Cerca nel blog

Caricamento in corso...
"Giornalismo è diffondere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è propaganda"

mercoledì 12 febbraio 2014

Argentina, duro colpo alla multinazionale Monsanto: bloccato uno stabilimento di produzione di mais OGM a Cordoba

monsanto1La multinazionale Monsanto ha ricevuto pochi giorni fa un duro colpo dalla giustizia argentina. Lo stabilimento di mais transgenico in via di costruzione presso la città di Malvinas Argentinas, provincia di Cordoba, dev’essere immediatamente bloccato perché non costituzionale: deve ricevere prima la valutazione di impatto ambientale. È una vittoria dei movimenti locali che da oltre 1 anno e mezzo si battevano contro lo stabilimento, e che negli ultimi 3 mesi avevano messo su un presidio che bloccava l’entrata di camion e lavoratori nella zona destinata allo stabilimento. Un presidio più volte colpito da cariche della polizia, repressione che però non ha scoraggiato i movimenti. Le critiche alla Monsanto sono tante, dalla produzione di sementi geneticamente modificate che colpiscono la biodiversità locale all’uso intensivo di pesticidi, con il lancio di prodotti chimici dagli aerei. Una pratica che contamina i suoli e l’aria delle località agricole dove sono presenti coltivazioni.
Il movimento di protesta alle pratiche della multinazionale Monsanto è esteso in tutto il mondo. Proprio in questi giorni il Nepal ha bloccato l’entrata di sementi OGM, dando ragione alle proteste di contadini e ONG locali.
Una delle ombre maggiori della Monsanto è il suo impegno nella produzione di pesticidi, diserbanti ed altri prodotti chimici che in certi casi sono stati usati anche in azioni di guerra (come accaduto per l’”agente arancio” in Vietnam). A riguardo è stato anche girato un film, che si chiama “il mondo secondo Monsanto”.

Nessun commento:

Translate