Cerca nel blog

"Giornalismo è diffondere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è propaganda"

mercoledì 31 agosto 2011

Truffe Enel Energia : come difendersi




tratto da: www.sbontolo.com
 
Ciò che vado a raccontarvi non è (purtroppo) una storia che mi è stata racconta ma è ciò che è accaduto a me!
 
Come saprete, da un pò di tempo è nato il mercato libero dell'energia. Già il fatto che in Italia si parli di mercato libero avrebbe dovuto farvisbiancare. Infatti, come sempre, nel belpaese la concorrenza non esiste e queste sono le occasioni migliori per effettuare truffe legalizzate dallo Stato.
 
Veniamo ai fatti:
a maggio ricevo una bolletta con intestazione Enel (il mio gestore energia elettrica) dell'importo di 168 euro. In linea con i miei consumi(penso...).
Ho l'accredito in banca e quindi non ho fatto null'altro che dare un occhiata di sfuggita alla bolletta (ERRORE!!!)
Una settimana dopo mi arriva una secondo bolletta di 303 euro!!!
Stranamente la bolletta è accompagnata da un bollettino per pagare (strano penso...io ho l'accredito)
Prendo le due bollette insieme ad una vecchia e scopro la truffa.
La bolletta da 168 euro non è per l'elettricità, ma per il gas (mai chiesto gas ad Enel)
La bolletta da 303 euro non è Enel ma Enel Energia.
Come ve ne dovete accorgere ? L'intestazione è uguale ma è scritta inblu invece che in nero (sono delle carogne!)
Ero stato truffato. A gennaio era passato un tizio di Enel Energia a proporre le nuove taglie (termine azzeccatissimo, visto le estorsioni che fanno). Mia moglie aveva declinato l'offerta, ma il bastardo aveva letto il numero del contratto da una vecchia bolletta.
Risultato: il bastardo ha firmato a mio nome un contratto Enel Tutto Compreso, luce e gas, cessandomi contratto Enel e gas (con un gestore locale)
Qua inizia l'odissea. Chiamo Enel Energia chiedendo loro come fosse possibile che andassero in giro a fare questo genere di truffe.
Hanno anche il coraggio di rispondermi "forse ha firmato il contratto ma se lo è dimenticato!"
Chiedo copia del contratto con la mia firma fasulla e loro mi danno un numero di fax a cui richiederlo. 
Passo un mese a mandare fax senza mai ricevere il contratto. Chiamo svariate volte il numero verde, fin quando un operatore mi dice "ma perchè mandare fax? io posso inviarglielo per posta elettronica anche subito, lo vedo qui al terminale!!!"
Ottengo la copia del contratto, con una firma evidentemente falsa.
Nel frattempo ero già andato dall'avvocato a chiedere cosa fare.
Avevo mandato un fax dettagliatissimo (questo mi ha salvato) nel quale intimavo Enel Energia di cessare immediatamente questi contratti fasulli e dicendo che non avrei pagato nessuna bolletta oltre a chiedere loro le spese per il riallaccio dei contratti gas e luce con i precedenti gestori.
 
Oggi mi arriva una strana bolletta enel energia di -233 euro.
Avete letto bene, c'è il meno davanti alla cifra.
Chiamo Enel Energia e chiedo cosa significa. Mi dicono che è un conguaglio perchè "forse hanno sbagliato a leggere il contatore precedentemente".
Il contatore è elettronico, non c'è possibilità di errore(bastardi).
Spiego all'operatore che forse stanno invece cercando di evitare di finire in tribunale, perchè è evidente che sono dei truffatori e che questo è un modo per mettere a tacere la cosa. Io gli do 70 euro(la differenza) per tre mesi di elettricità e stiamo tutti contenti....
La signorina mi risponde che hanno ricalcolato assegnadomi la taglia più bassa (12 euro mensili) e senza farmi pagare l'eccedenza(ops..e. come mai? adesso mi voglione bene?).
 
Credo di esserne uscito vivo. In realtà devo ancora capire quanto avranno il coraggio di chiedermi per maggio e giugno (ancora devono cessarmi il cnotratto) . Vi faccio sapere.Inoltre non so come andrà a finere con Enel gas.
 
Intanto alcuni consigli. in un paese normale non ce ne sarebbe bisogno, ma noi viviamo in Italia, quindi
  • guardate SEMPRE le bollette con attenzione
  • se la scritta di Enel è blu allora è enel energia.
  • Enel Energia non è Enel.
  • se viene qualcuno di Enel a casa , NON DATEGLI UNA BOLLETTA IN MANO NE IL VOSTRO NUMERO CLIENTE . Con il numero vi truffano perchè poi mettono una firma falsa.
  • se potete andatevene dall'Italia. In un paese normale, per truffe del genere, Enel Energia avrebbe chiuso i battenti, il suo amminstratore delegato sarebbe in galera a pane e acqua e non andrebbe a Porta a Porta a spiegare come va il mercato dell'energia.
p.s. se vi servono i fax che ho mandato a Enel con tutto ciò che va scritto per salvarsi il culo, eccolo:
 


All’ufficio legale Enel Energia

Il sottoscritto ….. nato a …..residente in ……

Informa di aver ricevuto
-Una bolletta per fornitura gas (periodo XX-XX )con codice cliente … dell’ammontare di xxx euro
-Una bolletta per la fornitura di energia elettrica (periodo XX-XX)codice cliente dell’ammontare di XXX euro
Il tutto senza aver MAI SOTTOSCRITTO un contratto con enel energia.
Tale vostra azione ha comportato A MIA INSAPUTA la cessazione di un preesistente un contratto con enel servizio elettrico con codice cliente XXXX e la cessazione di un contratto per la fornitura gas con XXXX.

Il sottoscritto richiede
-copia del contratto a vostra disposizione, sul quale è apposta una firma , EVIDENTEMENTE FALSA del sottoscritto
-la cessazione immediata dei contratti con enel energia sia per la fornitura elettrica che per quella del gas
-il ripristino del precedente contratto con enel servizio elettrico  alle medesime condizioni contrattuali e senza nessuna penale o addebito.
-di non interrompere ne limitare nessuna fornitura del servizio elettrico e del gas.
Il sottoscritto informa che non provvederà al pagamento delle suddette bollette non dovute e che ha già provveduto ad adire le vie legali per tutelasi contro tali azioni illegali
Il sottoscritto invita la signoria vostra :
-a contattarlo urgentemente al numero di cellulare XXXX
-ad inviare la richiesta documentazione al numero di faxXXXX o  all’indirizzo di email XXXXXX
IN FEDE


martedì 30 agosto 2011

La Nasa potrebbe evacuare la stazione spaziale internazionale

tratto da:
terra real time


La Nasa starebbe per ordinare l'evacuazione temporanea dellaStazione Spaziale Internazionale ISS per la fine di quest'anno,dopo il fallimento del lancio del razzo Russo di rifornimento  Progress 44 dello scorso 24 Agosto 2011,infatti il razzo doveva raggiungere la Stazione Spaziale orbitante per rifornimenti ma si e' schiantato inesorabilmente nelle pianure dellaSiberia.Le autorita' Russe stanno ancora indagando su cosa abbia provocato l'avaria al vettore.Questa sarebbe la prima volta dopo 10 anni che la stazione potrebbe essere evacuata,secondo il funzionario della Nasa l'avvicendamento dell'equipaggio che era previsto per il 21 Settembre e' stato sospeso a data da definire.



