo-totale-della-popolazione-part.html

La catastrofe nucleare del Giappone prevista in un articolo del 2004, ben 7 anni fa


Qui di seguito un riassunto ed alcuni stralci tradotti dall'articolo Japan's deadly game of nuclear roulette, scritto da Leuren Moret, e pubblicato il 23 maggio 2004 sull'edizione on line del giornale Japan Times.

Si tratta di un articolo scritto quasi esattamente 7 anni fa in cui si prevedeva con assoluta certezza che ci sarebbe stato presto o tardi una disastrosa perdita radioattiva causata da un forte terremoto in Giappone, dal momento che le centrali nucleari sono situate in una delle zone più sismiche del pianeta. Per altro in Giappone un forte terremoto è generalmente seguito da uno tsunami, cosa che renderebbe obbligatorie per le centrali nucleari delle misure di sicurezza aggiuntive per fronteggiare catastrofi causate dall'associazione di un forte terremoto con lo tsunami.

Già sette anni fa si sapeva che prima o poi sarebbe successo, e questo articolo ne è la prova, ed evidentemente anche il governo giapponese sapeva cosa stava facendo, ma ha messo intenzionalmente in pericolo la salute dei propri cittadini e del resto del mondo. Per altro le centrali nucleari non hanno niente di vantaggioso economicamente dato che al costo di costruzione e gestione va aggiunto quello di smantellamento dopo circa 30 anni di esercizio e quello di smaltimento delle scorie nucleari. Come possiamo credere che il governo giapponese, gli ingegneri ed i tecnici che hanno costruito quegli impianti siano stati così miopi da non rendersi conto che stavano letteralmente costruendo delle bombe nucleari ad orologeria sul suolo della propria nazione?


Il gioco della roulette nucleare giapponese

Il Giappone è uno dei peggiori siti al mondo ove costruire una centrale nucleare. L'arcipelago giapponese è collocato su una linea dove vi sono molti vulcani attivi e forte attività tettonica. Il Giappone si trova al di sopra di quattro placche tettoniche, sul bordo della zona di subduzione, in una delle zone del pianeta ove i terremoti sono più frequenti e più forti.
L'origine dell'arcipelago Giapponese, dei suoi monti e dei suoi vulcani è legato alle forti pressioni che si sviluppano dallo scontro tra placche le placche.
Nonostante questo il Giappone ha deciso di ricorrere in maniera intensiva alle centrali nucleari: 52 centrali nucleari che generano poco più del 30% dell'energia elettrica utilizzata in quella nazione, la maggior parte di esse in una fascia lunga 150 km e quasi tutti costruiti lungo la costa dove è disponibile l'acqua del mare 
per raffreddarle.
Molti di questi impianti sono stati costruiti su faglie attive, particolarmente nella zona di subduzione lungo la costa pacifica, dove si verificano spesso terremoti di magnitudo 7-8 della scala Richter o a volte anche più forti. La periodicità dei terremoti di maggiore violenza in Giappone  è meno di 10 anni. Il Giappone, al terzo posto nel mondo per numero di centrali nucleari, è uno dei peggiori posti dove costruirle.
"Penso che la situazione adesso sia molto allarmante" afferma Katsuhiko Ishibashi, un sismologo docente dell'università di Kobe. "E' come un terrorista kamikaze ricoperto di bombe che aspetta di esplodere."

Quando sono andata in Giappone e ho fatto dei sopralluoghi in prossimità delle centrali, ho visto molti giornalisti alle mie conferenze stampa, che venivano anche da città molto lontane per ascoltare una geologa americana; essi mi hanno detto che nessuno straniero era mai venuto a dire loro quanto fossero pericolose le centrali nucleari.

Quando ho presentato le prove geologiche dell'estrema pericolosità della centrale nucleare di Hamaoka, i giornalisti rimasero shockati. La mappa aerea della stessa Chubu Electric Company assieme ad il permesso governativo per costruire e gestire la centrale, mostrava le più importanti faglie che attraversavano Hamaoka, e [la mappa] rivelava che l'azienda riconosceva il pericolo di un terremoto. Avevano piazzato ogni reattore in maniera molto precisa tra le linee di faglia più importanti.

"Le strutture della centrale nucleare sono piantate nella roccia e possono tollerare un terremoto di magnitudo 8.5 della scala Richter" viene affermato ufficialmente, ma quando ho raccolto campioni di quelle rocce mi si sono sgretolati tra le mani.

 "Ma la compagnia elettrica ci ha detto che erano rocce solide!" hanno detto i giornalisti.

