Cerca nel blog

Caricamento in corso...
"Giornalismo è diffondere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è propaganda"

lunedì 1 dicembre 2014

Homeschooling: “Quattro figli e nessuno va a scuola”

Erika Di Martino è madre di quattro bambini: uno di due anni, uno di sei, una di otto e uno di dieci. I suoi figli non sono mai andati a scuola. O meglio, il più grande qualche giorno tra i banchi di una scuola materna se l’è pure fatto. Ma poi i genitori hanno optato per l’homeschooling, o meglio per l’unschooling. In entrambi i casi, i figli vengono educati a casa, senza zaini, maestre, campanelle, grembiuli e compagni di classe. La differenza è che nell’homeschooling si ricrea la scuola tra le mura di casa, seguendo dei programmi e dedicando un lasso di tempo specifico allo studio, mentre nell’unschooling i figli sono liberi di decidere come, dove, quando e soprattutto cosa imparare.
I ragazzi educati a casa negli Stati Uniti sono circa 2 milioni, 70mila in Inghilterra, 60mila in Canada, 3mila in Francia e 2mila in Spagna. In Italia le famiglie che hanno scelto l’educazione parentale a casa per i propri figli sono circa un migliaio. Il trend è in continua crescita. Le conferenze sul tema sono sempre più affollate di genitori “maestri”, che a settembre si ritrovano per i festeggiamenti di “Non rientro a scuola”.
E tutto è assolutamente legale. Come Erika spiega nel suo blog Controscuola, l’articolo 34 della Costituzione recita: “L’istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è obbligatoria e gratuita”. «È l’istruzione a essere obbligatoria, non la scuola», spiega Erika. «Inoltre l’articolo 30 dice che “è dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori dal matrimonio”. L’istruzione dei figli quindi è in primis una responsabilità dei genitori, non dello Stato». Basta inviare una lettera e comunicare ogni anno alla direzione didattica di competenza la volontà di educare i figli a casa. Alla prima lettera deve essere allegata l’autocertificazione che attesta «le capacità tecniche e le possibilità economiche dei genitori». Solo un’autocertificazione, senza che ai genitori venga richiesto un titolo di studio specifico.

Nessun commento:

Translate