La Stazione Spaziale Internazionale (in lingua inglese International Space Station o ISS) è una stazione spaziale dedicata alla ricerca scientifica che si trova in orbita bassa terrestre. L'obiettivo della ISS, come è stato definito dalla NASA, è quello di sviluppare e testare tecnologie per l'esplorazione spaziale, per sviluppare tecnologie in grado di mantenere in vita un equipaggio in missioni oltre l'orbita terrestre e per acquisire esperienze operative per voli spaziali a lunga durata.[3]
La costruzione della stazione ebbe inizio nel 1998 ed è previsto il completamento entro la metà del 2012. La stazione dovrebbe restare in funzione almeno fino al 2015 ma più probabilmente la sua vita sarà estesa al 2020.[4][5] Con un'area totale maggiore di qualsiasi altra stazione spaziale precedente, la ISS può essere vista dalla Terra a occhio nudo.[6] La ISS è di gran lunga il più grande satellite artificiale che abbia mai orbitato la Terra.[7] La ISS serve come un laboratorio di ricerca in un ambiente di microgravità, in cui gli equipaggi conducono esperimenti di biologia, chimica, medicina, fisiologia e fisica, così come osservazioni astronomiche e meteorologiche.[8][9]La stazione offre, inoltre, un ambiente unico per il collaudo dei sistemi di veicoli spaziali che risulteranno necessari per future missioni sulla Luna e su Marte.[10] La ISS è abitata continuativamente dal 2 novembre 2000 da almeno 2 astronauti. L'equipaggio, da allora, è stato sostituito più volte, con cadenza semestrale e può variare da 2 a 6 astronauti o cosmonauti. Il programma mantiene così l'attuale record per la più lunga ininterrotta presenza umana nello spazio, superando il precedente record di 3.644 giorni, stabilito a bordo della Mir.[11]
La ISS è una sintesi di diversi progetti di stazione spaziale elaborati dalle diverse agenzie mondiali; essa comprende, infatti, parte della Freedom statunitense, della Mir-2 russo/sovietica, del Columbus europeo e del giapponese Kibo.[12][13] I vincoli di bilancio hanno portato alla fusione di questi progetti in un unico programma multi-nazionale.[12] Il progetto ISS è iniziato nel 1994 con il programma Shuttle-Mir.[14] Il primo modulo della stazione, Zarya, fu lanciato nel 1998 dalla Russia.[14] L'assemblaggio è continuato per anni con il lancio di moduli pressurizzati, strutture esterne e altri componenti, per mezzo di voli dello Space Shuttle, dei razzi Proton e Sojuz.[13] A partire dal marzo 2011, la stazione si compone di quindici moduli pressurizzati e una vasta struttura a traliccio (ITS). L'alimentazione è fornita da sedici pannelli solari montati sul traliccio esterno, oltre a quattro pannelli più piccoli presenti sui moduli russi.[15] La stazione viene mantenuta ad un'orbita compresa tra i 278 km e i 460 km di altitudine e viaggia a una velocità media di 27.743,8 km/h, completando 15,7 orbite al giorno.[16]
Gestita come un progetto congiunto tra gli enti partecipanti, le sezioni della stazione sono controllate da centri di controllo missione a Terra, resi operativi dalla National Aeronautics and Space Administration (NASA), dall'Agenzia spaziale europea (ESA), dall'agenzia spaziale russa (RKA), dalla Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA) e dall'Agenzia Spaziale Canadese (CSA).[17][18] La proprietà e l'utilizzo della stazione spaziale è stabilita in accordi intergovernativi[19] che consentono alla Federazione russa di mantenere la piena proprietà dei suoi moduli[20]. Il costo della stazione è stato stimato dall'ESA in 100 miliardi di euro in 30 anni.[21] Sia l'elevato costo, sia alcune scelte tecniche sono state criticate negli anni.[22][23] La stazione viene servita da navicelle Soyuz, navette Progress, Space Shuttle, dall'Automated Transfer Vehicle e dal H-II Transfer Vehicle[18], ed è stata visitata da astronauti e cosmonauti provenienti da 15 paesi diversi.[7]

Oggetto luminoso cade in Peru, semplice aereo o satellite, o cometa?


Un filmato amatoriale apparso su Youtube, sta facendo il giro del mondo e impressionando spettatori e internauti. Un oggetto luminoso sorvola i il cielo di Cusco,  tra il distretto di San Sebastiano e quello di San Jeronimo, in Perù, nelle vicinanze della catena montuosa delle Ande. Il presunto  meteorite è riuscito a superare l'impatto con l'atmosfera terrestre ma a causa dell'attrito con l'atmosfera ha iniziato a bruciare, lasciandosi dietro una larga scia di fumo e detriti. Ancora non è stato determinato dove esattamente sia avvenuto l'impatto tra il meteorite e il terreno. Pero ci sono gia molti scettici, che dicono sia un aereo ripreso prima del tramonto.

Indonesia: il temuto vulcano Tambora si sta risvegliando




Il vulcano Tambora, considerato il secondo vulcano al mondo per indice di esplosività VEI, stimata a 7, si sta per risvegliare.
I vulcanologi indonesiani hanno riscontrato una maggiore attività del vulcano Tambora, osservando un aumento dell'attività sismica. I terremoti vulcanici sono aumentati dal mese di aprile 2011 e hanno continuato ad aumentare fino ad agosto 2011. L'aumento dell'attività vulcanica sotto forma di terremoti vulcanici superficiali preoccupa i vulcanologi, perché potrebbe innescare un aumento sempre maggiore dell'attività vulcanica.
Sulla base dei risultati e dell'analisi dei dati sismici, a partire da oggi 30 agosto 2011, alle 11:00, lo stato delle attività del vulcano Tambora è stata spostato dal livello Normale (livello I) al livello di allarme (livello II).
In connessione con l'aumento dello stato di allarme, il Centro di Vulcanologia e Mitigazione aumenterà il monitoraggio in modo intensivo al fine di valutare l'attività del vulcano.
Nel mese di luglio 2011 sono stati registrati 185 terremoti vulcanici, mentre in agosto fino a ieri, sono state registrati 272 terremoti vulcanici, dimostrando un notevole aumento.
La più famosa eruzione del Tambora fu quella che ebbe luogo nell'aprile1815, una delle più potenti, almeno dalla fine dell'ultima Era glaciale; l'emissione di ceneri fu, quantitativamente, circa 100 volte superiore a quella dell'eruzione, pur rilevante, del monte Sant'Elena del 1980, e fu maggiore anche di quella della formidabile eruzione del Krakatoa del 1883. Complessivamente, vennero proiettati in aria circa 150 miliardi di metri cubi di roccia, cenere e altri materiali.
L'eruzione, o meglio l'esplosione, creò disastri di proporzioni bibliche, con una stima di 60.000 morti dovuti sia direttamente all'esplosione che alle pesanti carestie che seguirono il disastro. La polvere restò per molti anni nell'atmosfera diminuendo la quantità di radiazione solare che abitualmente colpisce il suolo della terra. Il pianeta conobbe un'epoca di estati mancate ed inverni freddissimi, che ebbero come conseguenza scarsissimi raccolti e un impoverimento importante di vaste aree del pianeta. Il 1816, l'anno successivo all'eruzione, fu poi ricordato come l'anno senza estate.

