Cerca nel blog

"Giornalismo è diffondere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è propaganda"

venerdì 23 marzo 2012

Ciak, si Bombarda!

Dal cilindro della propaganda escono a getto continuo trovate a dir poco spettacolari, che solo una fervida immaginazione unita ad una brama sconfinata di manipolare la realtà può produrre.

“l’arresto” di un celebre divo di Hollywood intento a manifestare sotto l’ambasciata del Sudan negli Stati Uniti contro il “regime” di quel grande Paese africano posto al crocevia del “Continente nero” e per questo ambito sin dall’Ottocento da tutte le “potenze” occidentali, anche a costo di scannarsi tra di loroSecondo copione, il divo in questione è stato prontamente rilasciato, tuttavia l’‘imbarazzante contrattempo’ occorsogli, subito reclamizzato urbi et orbiattraverso la tentacolare piovra mediatica, ha fatto subito il giro del mondo.

- continuando la campagna propagandistica contro il governo siriano, la Tv satellitare araba “Al-Jazira” ha pubblicato sulla propria pagina di facebook, 16 ore prima dell’attentato, la notizia dell’esplosione che ha colpito la città di Aleppo, uccidendo tre civili. Questo episodio indica che la Tv con sede in Qatar è totalmente consapevole del “passo successivo” nei piani e azioni dei gruppi terroristici che cercano di rovesciare il governo di Assad.

Infatti l’esplosione ad Aleppo c’è stata davvero, come al-Jazira aveva dichiarato, ma la differenza è nel tempo. L’attentato terroristico ha avuto luogo all’1 di notte (orario locale), mentre al-Jazira aveva già pubblicato la notizia 16 ore prima che avesse luogo l’esplosione.

Ora e sempre disinformazione criminale di regime...

Nessun commento:

Translate