Il 7 luglio dello scorso anno, lo stesso giorno della mia visita ad Hamaoka, Ishibashi mise in guardia sul pericolo di un disastro nucleare indotto da un terremoto, pericoloso non solo per il Giappone, ma per il pianeta, ad una conferenza Internazionale di Geodesia e Geofisica tenuta a Sapporo. Lei ha affermato: "I progetti degli impianti nucleari dal punto di vista sismico sono basati su standard troppo vecchi dal punto di vista della moderna sismologia e sono insufficienti. Le autorità devono ammettere la possibilità che un disastro nucleare indotto da terremoto potrebbe avvenire e soppesare obiettivamente tale rischio."
 
Dopo avere visitato il Giappone mi sono resa conto che esso non ha nessun reale piano  di emergenza per fronteggiare il caso in cui un terremoto danneggi il sistema di raffreddamento ad acqua del reattore ed inneschi la fusione del reattore.
Inoltre, cosa nemmeno menzionata nei documenti ufficiali, c'è l'estremo pericolo che un terremoto causi una perdita dell'acqua refrigerante nelle piscine dove sono tenute le barre di combustibile nucleare esaurito. Come riportato lo scorso anno dal giornale Science and Global Security, basato su uno studio del 2001 study della Nuclear Regulatory Commissionn degli Stati Uniti, se viene compromessa seriamente la regolazione della temperature di queste piscine - ad esempio a causa della fuoriuscita dell'acqua - e le sbarre di riscaldano abbastanza da arrivare alla combustione, la radiattività che esse contengono verrà rilasciata nell'atmosfera. Questo puà creare un disastro nucleare anche peggiore di quello di Chernobyl.

In caso di disastro nucleare i lavoratori della centrale di Hamaoka avrebbero a disposizione delle doccette per decontaminare il personale ma sono mezzi inutili in caso di operatori della centrale stessa che hanno inalato i prodotti radioattivi.
Yoichi Kikuchi, un ingegnere nucleare giapponese che anche lui è diventato un whistle-blower [una persona che ha rivelato dei segreti detenuti da aziende o governi], mi ha riferito personalmente di molti problemi di sicurezza nei reattori nucleari giapponesi, come incrinature nelle condutture del sistema di raffreddamento a causa di vibrazioni nel reattore. Egli afferma che le compagnie elettriche sono impegnate in un pericoloso gioco per aumentare il profitto a dispetto della sicurezza.

Sugaoka conferma affermando che inoltre le centrali sono vecchie con deterioramenti delle condutture e delle giunture che sono esposte a forti temperature e forti radiazioni.
Non è questione di chiedersi se un disasatro nucleare avverrà in Giappone, è questione di chiedersi quando avverrà.
Il Giappone diventerà una nazione che soffre di malattie da radiazioni che distruggerà le future generazioni e ci sarà una diffusa contaminazione delle aree agricole che porterà ad un disastro sanitario. La sua economia no si riprenderà mai.
Leuren Moret è una geologa che ha lavorato per il Lawrence Livermore Nuclear Weapons Laboratory all'interno dello Yucca Mountain Project, ed è diventata una whistle-blower nel 1991 testimoniando la frode scientifica del progetto. E' una specialista internazionale indipendente sulla tematica delle radiazioni, e fa parte della Commissione Ambientale di Berkeley, Calif. Può essere contattata alla e-mail leurenmore(at)yahoo.com.



Questo articolo è l'ennesima dimostrazione che i governi di tutto il mondo sono succubi di poteri ancora più forti che li costringono a avvelenarci con ogni mezzo: pesticidi, diserbanti, conservanti e coloranti per avvelenare il nostro cibo, radioattività per debilitare il nostro organismo, OGM ... le élite criminali che governano questo povero pianeta spingono per l'utilizzo di qualsiasi cosa che nuoccia al benessere psico-fisico della razza umana.

Di fronte a vaccini oltremodo tossici e dannosi, psicofarmaci che drogano le nostre menti e scie chimiche, OGM, prodotti chimici nei cibi, cosmetici tossici, radioattività diffusa da centrali che scoppiano e da bombe all'uranio, scorie radioattive disseminate nel teritorio, smaltimento dei rifiuti gestito nella peggiore delle maniera con poco riciclaggio e molto incenerimento ... è difficile credere che per puro caso su questa terra vada tutto per il verso sbagliato. Se poi ci aggiungiamo le scie chimiche ...

Se 40 persone lanciano contemporaneamente il dado e ottengono tutte 6 siamo portati ad asserire che i dadi sono truccati. Se tutti i processi di produzione dei cibi, dei farmaci dell'energia elettrica, sono tutti gestiti nella peggiore maniera e finiscono per avvelenarci dovremmo essere ugualmente portati ad asserire che tutti questi processi sono truccati all'origine da qualcuno che vuole assolutamente che tutto vada per il verso sbagliato, qualcuno per il quale il danneggiamento psico-fisico e mentale dell'umanità è assolutamente necessario, perché altrimenti il genere umano si ribellerebbe ai suoi controllori e in un impeto di orgoglio spazzerebbe via, senza bisogno di alcuna rivoluzione violenta, ma con la sola forza della consapevolezza, il giogo del potere.