Violento terremoto in Indonesia di magnitudo 6,8

30 agosto 2011
DILI / Una violenta scossa di terremoto ha fatto tremare l’Indonesia, nel sud est asiatico. Il sisma si è abbattuto sull’isola di Timor Est con una magnitudo di 6,8 su scala Richter. Secondo quanto riferito dalle fonte locali non sarebbe stato registrato nessun danno a persone o cose, anche se la popolazione è stata investita da un’ondata di paura.
L’epicentro del forte terremoto è stato localizzato a 469 chilometri di profondità nel mar di Timor, a poco meno di 300 chilometri dalla costa. Nessun preventivo allarme tsunami è stato diffuso dalle autorità governative e di sicurezza.

Scie chimiche e onde ELF sopra Vienna - Austria

Postiamo due video dell'utente Youtube 


Si riferiscono alle operazioni clandestine di aerosol e di modificazione climatica. Siccome il problema ormai riguarda i cieli di tutto il mondo è bene avere qualche testimonianza video e conferma dall'estero.


  


19.50 Vienna chemtrails in the Sky (nano partickles) reflecting Sunlight





13.7.2011 Vienna (Austria) 8.00 Time Mind Control ? ELF Waves ? Or may Be just clouds ... Strange

lunedì 29 agosto 2011

NWO e Sviluppo Sostenibile: l’Agenda 21 ed il suo uso come cavallo di troia per instaurare il Nuovo Ordine Mondiale


Di questo video riportiamo sotto la trascrizione nella traduzione italiana curata da moksha75ar. Il video sottotitolato in Italiano è stato cancellato assieme a tutto il canale dalla solita manovra censoria di youtube (invece di attendere 7 giorni, come da avviso email di YouTube, il canale METEMPSICOSI di moksha75ar è stato sospeso a neanche 24 ore dalla notifica. Il nuovo canale è però già on line: www.youtube/user/moksha75ar3).

Una versione sottotitolata in Italiano la si trova ancora su youtube (non si sa quanto durerà).




Lo sviluppo sostenibile è diventata l’espressione popolare per l’Agenda 21. Agenda 21 è la reale dichiarazione sull’ambiente e lo sviluppo dell’ONU, del 1992. E’ l’agenda del XXI° secolo in cui state vivendo oggi … per un nuovo coraggioso mondo dove ogni cosa custodita e ritenuta vera non esisterà più.

L’Agenda 21 si definisce come il piano comprensivo di azione da attuare a livello globale, nazionale e locale dai sistemi organizzativi dell’ONU.

Eleva anche la Natura al di sopra dell’uomo, e contiene qualcosa chiamato il ‘principio precauzionale’ secondo cui, fondamentalmente, si è colpevoli fin quando non viene accertata l’innocenza.

Lo sviluppo sostenibile è la filosofia progettata per portare gli esseri umani del globo sotto il pieno controllo di una manciata di uomini d’Elite.

E’ un documento di 40 capitoli per controllare, in sostanza, il mondo. E’ basato interamente su meccanismi di controllo socialisti. Gli sviluppatori sostenibili hanno istituito un movimento globale coordinato attraverso un piano d’azione globale e locale per creare un governo mondiale in accordo a determinati obiettivi.

Questi obiettivi includono la fine della sovranità nazionale, l’abolizione della proprietà privata, la ristrutturazione dell’unità familiare e limitazioni e restrizioni crescenti sulla mobilità e le opportunità individuali.

L’obiettivo ‘verde’ include le liste di ciò che non è sostenibile; un paio di esempi includono la proprietà privata… la lista dei carburanti fossili… non lo sono corsi di golf e piste da sci… il consumismo… l’irrigazione non è sostenibile… le strade pavimentate… l’agricoltura commerciale… erbicidi, pesticidi… altrove lista terreni agricoli, pascoli, pastura di allevamenti…e l’unità familiare…

Il fondamento dello sviluppo sostenibile è l’abolizione della proprietà privata, l’indebolimento sociale della famiglia e l’abbandono della protezione costituzionale dei diritti inalienabili, così come descritti nella Dichiarazione di Indipendenza…

Vedete, mi sono seduto tra i comitati dell’Agenda 21 di Santa Cruz…
Ora, queste erano delle idee folli, alla metà degli anni ’90, ho sentito delle idee davvero folli…
La superficie di Madre Terra non doveva essere graffiata, gli esseri umani dovevano essere concentrati in zone di insediamento umano, i sistemi istruttivi si sarebbero focalizzati sull’ambiente come principio organizzativo centrale.

Erano trattati tutti gli aspetti della vita.
Beh, sono stato a questi comizi e ho interrogato alcune persone che mi hanno detto che dovevo capire cosa stava accadendo, e sono tornato indietro dicendo “questa è una pazzia… è così stupido… non ha alcuna possibilità di avere effetto sulla nostra società”.

Beh, mi sbagliavo… Il sostegno del governo degli Stati Uniti per lo sviluppo sostenibile, Agenda 21, è molto chiaro.
Nel 1992 mentre la vera conferenza stava avendo luogo, George Bush allora presidente era lì, dove ha firmato i protocolli dell’Agenda 21 per conto degli Stati Uniti, portandoli indietro a Washington DC.

Entro un anno Bill Clinton, tramite l’ordine esecutivo – nessuna revisione congressuale – istituì il consiglio presidenziale per lo sviluppo sostenibile. A Santa Cruz abbiamo un sistema autostradale a 2 corsie… ne servono 4… ma quello che riceviamo sono centinaia di migliaia di dollari di denaro federale per prendere una delapidata linea ferroviaria che la Southern Pacific vuole mettere in mano a qualcun altro, in modo che una linea pendolare venga costruita lungo la linea ferroviaria che sarà seguita da edifici di 14 piani, dove le persone vivranno in unità di accatastamento, dove gli sviluppatori cosiddetti sostenibili costruiranno questi edifici con i dollari federali.

