Cerca nel blog

Caricamento in corso...
"Giornalismo è diffondere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è propaganda"

domenica 26 ottobre 2014

ritornare alle origini



Nel web ci si perde, ci si perde come quando si deve affrontare un labirinto, e trovare l'uscita, la via d'uscita è ancor più difficile. Le crociate informative, di milioni d'utenti nel web, servono fino ad un certo punto, ma poi forse qualcheduno si è accorto che esistono altri valori, forse un pò più veri e più reali del Byte o Bit del mondo virtuale. Oggi se non hai un profilo Facebook, Twitter, YouTube, Instagram, Google+ non sei nessuno! Vieni visto come un coglione, oggi se non hai FANS o Follower, vuol dire che non vali, vuol dire che non sei Figo.
Quello che dico è la verità sul "pacchetto standard" dell'utente globalizzato che abita sul Pianeta Terra. Tra le tante cose che mi fanno ridere di questa società, tragicomicamente snaturata, è l'impressionante peso e pressione che essa subisce mediante il web.
Se solo le persone sapessero che il 99,9% di quello che vediamo è energia, e che solo lo 0,01% è materia...potrebbero facilmente arrivare a comprendere che un Bit o Byte d'informazione, pesa più di quanto si possa immaginare. L'informazione è energia, quindi possiede materia, e la materia ha logicamente un peso. Ti pesa la conoscenza, ti pesa sapere che questo mondo sta andando verso una direzione particolarmente strana? perché lo hai letto sulla testata giornalistica on-line? perchè lo hai letto sul forum x,y,z??? Allora tutto quest'insieme di info, prese qua e la ti hanno appesantito...
La risposta è semplice, energia=materia=peso.
La più grande fregatura di tutti i secoli, è la conoscenza!! La conoscenza non è potere, come si vocifera qua e la tra pseudo dedotti dotti letterati...ma la conoscenza è PESO.
Tutti noi ci dobbiamo liberare di macigni, di pesi incredibili che provengono dalla rete e cestinarli...
Uno dei metodi più importanti, sicuramente, è fare come si dice in gergo informatico un bel FORMAT C:
e reinstallare con tutte quelle cose belle che ci ha dato per nostra fortuna madre terra, il nostro sistema operativo mentale.
Come fare? l'unica cosa è cercare di aggrapparci alle forze dell'universo per rimuovere tutte quelle incrostazioni che ha prodotto l'informazione sulla nostra ghiandola pineale!
L'informazione non ci evolve, questo è da mettere in chiaro, l'informazione ci svela delle mezze verità, ma non la verità, perché la verità non c'è l'ha nessuno in mano. La verità si può solo percepire, percepire al meglio con una mente non pesante...
Per non essere pesanti bisogna tornare alla taranta (un video a caso clicca qui) , tornare alle origini, ai rituali, all'essenza dell'estasi! Alle usanze perdute popolari...non il gangnam style, ma alle usanze popolari che via via stiamo perdendo causa globalizzazione/digitalizzazione della società.
Bisogna imparare ad usare la TRANCE, non i trance che tu intendi, ma la trance...
Ora ti lascio qui di seguito alcune tracce audio che puoi sfruttare per ricordarti chi sei, facendoti accompagnare dalla melodia, e se sarai abbastanza fortunato, comprenderai che "quando l'elettrone vibra, l'universo sussulta".

Schiller - Leben  http://youtu.be/XhU9nPqgNYo

Oliver Shanti - Well Balanced http://youtu.be/sh12_7bF_ss

The Colling http://youtu.be/OsljCVJ9dek

Enigma - http://youtu.be/rghfQSawO4g

Wonderfull Chill out session - http://youtu.be/ZnkmCgFEmMM

Flute - http://youtu.be/IglNq4_lbEQ







2 commenti:

Jan Quarius ha detto...

Molte volte avrei voluto esprimere questo concetto con più chiarezza, ma non ero riuscito.

Ci sei riuscito tu. Quello in cui invece non riesci tu, ci riesce qualcun altro, ecc.. tutti noi facciamo parte di una sola cosa.

Guardare i TG, interessarsi delle ultime tecnologie, di chi è stato in diretta per tot tempo, chi ha lanciato un martello contro una testa o una macchina, importa poco. L'informazione ha uno scopo predefinito nei mass-media: indottrinare, manipolare il parere pubblico, terrorizzare e dividere le persone.

Formattare di tanto in tanto non fa male difatti. Qualcuno ci riesce con l'alcool, l'altro con l'impegno..

Non è vero invece che l'informazione di per sè è spazzatura. C'è informazione utile che aiuta ad evolvere la coscienza, ma quell'informazione non si offre spesso nelle scuole e nelle università, la si può percepire e comprendere con la nostra sensibilità e sottigliezza di percezione.

Jan Quarius

Andrea ha detto...

Grazie Jan. Mi fa piacere sapere che che anche tu hai pensato a qualcosa di simile.

Io scrivo in modo abbastanza istintivo, per questo uso il Blog, perchè è di classe B e non di classe A.

Essere blogger ha i suoi punti di forza...

Divide et impera, concordo, concordo anche sul fatto che l'informazione non sia tutta spazzatura, ma delle volte anche io posso sfogarmi in tutta libertà di pensiero.

Grazie del tuo commento, sono sempre ben disponibile al dialogo e alla comprensione ed allo scambio di idee.

Translate