NB: la geologa L. Moret ha recentemente ammesso che il terremoto dell'11 marzo in Giappone sia stato artificiale e causato dall'uso sinergico di HAARP e scie chimiche.

Falsi terremotati a Forum, è bufera

L'AQUILA - "A distanza di due anni dal terremoto, una televisione di Stato, visto che rientra nelle proprietà del Presidente del Consiglio, si permette di trasmettere uno spot contro L'Aquila attraverso una devastante rappresentazione di una tragedia".
A sostenerlo è l'assessore alle Politiche Sociali dell'Aquila, Stefania Pezzopane, commentando quanto accaduto nella puntata di 'Forum' condotta da Rita Dalla Chiesa e trasmessa venerdi' su Canale 5, Forum, nella quale si era discussa una causa tra due coniugi sedicenti aquilani. "I protagonisti - ha aggiunto la Pezzopane - non erano aquilani e la loro storia non è mai esistita, ma soprattutto è inaccettabile che partendo da una storia non vera si sia voluto fare uno spot che falsifica la situazione in cui versa la popolazione".
Nel corso della puntata la donna della coppia, nel ringraziare il Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, per il lavoro fatto all'Aquila, ha detto, tra le altre cose che "tutte le attività commerciali hanno riaperto" e che il capoluogo "é in piena ricostruzione e sta tornando come prima", mentre per quanto riguarda gli sfollati assistiti "sono rimasti fuori solo trecento, quattrocento persone: stanno in hotel perché gli fa pure comodo, mangiano, bevono e non pagano nulla, pure io ci vorrei andare".
Secondo l'assessore Pezzopane "c'é un solo modo per risarcire gli aquilani" dopo questa messa in scena: "venga Rita dalla Chiesa all'Aquila a vedere come vive la gente in quelle case e negli alberghi e a vedere anche come muore la gente, come si ammala e nonostante tutto come resiste". Anche sui social network di internet si è diffusa l'indignazione degli aquilani nei confronti della puntata di 'Forum'.
fonte: http://www.ansa.it

domenica 27 marzo 2011

The Scientist - Coldplay




Come up to meet you,
Tell you I'm sorry,
You don't know how lovely you aaaare.
I had to find you,
Tell you I need you,
Tell you I set you apaaart.
Tell me your secrets,
And ask me your questions,
Oh, let's go back to the staaart.
Runnin' in circles,
Comin' up tails,
Heads on the science apaaart.
Nobody said it was easy,
It's such a shame for us to paaart.
Nobody said it was easy,
No one ever said it would be this hard.
Oh, take me back to the staaart.

I was just guessing,
The numbers and figures,
Pulling the puzzles apaaart.
Questions of science,
Science and progress,
Do not speak as loud as my heaaart.
Tell me you love me,
Come back and haunt me,
Oh, when I rush to the staaart.
Runnin' in circles,
Chasin' tails,
Comin' back as we aaare.
Nobody said it was easy,
Oh, it's such a shame for us to paaart.
Nobody said it was easy,
No one ever said it would be so haaard.
I'm goin' back to the start.


Sono venuto per incontrarti, 
dirti che mi dispiace 
Non sai quanto sei bella... 
Dovevo trovarti 
per dirti quanto ho bisogno di te 
per dirti che ti ho trascurata 

Dimmi i tuoi segreti 
e fammi le tue domande 
Ricominciamo tutto da capo. 
Correndo in cerchio, si vedono le code 
le teste sono in una scienza a parte 

Nessuno ha mai detto che sarebbe stato facile 
E' così un peccato dividerci 
Nessuno ha mai detto che sarebbe stato facile 
Nessuno ha mai detto che sarebbe stata così dura 
Portami indietro all'inizio 

Stavo solo calcolando cifre e numeri 
mettendo i tuoi problemi da parte 
Problemi di scienza, scienza e progresso 
Non parlano forte come il mio cuore 

dimmi che mi ami, 
torna e assillami 
E corro verso l'inizio 
Correndo in cerchio, rincorrendo le nostre code 
Tornando indietro a quello che siamo 

Nessuno ha mai detto che sarebbe stato facile 
E' così un peccato dividerci 
Nessuno ha mai detto che sarebbe stato facile 
Nessuno ha mai detto che sarebbe stata così dura 

Sto tornando all’inizio 

Translate