Infatti Santa Cruz ha ricevuto una concessione da 300 milioni di dollari per costruire le prime 3000 di queste unità di accatastamento. I supervisori di frontiera della contea hanno detto “se fossi uno sviluppatore sostenibile saresti immune da qualsiasi responsabilità di edificazione difettosa”.

E’ una partnership tra sviluppatori selezionati – che stanno costruendo questo nuovo ordine mondiale – e il governo, che usa le tasse dei contribuenti americani per farlo.
Questa è una mappa del Progetto Wildlands (terre incolte).


Spieghiamo la mappa: in rosso ci sono le aree che saranno off-limits agli esseri umani.
Nessuno sviluppo di risorse, nessuna attività umana. Se vivete lì, non ci vivrete più.
Le aree gialle sono quelle di maggior controllo di ogni attività umana. Se vivete lì, non ci vivrete più.

Le aree nere – i punti neri – sono i luoghi di crescita ‘intelligente’, è dove gli esseri umani verranno ammassati ed impacchettati in piccole unità abitative, lungo le linee ferroviarie, il programma di crescita ‘intelligente’ ha anche posti di lavoro assegnati, e bambini curati… dallo Stato.

La domanda è stata posta molte volte: come si aspettano le persone che stanno perpetrando queste cose, di far questo e farlo durare? E la risposta è che si ruba una generazione di bambini, e si indottrinano in modo che accettino queste idee, e diventano cittadini globali nel venturo villaggio globale.

L’UNESCO è venuta fuori dicharando che il 2005-2014 è la decade di istruzione per la sviluppo sostenibile, ma continua col dire che includerà i 40 capitoli dell’Agenda 21, quello è il tuo curriculum federal-nazionale.

L’intero proposito degli studi sociali di secondo grado è di trasferire la lealtà dalla famiglia al governo, e di insegnargli il consumo economico sostenibile.
“Gli studenti edificano i propri intendimenti della realtà e comprendono che la realtà oggettiva non è conoscibile”.

Allora perchè preoccuparsi?
La verità è che la verità, che mantiene gli uomini liberi, viene soppressa in modo da promuovere l’attitudine di addestramento dell’Agenda.

E continua… questa è la nostra nuova matematica, chiamata ‘matematica connessa’…
Il punto 3 ci dice che gli studenti imparano che la matematica è opera dell’uomo, che è arbitraria e che le buone soluzioni sono conseguite tramite il consenso.

La maggior parte di noi assume che 2+2 farà sempre 4… avete torto, potremmo raggiungere un nuovo consenso.
Questo funziona bene? Beh, lo dicono nella guida dell’insegnante, sul retro, ci dice che “poichè il curriculum non enfatizza i calcoli aritmetici fatti a mano, alcuni studenti CMP (Connected Mathematics Project) potrebbero non rendere bene nei test che valutano le capacità di calcolo…

Crediamo che un tale cambiamento a favore del CMP sia più vantaggioso allo studente, nel mondo del lavoro”.
I nostri figli sono analfabeti in matematica… lo sono appositamente. Perchè dico appositamente? Perchè questa non è semplicemente una cattiva idea di fondo?

Perchè ce lo dice il piano di sviluppo sostenibile!
“Generalmente, le persone più altamente istruite, che hanno maggiori introiti, consumano più risorse rispetto a quelle scarsamente istruite, che tendono ad avere introiti minori. In questo caso, ulteriore istruzione incrementa la minaccia alla sostenibiltà”.

Charlotte Yserbee… ti devo le mie scuse…
Non ho creduto, per molto tempo, che fosse un impoverimento intellettuale deliberato.
Pensavo che l’impoverimento intellettuale fosse la conseguenza naturale di una cattiva idea.
Signori, è deliberato… è deliberato.
L’obiettivo globale sostenibile è l’orchestrazione di una caduta pianificata dei principi, dei valori e degli stili di vita americani. L’effetto sull’americano medio sarà devastante,
 Nel modernizzare la tecnologia la persona ordinaria vivrà senza indipendenza, privacy o diritti fondamentali.

Un’altra conferenza stampa a cui ho partecipato era del gruppo ICLEI, il Comitato Internazionale per le Iniziative Ambientali Locali, che aiuta nell’implementazione dell’Agenda 21 in tutte le nostre comunità locali.

Ed uno degli oratori era Harvey Ruvin, il vice presidente dell’ICLEI, e gli ho chiesto in merito ai diritti correlativi che gli americani ricavano dalla Costituzione degli Stati Uniti e la Bill of Rights, e questo riguarda ovviamente le vostre libertà individuali, le vostre proprietà private, la vostra libertà di parola.

Gli ho detto che cozzavano con l’Agenda 21, sapete qual è stata la sua risposta?
“I diritti individuali devono fare posto al collettivo”

domenica 28 agosto 2011

Verso la Marcia Perugia-Assisi. Sette domande ad Antonio Mazzeo



Sette domande di Telegrammi della Nonviolenza in Cammino ad Antonio Mazzeo alla vigilia della Marcia Perugia - Assisi del 25 settembre 2011. 

Quale è stato il significato più rilevante della marcia Perugia-Assisi in questi cinquanta anni?

La Marcia Perugia-Assisi sin dalla sua prima edizione, 50 anni fa, è stata l’appuntamento in cui si sono “contaminate” culture e visioni del mondo diverse ma che avevano come denominatore comune il rifiuto delle guerre e dell’uso delle armi, l’affermazione della pace e della giustizia sociale. Grazie alla Marcia, è stato possibile visibilizzare, socializzare e affermare nella cultura e nella società italiana repubblicana i  principi e le pratiche della nonviolenza.

E cosa caratterizzerà maggiormente la marcia che si terrà il 25 settembre di quest'anno?

L’appello dell’edizione di quest’anno della Marcia enfatizza particolarmente il clima d’ingiustizia sociale e la crisi strutturale ed economica che investe pesantemente la vita di miliardi di donne e uomini in tutto il mondo. Onestamente avrei però preferito che si desse maggiore rilevanza alle guerre e ai processi di riarmo in atto internazionalmente, avrei voluto un “No” chiaro e netto all’intervento militare italiano in Libia, un “No” alle guerre in Iraq, Afghanistan e Pakistan, un “No” al nucleare civile e militare e ai nuovi sistemi di morte. la Marcia è un’occasione unica, irripetibile per dar voce e forza al popolo della pace, che per questa sua edizione 2011 poteva sicuramente essere utilizzata meglio.
*
Quale è lo "stato dell'arte" della nonviolenza oggi in Italia?

Purtroppo, ma vale anche per il più ampio movimento “no war”, quella odierna è per i movimenti nonviolenti una fase storica in cui sono più deboli e incapaci d’incidere sui grandi processi internazionali, nonostante la guerra sia divenuta sempre più globale e permanente. Spero di cuore che il 25 settembre possa rappresentare in Italia un primo momento collettivo di svolta per ridare il via ad una nuova fase di mobilitazioni, accanto e congiunai movimenti sociali che sicuramente occuperanno le piazze del paese nei prossimi mesi.   

