Cerca nel blog

"Giornalismo è diffondere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è propaganda"

martedì 4 settembre 2012

Siria: prigioniero costretto a essere attentatore suicida – VIDEO



   YouTube



Un video della rete televisiva BBC mostra un prigioniero dei ribelli siriani costretto a sua insaputa a diventare un attentatore suicida, un crimine di guerra secondo la Convenzione di Ginevra. Il video è stato tolto dal canale web della rete televisiva, ma è presente su YouTube.
Nel clip si vedono i ribelli del FSA preparare una bomba che viene caricata poi sul retro di un camion che dovrà esplodere a un posto di blocco governativo ad Aleppo.
Viene poi mostrato un prigioniero, il quale si sostiene appartenere alla milizia filo-governativa. Si mostra come l’uomo venga trattato bene, anche se viene indotto a credere di essere oggetto di uno scambio tra prigionieri: in realtà diverrà vittima inconsapevole di un attentato suicida.
Gli viene infatti detto di guidare fino al posto di blocco per lo scambio. Ma il camion su cui viaggia porta una bomba da 300 chilogrammi. Alla fine si mostrano i ribelli delusi: l’attentato è fallito perché il detonatore comandato a distanza non ha funzionato.
Il commentatore ammette che l’azione rappresenta un crimine di guerra. Il reporter del New York Times che ha creato il filmato sostiene di non essere stato a conoscenza del piano. Sul canale della BBC  il video non è più presente.
Seguono due video: quello della BBC ancora presente in rete e l’originale del New York Times, più lungo e intitolato “I leoni di Tawhid”:



Nessun commento:

Translate