Cerca nel blog

Caricamento in corso...
"Giornalismo è diffondere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è propaganda"

giovedì 14 aprile 2016

Il rifiuto del no

Parlare di realtà, di vita, e semplicemente si sentono le nuove mode, nel quale è facile farne parte, per sentito dire, perché alla fin fine ti identifichi...perché forse non avevi niente di meglio da fare.
Ci sono quelli della vita sana, quelli che ti dicono di non fare quello e di non fare quell'altro perché non è sano, perché è ingiusto, perché...con i mille perché....tutti tra l'altro giustissssimi.
In quel momento il Dio in terra di turno, dopo una PNL Universale riesce ad intrufolarsi nella tua mente, nella tua personalità, e forse nella tua anima...e ti ha fottuto!
Mente il mondo, va avanti e ti mostra le cose così come sono...con le sue belle macellerie, con le sue belle tabaccherie, con le sue tante belle cose...c'è chi dice e ti viene a dire che non devi fumare, bere, mangiare carne, che non e che non e che non....
La società è fatta con i suoi pro e contro, dove alla fine è più dannoso un rifiuto della società in cui si vive rispetto al viverci accettandola...
Le mille paure che si generano dallo pseudo-buonismo di massa, procurano solo conflitti.
Si dovrebbe vivere:
facendo finta che non esistessero bevande gassate, alcolici, carni animali, ecc...ecc...
La felicità cos'è?
La negazione della realtà?
L'immaginazione proiettata di un futurista visionario?
Non prendiamoci in giro...ma il mondo, questa grande prigione olografica materiale, non sarà mai il frutto di una centesima scimmia, o di una ipotetica "massa critica" di umanoidi pseudo-illuminati-cazzari-newagers, ma se avverrà un miglioramento, se dovesse avvenire...non dipenderebbe comunque ne dal singolo e nemmeno dal gruppo, ma proveniente da DIO.

Amen

(questa è solo la mia visione....)

Nessun commento:

Translate