Quale ruolo può svolgere il Movimento Nonviolento fondato da Aldo Capitini, e gli altri movimenti, associazioni e gruppi nonviolenti presenti in Italia?

Quello di mettere a disposizione il proprio patrimonio di idee, valori, azioni e forme di lotta, con piena disponibilità, senza voglie e bisogni inutili di protagonismo, cercando collaborazioni e alleanze con i soggetti sociali, gli studenti, gli ambientalisit e tutti coloro che ancora hanno la forza d’indignarsi per le ingiustizie, le sofferenze di donne euomini, le sopraffazioni, le prevaricazioni, le guerre, la distruzione dell’ambiente e delle risorse naturali.  

Quali i fatti più significativi degli ultimi mesi in Italia e nel mondo dal punto di vista della nonviolenza?

Nonostante gli scenari siano densi di nubi, e si evidenziano all’orizzinte vecchie e nuove tragedie, ci sono segnali in  controtendenza che ci consentono di nutrire speranze e desideri di esserci, opporci, resistere. Le campagne referendarie per “l’acqua bene comune” e contro il rilancio del nucleare, le occupazioni di istituti secondari e università contro la privatizzazione del sapere, le mille iniziative locali contro dissennati megaprogetti infrastrutturali e grandi opere, o contro le nuove basi di guerra e di morte, segnano momenti assai significativi di lotta non-violenta. Ad essi si aggiungono le iniziative in tutta Europa di giovani, disoccupati e studenti per i diritti al lavoro e all’istruzione, alla salute n o le lotte dei popoli indigeni e dei movimenti sociali in America latina e in alcuni paesi asiatici contro lo strapotere delle transnazionali e per l’accesso alla terra e alle risorse naturali. Il pianeta è sull’orlo del baratro, ma queste energie sviluppatesi al Nord come al Sud possono ancora impedire l’olocausto finale.

Su quali iniziative concentrare maggiormente l'impegno nei prossimi mesi?

Credo che si debba ripartire con le mobilitazioni diffuse contro vecchie e nuove operazioni di guerra e d’intervento militare (Libia, Afghanistan, Iraq ma penso pure al Corno d’Africa, dove si moltiplicano le spinte per un “intervento umanitario” a suon di missili e bombe), contro i nuovi piani di riarmo e militarizzazione del territorio (penso ai grandi centri-hub che le forze armate Usa, Nato e italiane stanno realizzando o ampiando in Italia, vedi  Aviano-Vicenza, Camp Darby-Pisa, Napoli-Capodichino, Trapani-Sigonella, o all’avvio dei lavori per insediare a Niscemi, Caltanissetta uno dei quattro terminali terrestri del nuovo sistema Muos di telecomunicazione satellitare per le guerre convenzionali e nucleari del XXi secolo, ecc). Ma bisognerà tentare di bloccare anche i piani di riconversione militare di complessi e centri di produzione industriale (vedi ad esempio quanto accade in Fincantieri o a Cameri-Novara con il programma per il cacciabombardiere F-35). Per i noviolenti sarà poi doverosa la parrecipazione in prima persona alle iniazitive sociali e sindacali per impedire le controriforme costituzionali in atto, contro le privatizzazioni selvagge e l’affermazione del modello socio-economico neoliberista che il governo, con il consenso di diverse forze “d’opposizione” sta implementando nel paese. E non dimenticare infine che dal Piemonte alla Sicilia continueranno le azioni e le proteste contro il dissennato modello “sviluppista” delle Grandi Opere, dilapidatrici di risorse finanziarie e generatori di forti appetiti criminali.

Se una persona del tutto ignara le chiedesse "Cosa è la nonviolenza, e come accostarsi ad essa?", cosa risponderebbe?

Direi che è un modo “altro” d’intendere le relazioni tra donne e uomini, tra esseri viventi e con la natura, il territorio e le risorse, dove siano bandite la violenza, ogni forma di guerra, la sopraffazione, l’ingiustizia sociale, economica, ogni forma di discriminazione e asservimento. E per accostarsi ad essa chiederei l’umiltà di voler ascoltare e comprendere l’altro e di mettersi a servizio della vita contro la morte, contro ogni morte.

Antonio Mazzeo. Peace-researcher e giornalista impegnato nei temi della pace, della militarizzazione, dell’ambiente, dei diritti umani, della lotta alle criminalità mafiose. Ha pubblicato alcuni saggi sui conflitti nell’area mediterranea, sulla violazione dei diritti umani e più recentemente un volume sugli interessi criminali per la realizzazione del Ponte sullo Stretto di Messina ("I Padrini del Ponte. Affari di mafia sullo stretto di Messina", Edizioni Alegre, Roma). Ha ricevuto il "Premio Giorgio Bassani - Italia Nostra 2010" per il giornalismo. 

Intervista pubblicata in Telegrammi della Nonviolenza in Cammino del Centro di Ricerca per la Pace di Viterbo, numero 655 del 22 agosto 2011.

Rapporto NATO Operazioni urbane anno 2020

visto su: voci dalla strada


Rapporto Urban Operations in the Year 2020 (sintesi commentata in italiano) originale sul sito N.A.T.O. http://www.rta.nato.int/pubs/rdp.asp?RDP=RTO-TR-071
Redatto dalla RTO (Studies Analysis and Simulation Panel Group, SAS-030). La RTO, l’Organizzazione per la Ricerca e la Tecnologia della NATO è il centro di convergenza delle attività di ricerche/tecnologiche (R&T) per la difesa in seno della NATO.

L’Operazione Terrestre o Operazione Urbana (UO-2020) all’orizzonte dell’anno 2020 è uno studio che esamina la natura probabile dei campi di battaglia, i tipi di forze terrestri le loro caratteristiche e capacità.
Lo studio ipotizza l’andamento della popolazione mondiale entro l’anno 2020. Entro questa data il 70% della popolazione mondiale vivrà all’interno di zone urbane.
Il numero delle persone nel mondo supererà i 7,5 miliardi e ciò sarà causa di una spaventosa crescita demografica nelle città e/o metropoli incrementando l’urbanizzazione, provocando povertà, scontri e tensioni sociali.
La necessità di una presenza (militare) massiccia e dominante, tanto morale quanto psicologica, spesso per periodi di tempo prolungati, resterà una caratteristica unica e persistente delle Operazioni Urbane.
Questa necessità entrerà nel conflitto attraverso la domanda pressante da parte del mondo politico e del grande pubblico per azioni rapide, decisive e chirurgiche…
Ricapitolando:
- le guerre future saranno all’interno delle città;
- avremo eserciti lungo le strade (NATO o forze militari preposte);
- dal punto di vista psicologico sarà normalissimo avere militari armati in città;
- politici e cittadini richiederanno l’intervento dell’esercito;
- le forze militari utilizzeranno ogni sorta di arma (letale e “non-letale” ad alta energia);
- sommosse, scontri sociali, manifestazioni potranno essere sedate dall’esercito…
- stiamo andando verso la costituzione di uno “Stato militarizzato”.

