Cerca nel blog

Caricamento in corso...
"Giornalismo è diffondere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è propaganda"

mercoledì 5 febbraio 2014

Agopuntura e sport. Un binomio vincente?

L’obiettivo principale di un atleta è quello di migliorare costantemente la propria performance per poter essere in grado di affrontare la sempre maggiore competitività che caratterizza lo sport dei nostri giorni. 
In ambito sportivo l’agopuntura viene utilizzata da tempo come alternativa terapeutica naturale e legale per il trattamento del dolore nei traumi acuti a cronici, da contrapporre all’uso vietato di sostanze analgesiche dopanti. A fianco di questo utilizzo, però, si sta diffondendo un interesse crescente nel voler valutare gli effetti dell’agopuntura nel miglioramento della performance atletica attraverso il raggiungimento del benessere psicofisico, soprattutto in ambito agonistico.
Diversi fattori possono influenzare la performance di un atleta ed è opinione comune che il fattore psicologico giochi un ruolo fondamentale nello sport, soprattutto a livello agonistico. Gli sport agonisti, caratterizzati da una grande competizione, presentano dei fattori importanti di stress che possono portare a una diminuzione dell’autostima, alla paura della sconfitta, a uno stato di nervosismo e alla presenza manifesta o subliminale di ansia. 
Questi stati emotivi possono indurre un’alterazione della risposta fisiologica dell’organismo dello sportivo con un aumento della frequenza cardiaca, del tempo di coordinazione motoria, della frequenza respiratoria, della tensione e dell’affaticamento muscolare, incidendo negativamente sulla performance ottimale che, al contrario,  richiede una perfetta concentrazione, il rilassamento di tutti i gruppi muscolari ed il rilascio di specifici neurotrasmettitori cerebrali.
L’agopuntura ha dimostrato in diversi studi clinici di essere in grado di stimolare il rilassamento e la concentrazione dell’atleta, consentendogli di affrontare la competizione sportiva nella maniera fisica e mentale più appropriata e più idonea ad una performance ottimale. Anche la performance atletica intesa come forza, elasticità e condizioni aerobiche sembrerebbe giovare dell’utilizzo dell’agopuntura. Esistono dati incoraggianti che dimostrano che l’agopuntura possa essere efficace sul condizionamento aerobico, aumentando la capacità dell’atleta negli esercizi e nella performance, con una contemporanea diminuzione della frequenza cardiaca, e sull’aumento dell’elasticità, evidenziato soprattutto se in associazione a protocolli di stretching.
Saranno necessarie ulteriori ricerche per confermare i promettenti risultati preliminari, ma è probabile che l’agopuntura possa essere impiegata, in ambito sportivo, per il miglioramento della performance agonistica.

Nessun commento:

Translate