Cerca nel blog

Caricamento in corso...
"Giornalismo è diffondere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è propaganda"

sabato 16 agosto 2014

Mentre la notte scendeva stellata stellata

Sono le persone che ho incontrato nella mia vita, ad avermi insegnato i significati della vita.
Ma anche osservando gente sconosciuta, tra le strade e le vie.
Una delle cose più belle che ho visto e che difficilmente potrò scordare è la totale semplicità d'un signore danzante in un paesino che riusciva a divertirsi con poco, come un ragazzino con la sua fisarmonica, e danzava, danzava nella sua piazzetta paesana.
Percorrendo il sentiero della vita, si impara a morire, per rinascere. Io sono morto tante volte, e tutte le volte sono rinato a vita nuova! Come la metamorfosi d'una farfalla.
Gli amici indimenticabili, che non vorrei perdere mai, conosciuti per brevi periodi continuano ad essere presenti come allora, qualcosa mi hanno lasciato, indelebile, per sempre nella mia anima.
Tutte queste persone sono come petali, ognuno di loro fa parte di questo bellissimo fiore, che è la vita.
Il fiore dai mille petali?
Chissà cosa pensavano realmente di me, chissà cosa pensano di me oggi, chissà se si ricordano di me, ancora.
E' la malinconia, il ricordo, di tutti quegli attimi che potevo forse dare qualcosa di più di me stesso, qualcosa di cui loro avevano bisogno, e che non ho dato. Delle volte penso, che la superficialità dell'uomo, di me stesso è così sviluppata, che l'assoluto mi maledice!
L'eternità della vita, merita di più, le persone meritano di più.

Mentre la notte scendeva stellata stellata...


Nessun commento:

Translate