L’esercito a pattugliare le strade delle grandi città.
Ma solo per pochi mesi?
Manovra propagandistica del governo Berlusconi o naturale conseguenza di piani decisi da oltre dieci anni da alcuni paesi della NATO? Questa affermazione non è l’ennesimo tentativo maldestro di voler accollare a carico dell’Alleanza militare occidentale oscuri disegni di militarizzazione della nostra società, bensì il frutto di nostre ricerche su alcuni progetti, condotti sotto la guida del Pentagono e riguardanti l’uso degli eserciti nelle megalopoli del futuro.

Si tratta del lavoro di esperti NATO UO 2020 nel gruppo di studio SAS 30 Urban Operation in the year 2020 , al quale partecipano dal 1998 esperti di sette Nazioni della NATO ( Italia, Canada, Francia, Germania, Gran Bretagna, Olanda e Stati Uniti d’America ) e che ha gettato le basi per l’evoluzione dell’impiego dello strumento militare nello scenario più probabile del prossimo futuro.
Lo studio NATO U.O. (Urban Operations) 2020.

Questo studio, ultimato negli ultimi mesi del 2002 e reso pubblico nei primi mesi del 2003, prima della guerra in Iraq, rende esplicito come in maniera omogenea il nocciolo duro del militarismo mondiale ritiene più che probabile le città del futuro come campo della Battaglia Finale, quella per la sopravvivenza del sistema capitalista e che il ruolo dello strumento militare avrà un carattere dominante anche in quelle che sembrerebbero essere normali operazioni di polizia urbana.
E’ l’ambiente urbanizzato che si qualifica come il contesto nel quale l’Umanità del ventunesimo secolo condurrà una difficile vita: le sterminate megalopoli abitate da decine, se non centinaia, di milioni di esseri umani concentreranno nel loro interno tutte le contraddizioni della società capitalista allo stadio supremo.
Differenze di classe e azzeramento dei servizi sociali capaci di attutire il senso diffuso di ingiustizia, degradamento delle complesse regole di interazione tra diversi strati della popolazione, scarsità di cibo e di lavoro genereranno forti conflitti tra diversi strati sociali,coinvolgendo il sistema statale locale e/o organismi e attività multinazionali.
In questo contesto le normali forze di polizia non saranno in grado di condurre operazioni tra folle “ostili” o semplicemente “complici” dei nemici da colpire e neutralizzare senza il rischio di forti perdite o addirittura ritirate catastrofiche da banlieus in fiamme.

Rischi di effetto domino su scala mondiale con scene di folle tumultuanti, affamate e disperate che assaltano centri commerciali, quartieri dell’alta borghesia e centri di potere provocherebbe il panico nell’intero sistema capitalistico. L’invio dell’esercito condotto con armi tradizionali e all’ultimo momento potrebbe essere addirittura controproducente scatenando ancor più le folle e i partiti di opposizione.
Per questo motivo nello studio UO2020 si consiglia così di iniziare gradatamente in base alle necessità ad utilizzare l’esercito in funzione di ordine pubblico man mano che la crisi mondiale quella che è ipotizzata per il 2020, si avvicina. 

Piccoli interventi crescono.
Nel frattempo ogni paese aderente a questo gruppo compresa l’Italia deve finalizzare reparti appositi che si specializzino per condurre le operazioni dicontenimento delle folle e di controllo del territorio compresi i rastrellamenti e caccia di sovversivi ed agitatori nei quartieri.
Il ruolo italiano nella costituzione dell’esercito internazionale antisommossa.
L’Italia in questo campo ha proposto la possibilità di sviluppare nuove specializzazioni e di preparare personale addestrato a muoversi e combattere negliambienti urbani ove occorre isolare quartieri, edifici, abitazioni, ma anche padroneggiare gli impianti di comunicazioni e distribuzione dell’energia e dell’acqua.

In effetti l’Italia è considerata da USA e Gran Bretagna come uno di migliori fornitori di personale addestrato ad operazioni antisommossa a partire dai reparti dei Carabinieri che sono inquadrati, principalmente nell’area balcanica nelle MSU.
Da quando l’Italia si è impegnata a fornire personale nelle guerre umanitarie, aree militari sono state attrezzate per ricostruire ambienti urbani e rurali dove si addestrano carabinieri, parà, assaltatori e bersaglieri che vanno ad operare all’estero, mentre gli stessi reparti di polizia militare sono addestrati realmente, nell’ambiente metropolitano, con l’impiego di ordine pubblico quotidiano sul territorio nazionale e sono gli stessi che presto grazie al nuovo decreto sulla sicurezza del governo berlusconi vedremo operare nelle grandi città e a guardia di siti di rilevanza nazionale: discariche centrali nucleari in costruzione, termovalorizzatori ecc.

Addestramenti sul territorio nazionale sono stati condotti da tempo come per esempio quello del 28 febbraio 2003 che si concludeva presso il Centro di Addestramento alle CRO (Crises Response Operation/Operazioni di risposta alle crisi) di Cesano con la certificazione del 2° Corso per Istruttori della Forza Armata di “Controllo della folla” .
Corso svolto alle porte della capitale dal 17 al 28 febbraio condotto da istruttori della 2a Brigata mobile dei Carabinieri a cui hanno preso parte 7 Ufficiali, 19 Sottufficiali e 3 Vfb. E in cui a far da comparse nel ruolo dei sovversivi tumultuanti c’erano 50 Volontari in Ferma annuale del 7° Reggimento Bersaglieri.

La ricerca ossessiva di sistemi di controllo della popolazione ha nello studio NATO UO2020 alcune parziali risposte di natura tecnologica.
Il Reparto Logistico – Progetto tecnologie avanzate.
Nello Stato Maggiore dell’Esercito Italiano è il Reparto Logistico- Progetto tecnologie avanzate che sta curando l’applicazione di quanto appreso nel Gruppo di lavoro NATO Urban operations 2020.
Lo Scenario URBAN WARFARE coniugato alla lotta al terrorismo globale, ovvero a tutto ciò che potrebbe essere pericoloso all’Impero Globale è affrontato su tutti i suoi aspetti, fuorchè le motivazioni che potrebbero essere le radici di forme di contestazione “estreme” , quale anche quella del passaggio dalla opposizione politica a quella armata. 

I ROBOCOP imperiali.
Il futuro soldato che l’Esercito Italiano impiegherà per le operazioni urbane sarà dotato oltre che da armi convenzionali ultratecnologiche, come già spiegato nel paragrafo “il sistema soldato”, anche di sistemi d’arma bivalenti letali /non letali. E’ un esigenza che nasce dalle numerose operazioni di “guerra umanitaria” nelle quali il nostro esercito da oltre un decennio è pienamente coinvolto con le operazioni all’estero, ma anche dall’esperienza di operazioni di polizia ed ordine pubblico interno nelle quali esso si è trovato a collaborare con altre forze di polizia ( es. Vespri siciliani) o operare autonomamente (operazioni antimmigrazioni controllo coste del Salento)od infine in occasione di summit internazionali (es. Genova 2001 o Pratica di Mare 2003). 

Il programma armi non letali.
Nel programma “non lethal weapons” redatto dallo Stato Maggiore Esercito sono previste le forniture ai reparti di una nuova famiglia di bombolette spray al peperoncino di diverse dimensioni e portata, tali da essere utilizzate efficacemente contro gruppi composti da numerose persone o contro singoli. Queste bombolette diventeranno così una dotazione base montata sui mezzi dell’esercito, blindati, carri armati, jeep ma anche come “arma da fianco” per ogni singolo soldato impiegato in “operazioni umanitarie”.

Con queste specifiche l’esercito italiano sta finanziando piani di ricerca e sviluppo in collaborazione con le industrie interessate sia italiane che estere.
Per le operazioni antisommossa e di controllo urbano lo stato maggiore dell’esercito italiano sta definendo un programma di sviluppo di armi letali/non letali, in particolare fucili automatici dotati di puntamento ottico, che farebbero uso di “proiettili ad alta deformabilità e ad energia cinetica costante.”

A causa di problemi di bilancio solo poche risorse finanziarie sono state potute esser destinate a questi avveniristici progetti, ma ora che con il plauso del parlamento e dell’opinione pubblica spaventata da clandestini e microcriminalità, vedremo i blindati dell’esercito aggirarsi per i nostri quartieri, le richieste di migliori e più consone dotazioni si faranno pressanti.
Negli Stati Uniti d’America sono già in azione reparti militari speciali con armi sofisticate antisommossa, come i blindati dotati di raggi a microonde.
In tutti i paesi occidentali le leggi sono state modificate in modo che i governi possano emanare leggi speciali senza l’approvazione del parlamento. 

Link

Ancora terremoti predetti dagli animali…

Fonte: Spaziomente *
Cari amici, riportiamo una notizia appena apparsa sul portale Adnkronos. Personalmente riteniamo davvero poco scientifico parlare di “coincidenze” – come ipotizza molto prudentemente il Washington Post. Non sia mai: rivedere le nostre teorie sulla natura delle informazioni e sull’interconnessione tra sistemi biologici, potrebbe essere davvero troppo pesante!
Washington, 25 ago. (Adnkronos/Washington Post) – Si dice che gli animali siano in grado di avvertire i terremoti prima che questi si manifestino, ma se si tratta di leggenda o di realtà questo non è ancora stato chiarito. L’osservazione scientifica sembra propendere per la seconda ipotesi, soprattutto dopo i recenti fatti della Virginia. Il terremoto di magnitudo 5,8 che ha sconvolto la costa orientale degli Stati Uniti, ha fornito al National Zoo di Washington l’occasione per osservare il comportamento dei propri ospiti e tirare alcune conclusioni per sondare un mistero scientifico in cui ai fatti si mescola spesso il folclore.
Ecco cos’è accaduto. Stando a quanto riporta il Washington Post, qualche secondo prima dell’arrivo del terremoto il gorilla Mandara ha iniziato a gridare, poi ha afferrato il suo piccolo scappando con lui sulla cima della struttura vicina, mentre altre due scimmie, un orango e un gorilla, avevano già abbandonato il pasto e se l’erano svignata nel punto più alto a disposizione.

 Anche i 64 fenicotteri sembravano aver capito cosa stava per accadere e qualche secondo prima del sisma si sono nervosamente raggruppati in mucchio, e uno degli elefanti ha emesso un suono grave come per avvertire gli altri due. “Gli animali sono molto più sensibili di noi all’ambiente che li circonda. Non mi stupisce affatto che siano in grado di intuire questo genere di cose”, spiega Brandie Smith, curatore dello zoo.
Secondo un recente studio scientifico, prima del terremoto de L’Aquila i rospi si diedero alla fuga, cercando rifugio in posti più alti e alcune settimane prima del terribile terremoto che scosse Haicheng, in Cina, nel 1975, rane e serpenti uscirono dal letargo emergendo dalle loro tane. Lo strano comportamento degli animali contribuì alla scelta di evacuare la città poco prima del sisma.
La credenza secondo la quale l’agitazione degli animali precede sempre un terremoto, risale all’antichità, ma gli scienziati stanno cercando di dare delle spiegazioni. Secondo la geologa statunitense Susan Hough, la risposta potrebbe essere in ciò che gli scienziati chiamano “onda P”. Un terremoto genera due tipi di onde sismiche: la prima è proprio l’onda P, o onda primaria, relativamente debole e veloce, si muove lungo un asse orizzontale. Poi arriva la più potente “onda S”, o onda secondaria, che scuote la terra.
Secondo i calcoli della Hough, l’onda P avrebbe raggiunto Washington circa 15 secondi prima della secondaria e questo spiegherebbe il comportamento degli animmali, che l’avrebbero avvertita prima che gli esseri umani inizassero e vedere la terra tremare. Ma, conclude il Washington Post, potrebbe anche trattarsi di una coincidenza, e se così fosse il mistero degli animali e dei terremoti resterebbe ancora aperto.
 fonte: www.climatrix.org

sabato 27 agosto 2011

Lunedì 29 agosto: i servizi meteo prevedono velature sul centro e sul meridione dell'Italia ... o cieli coperti dalle scie degli aerei?


Dopo quanto avvenuto il 12 agosto e dopo quanto letto sul solito sito di meteorologia pochi giorni dopo, è chiaro ormai che tranne casi rari la parola "velature" preannuncia il passaggio di decine e decine di aerei con bianca scia al seguito che offuscano il sole.


Per lunedì 29 agosto il servizio meteo di 3b meteo prevede velature sul centro e sul meridione dell'Italia (fare click per ingrandire le immagini). Occhio al cielo, controllatelo attentamente e ripetutamente.

Uranio: soldatessa, ho cancro a 28 anni



(ANSA) - CAGLIARI, 27 AGO - "'Mi sto curando un cancro a 28 anni, adesso voglio la verita' sul Poligono di Salto di Quirra e sulla mia malattia", Lo scrive una soldatessa dell'Esercito in una lettera al sito Vittimeuranio.com. La giovane racconta di aver prestato servizio a Perdasdefogu per circa 2 anni e di aver partecipato a diverse esercitazioni sparando anche missili potenziamente pericolosi per la salute. "Vorrei sapere - DICE LA DONNA - se la mia malattia dipende dal lavoro che faccio e che ho fatto".

Uragano Irene in diretta live streaming dalla Caroline del nord!

Diretta dal vivo in streaming dal nord Caroline dell'uragano Irene che sta' colpendo la costa orientale degli Stati Uniti ed in particolare in questo momento la Caroline del nord .


SEGUI LA DIRETTA QUI': http://2012lafine.myblog.it/

venerdì 26 agosto 2011

Libera l'onda



Ci vorrebbe un’onda capace di trascinare via con se tutto e tutti. Tutto il marcio che c’è, tutte le falsità che girano su questo pianeta. Un’onda capace di risvegliare in un solo istante migliaia e migliaia di individui. I disastri innaturali, gli tsunami, i terremoti, le guerre (invisibili) sono e continuano tutt’ora a colpirci nel profondo…siamo costretti a subire, nell’anima. Rivoluzioni interiori allora, come propone Free Onda Revolution, fatte di conoscenza e consapevolezza.
Temo però che un’onda non basti a risvegliare la scintilla della rivoluzione, ci vorrebbe uno Tsunami Galattico, invisibile, un soffio divino che scuota positivamente gli animi e le menti.


giovedì 25 agosto 2011

Strano suono nelle montagne del Colorado prima del terremoto del 23 Agosto 2011




Questo video e' stato postato su youtube da un utente che ha registrato dei suoni anomali simili a dei "boom" durante un escursione in montagna
prima che avvenisse il terremoto di 5,3
che ha colpito la regione del Colorado il 23 Agosto 2011. 


Ultimamente ci sono state numerose segnalazioni strani suoni in varie parti del mondo che sembrano avere una cadenza regolare e ritmica a voi i commenti.......


link: terrarealtime.blogspot.com

E perchè non i russi...





... o gli stessi australiani o giapponesi?


Poco importa avere piena conoscenza dei loro obiettivi. E poco si può ottenere dal web continuando a postare denunce, pur sempre sensate, ma che al massimo potranno divenire sterili interrogazioni politiche fatte da individui in cerca gloria oppure, fonte di poco convincenti programmi televisivi, il cui interesse è solo quello di vendere a buon peso spazi pubblicitari.
Il web è ormai il recinto entro il quale poter starnazzare senza correre eccessivi pericoli, ove essere irruenti ed irriverenti, ove provare a dar senso a concetti come Libertà e Giustizia.
Mentre menti sopraffine e possibilmente elette cedono tutte le loro migliori energie e si spingono verso il collasso... chi si è prefisso di portare avanti progetti in realtà molto meno impegnativi (tutti spiegabili con una sola parola: denaro) avanza fino a prova contraria in modo indisturbato.

Per ultimo, in occasione del sisma del Giappone, una di queste tematiche discusse in rete e che evidentemente inizia a fare maggior presa (per fortuna non è passata quella dei Rettiliani!) inizia ad essere trattata con una certa insistenza anche su stampa, radio e tv. Come a dire, il grande pubblico è pronto e se abbiamo convinto anche i più ragionevoli, figuriamoci quali risultati si possono raggiungere su vasta scala. Vogliamo veramente continuare a credere che tutti, d'un tratto, si sono "risvegliati"?

In realtà, una parte della generazione umana corre spedita verso l'autodistruzione e, purtroppo, semplicemente per raggiungere bieche posizioni di predominio e di controllo.
Se questa insignificante e spregevole unione di anime deviate regna su questa terra è solo grazie alla nostra colpevole distrazione, e c'è seriamente il bisogno di credere che la Creazione, nel suo continuo divenire, ci possa presto aiutare a sbarazzarci di questi esseri spuri, evitandoci ormai futuribili maggiori sofferenze.

Dalla morte (non per droga!) di Amy Winehouse al sequestro del sito sull'MMS passando per i microchip ai dipendenti comunali


tratto da: scienza marcia

Come avevamo subodorato già nei primi giorni dopo la morte, le versioni relative alla morte della sfortunata e bravissima cantante Amy Winehouse erano prive di fondamento. Come titola un odierno articolo pubblicato sul sito di Repubblica: "non fu overdose - L'autopsia non ha rivelato droghe"

E poi ancora "Minime le tracce di alcool. Smentite le voci diffuse dai tabloid". Non c'è che dire, l'avevamo detto ... e c'è da chiedersi: possibile che una anonimo blog sia più perspicace della maggior parte dei quotidiani? Davvero i giornalisti dei nostri tempi non sanno più fare seriamente delle indagini? O forse i giornalisti stanno diventando sempre di più dei passacarte, che ricevono ed adattano le veline che vengono loro inviate da chi gestisce l'informazione?


Una notizia di tutt'altro tipo viene dalla Grecia, dove l'amministrazione comunale di Trikallas ha introdotto l'innesto delmicrochip per i dipendenti del comune stesso. La motivazione ufficiale è che così si controlleranno da vicino i dipendenti e che con tale sorveglianza orwelliana la loro produttività sarà maggiore. La pillola amara è stata indorata affermando che il sistema sarà in grado di monitorare anche le funzioni vitali delle persone e di avvisare quindi i dipendenti di qualsiasi problema di salute venisse riscontrato. Ufficialmente i dati generati dal sistema non potranno essere trattati per uso esterno ed il sistema non funzionerà nel week end: "l'installazione di micro chip non influisce sulla privacy dei dipendenti in quanto non è programmato per funzionare solo 5 giorni alla settimana e non nei giorni festivi".

Peccato che il microchip può causare serie malattie (nei cani si sono registrati casi di tumore in prossimità dell'innesto ed alcuni sono già morti a causa del chip) e che sicuramente può servire come strumento di manipolazione mentale, financo di tortura.E che dire del fatto che il chip può essere clonato?

Nota bene: seppure sembri strano che si possa già obbligare dei dipendenti ad installare un microchip l'articolo afferma chiaramente che tramite esso si potranno controllare pure le funzioni vitali, quindi è da escludere che sia un chip esterno al corpo umano inserito in un badge. Se volete potete pure vedervi il servizio in video, peccato che è in albanese.




Invece di attendere 7 giorni, come da avviso email di YouTube, il canale METEMPSICOSI di moksha75ar è stato sospeso a neanche 24 ore dalla notifica. Si apprezzano gli sforzi del sistema censorio vaticanide di Sua Santità, ma a nulla è valso... Moksha75ar è risorta! AMEN!! Iscrivetevi al nuovo canale, METEMPSICOSI RELOADED: www.youtube/user/moksha75ar3

Dal canale di moksha75ar3 ecco un video correlato alla questione del microchip (sebbene non si parli di microchip ma del programma MOCHIP, banca dati informatica per identificare le persone):

Massoneria Sponsorizza Programmi di Identificazione Infantile




Il sito di MMS Italia è stato posto sotto sequestro dalla polizia postale di Frosinone su richiesta di un'ordinanza del tribunale di Biella. Il primo sito al mondo sull'MMS ad essere oscurato! Dal gestore del sito veniamo a sapere che egli non è stato ancora informato del provvedimento, cosa alquanto strana (diciamo così).

Per ora il forum è raggiungibile a:
http://www.shambala.it/forum/
Il sito web per ora è ancora visibile a:
http://www.miraclemineral.it/index.php
In alternativa segnaliamo
http://www.miraclemineral.info
http://www.miraclemineral.net

Translate